Gli Usa seguono la Cina: gli anni'90 sono finiti (tranne che nella gabbia mortale dell'UE)

Gli Usa seguono la Cina: gli anni'90 sono finiti (tranne che nella gabbia mortale dell'UE)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il punto focale dei prossimi decenni è come fronteggiare la Cina. Gli Usa scelgono la forma militare e l'imitazione della strategia cinese anni novanta basata sugli investimenti, industriali e infrastrutturali, come via per aumentare l'apparato industriale e la produttività totale dei fattori produttivi.

Lato debole, l'enorme miseria che 50 anni di attacco al salario ha lasciato al Paese. In ogni caso, gli Usa dopo decenni giocano sulla domanda e non più sull'offerta.

Vogliono aumentare il tasso di investimento per stare al passo di quello cinese.

La Cina per decenni ha giocato sugli investimenti, sia inizialmente tramite il risparmio degli esuli, come ricorda Arrighi, sia successivamente tramite il risparmio interno nel frattempo creato, ora enorme.

Dal 2008 basano tutto su conoscenza, tecnologia, saperi, aumenti della catena del valore, high tech, in una parola il marxiano plusvalore relativo. Dopo aver dedicato il 43% del pil agli investimenti spostano l'accento sul salario e sul salario sociale, da qui la nascita di una classe media di 600 milioni di persone che l'affranca dall'Occidente, la spinta propulsiva interna diviene dunque maggioritaria. L'Ue è nata, lo dicono i suoi trattati, come zona di deflazione salariale e di smantellamento del welfare, concesso negli anni del dopoguerra per paura dell'Urss (non a caso l'attacco inizia dopo la dissoluzione dell'Urss).

La strategia è basata sull'offerta, investimenti e consumi vengono sacrificati in nome del surplus delle partite correnti che non trovando sbocco va a finire negli ...Usa.

Gli economisti dell'Ue, non si sa in base a quale teoria economica (non certo Smith), hanno ritenuto centrale basare tutto sull'abbassamento del costo del lavoro, dimenticandosi della produttività, che dipende da ben altri fattori, e della produttività totale dei fattori produttivi. Gli Usa sono ben posizionati adesso nella risposta alla Cina, ci vorrà del tempo, ma le basi sono poste, l'Ue, come sembra affermare oggi lo stesso Prodi, è ormai persa.

Ora noi abbiamo Draghi, francamente non so dove voglia andare a parare, ma il detto "dimmi con chi vai e ti dirò chi sei" dice tutto. Direzione antistorica. Occorre aver presente il quadro e gli uomini e le donne di buona volontà attrezzarsi e prepararsi per il dopo. Gli anni novanta sono finiti da un bel pezzo.

Pasquale Cicalese

Pasquale Cicalese

 

Economista. Nato a Crotone, laureato in Scienze Politiche. Sposato con Stefania, ha due figli, David e Dario. È impiegato alla Regione Calabria. Autore di "Piano contro mercato. Per un salario sociale di classe" (L.A.D., 2020)
 

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti