Global Times - Il collasso del governo afghano dimostra che non ci si può fidare degli Stati Uniti

Global Times - Il collasso del governo afghano dimostra che non ci si può fidare degli Stati Uniti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Wang Jin - Global Times

La situazione in Afghanistan è in evoluzione di giorno in giorno, anche di ora in ora. Proprio domenica, il ministro degli Interni afghano ha annunciato che Kabul trasferirà il potere a una "amministrazione di transizione", dopo che i talebani sono entrati a Kabul, la capitale del paese. Secondo quanto riferito, sono in corso colloqui tra il governo afghano e i talebani per una transizione pacifica del potere, mentre i media riferiscono che il presidente afghano Ashraf Ghani ha lasciato il Paese per il Tagikistan.

Il governo afghano non aveva altra alternativa che accettare la transizione di potere. Se avesse resistito, avrebbe generato più vittime. Dopo la transizione al potere, i talebani dovranno affrontare molti problemi, come lo sfollamento dei civili afgani, poiché l'ONU ha avvertito che potrebbero essere 390.000 gli sfollati in tutto il paese.

Le forze afghane sono composte da membri dell'Alleanza del Nord, un fronte militare unito che si è formato alla fine del 1996 dopo che l'Emirato islamico dell'Afghanistan ha conquistato Kabul. Nonostante siano 350.000, appartengono a diverse fazioni. Gli statunitensi ne erano ben consapevoli, quindi formarono una forza speciale composta dalle truppe più d'élite, ma contavano solo su circa 10.000 uomini. In questo momento, senza l'assistenza degli Stati Uniti, il governo afghano sostiene un grande onere finanziario. Mentre i talebani avanzavano velocemente, il governo afghano doveva solo accettare la sconfitta senza combattere.

Gli Stati Uniti hanno valutato male la situazione. Il mese scorso, quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha fatto osservazioni sul ritiro delle forze statunitensi in Afghanistan, ha detto: "I talebani non sono l'esercito nord-vietnamita. Non sono neanche lontanamente paragonabili in termini di capacità. Non ci saranno circostanze dove vedrete persone che vengono prelevate dal tetto di un'ambasciata degli Stati Uniti in Afghanistan”. Pochi giorni fa, i funzionari militari statunitensi hanno valutato che il crollo di Kabul potrebbe verificarsi entro 90 giorni, più velocemente di quanto inizialmente previsto. Ma ora, l'Afghanistan e il resto del mondo stanno assistendo a un cambio di governo nel paese dilaniato dalla guerra.

Tale errore di valutazione degli Stati Uniti è avvenuto quando gli Stati Uniti hanno calcolato solo le circostanze crude dei talebani e delle forze governative afgane, come il numero delle truppe e la popolazione che ciascuno di loro controllava. Ma in realtà, la rapidità della vittoria dei talebani all'inizio ha notevolmente risollevato il morale dei talebani.

Tutte le incertezze che circondano il futuro dell'Afghanistan e gli affari regionali e globali, così come l'attuale caos in Afghanistan e le paure e le preoccupazioni del popolo afghano, sono attribuite agli Stati Uniti, che stanno lasciando l'Afghanistan in modo irresponsabile. Sebbene Biden abbia affermato che è responsabilità del solo popolo afghano decidere come vuole governare il proprio paese, non può nascondere la responsabilità degli Stati Uniti per il tumulto in Afghanistan.

Gli Stati Uniti hanno riflettuto su se stessi realizzando che intervenire in Afghanistan è stato un errore. Ma tale riflessione non ha impedito agli Stati Uniti di commettere errori ancora e ancora. Gli Stati Uniti hanno deciso di non andare oltre in Afghanistan ritirando le proprie truppe, ma la loro decisione genera solo errori ancora più gravi, portando maggiori incertezze alla sicurezza in Afghanistan e nella comunità internazionale.

L'intreccio e il ritiro delle truppe statunitensi erano tutti pianificati strategicamente, entrambi in ultima analisi al servizio degli interessi statunitensi. Come ha detto domenica il segretario di Stato nordamericano Antony Blinken, "non è semplicemente nel nostro interesse rimanere in Afghanistan".

Dall'ex presidente Barack Obama, gli Stati Uniti si sono ritirati dalle missioni all'estero come l'Iraq. Durante il mandato di Trump, gli alleati degli Stati Uniti hanno dovuto affrontare un presidente imprevedibile che ha danneggiato inesorabilmente il sistema di alleanze degli Stati Uniti. Sebbene l'amministrazione Biden in carica abbia lavorato duramente per riparare la fiducia degli alleati statunitensi nei suoi confronti, gli eventi in corso in Afghanistan dimostrano solo che non ci si può fidare degli statunitensi: la protezione degli Stati Uniti è sempre assente quando è necessaria.

L'autore è professore associato presso l'Institute of Middle Eastern Studies, Northwest University

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle di Paolo Desogus Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass: si o no? di Alberto Fazolo Green Pass: si o no?

Green Pass: si o no?

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia