/ Global Times: Costringendo gli alleati a schierarsi, gli Stati Un...

Global Times: Costringendo gli alleati a schierarsi, gli Stati Uniti destabilizzano l'ordine mondiale

 


Global Times
 

Non sorprende che gli Stati Uniti, l'unica superpotenza del mondo, stiano mobilitando il sostegno internazionale e costringano le altre nazioni a scegliere da che parte stare mentre non risparmiano sforzi per fermare la crescente influenza della Cina su scala globale. Ma quando le nazioni sono costrette, è naturale che si lascino andare.

 

Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha detto ai diplomatici statunitensi che vuole che il suo paese sia "neutrale, come l'Austria", visto che gli Stati Uniti spingono per una linea più dura su Cina e Russia, secondo il Wall Street Journal.

 

Potrebbe aver espresso la posizione di molti paesi, non solo nell'Europa orientale, ma anche in altre parti del mondo.

 

L'ascesa della Cina come seconda economia più grande del mondo nel corso di 40 anni ha aumentato la sua influenza economica e politica. Mentre la Cina cerca di portare la sua idea di sviluppo e cooperazione sul palcoscenico mondiale, gli Stati Uniti ritengono che lo sviluppo sia una minaccia per l'ordine mondiale che dominano e per la sfera di influenza a cui da lungo tempo si stanno aggrappando.

 

Questa mentalità ha modellato la politica verso la Cina di Washington, che invita alla tensione e allo scontro tra i due. Di conseguenza, il messaggio agli altri paesi è che devono scegliere. Il sud-est asiatico è una delle regioni costrette a un delicato equilibrio. In un'intervista con CNBC nel 2017 e durante il summit ASEAN di Singapore nel novembre 2018, il primo ministro di Singapore Lee Hsien Loong ha sottolineato in entrambe le occasioni che il suo paese non desidera schierarsi.

 

Gli Stati Uniti dovrebbero capire che la cooperazione di altri paesi con la Cina non significa negare l'influenza degli Stati Uniti.

Per lo stesso motivo, la posizione del primo ministro ungherese Orban non significa che abbia scelto di schierarsi con la Cina, ma è un'obiezione sullo schierarsi da una parte tra Stati Uniti e Cina.

 

Mentre gli Stati Uniti delineano la loro sfera d'influenza e si abbandonano a una mentalità da Guerra Fredda, fungono da fattore destabilizzante e creano divisione nel mondo. Una tale divisione non fa bene allo sviluppo globale o regionale.

 

Si suppone che un paese promuova legami con altri paesi sulla base di interessi comuni, ma non allo scopo di costruire alleanze o partenariati per bloccare potenze in ascesa. Se gli Stati Uniti temono che i loro alleati si stiano allontanando dalla loro orbita, dovrebbero lasciare loro spazio sufficiente per fare scelte indipendenti. Ma l'approccio statunitense sta andando esattamente in direzione opposta.

 

La Cina non sarà uno spettatore nelle relazioni internazionali. Non accetterà lo scontro imposto dagli USA. La Cina non ha mai corteggiato un paese per contrastare l'altro e non formerà alcuna alleanza per contrastare gli Stati Uniti. Invece, la Cina utilizzerà lo sviluppo e la cooperazione per rompere la divisione creata dagli Stati Uniti. La storia dimostrerà quale strada serve alla pace nel mondo.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa