Gorbaciov compie 90 anni e svela: Così si poteva salvare l'URSS

Gorbaciov compie 90 anni e svela: Così si poteva salvare l'URSS

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Nel giorno del suo novantesimo compleanno, l'ultimo leader dell'Unione Sovietica, Mikhail Gorbachev, non sembra, pentirsi, di ciò che lo ha reso celebre, ovvero: la perestrojka. Ritenuto il suo più grande successo nella vita e che ha portato alla "fine del sistema totalitario".

Parlando all'agenzia di stampa russa TASS, in un'intervista pubblicata oggi, l'ex leader sovietico ha anche affermato che la sua politica di glasnost era essenziale per apportare cambiamenti all'interno del paese.

Gorbaciov ha guidato l'URSS dal 1985 fino alla sua caduta nel 1991.

Dopo essere diventato leader nel 1985, Gorbaciov implementò le sue due politiche di punta: la perestrojka e la glasnost.

"In politica, molte cose sembrano più chiare ora, ovviamente: ci sono stati alcuni passi falsi", ha ammesso. "Ma, se non avessi avuto fiducia nella gente, la perestrojka non sarebbe mai iniziata. Anch'io sono stato punito per glasnost. Ma senza glasnost, nulla sarebbe cambiato nel paese".

"Ho preso decisioni fondamentali sia nella mia vita che in politica. Non le cambierei".

La Perestrojka, vista da molti come un fattore significativo nella dissoluzione dell'URSS, fu un tentativo di ristrutturare il sistema economico e porre fine alla stagnazione, che aveva turbato il paese sin dagli anni '60. Come parte della politica, Gorbaciov ha introdotto riforme per introdurre l'economia di mercato nel sistema socialista, che successivamente hanno portato a carenze alimentari e tensioni politiche. Accanto alla perestrojka, glasnost doveva rappresentare la politica di Gorbaciov di maggiore trasparenza del governo.

Quando si tratta di lotte economiche post-sovietiche, Gorbaciov rifiuta di prendersi qualsiasi colpa, spiegando la sua convinzione che la Russia doveva evolversi lentamente,  indicando la Cina come esempio.

"Il nostro paese aveva bisogno di una graduale riforma del mercato, non di una terapia d'urto", ha spiegato. "Ma, negli anni '90, i radicali hanno preso il sopravvento. La Russia ei suoi cittadini hanno pagato a caro prezzo questo."

Oltre alla politica economica, Gorbaciov è anche noto per aver accettato il Trattato di riduzione delle armi strategiche del 1991 con il presidente degli Stati Uniti George HW Bush, scaduto nel 2009. Negli anni successivi, il trattato si è evoluto, con l'iterazione più recente firmata dai presidenti Barack Obama e Dmitry Medvedev nel 2010.

Lunedì, parlando a Sputnik News, Gorbaciov ha ribadito l'importanza di affrontare il tema delle armi nucleari.

"Il mondo intero dovrebbe affrontare la questione nucleare", ha detto, indicando la sua dichiarazione congiunta del 1985 tra il presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan, in cui affermava che "una guerra nucleare non può essere vinta e non deve mai essere combattuta".

Su un possibile ritorno all'URSS, Gorbaciov ha precisato: "Ho detto più di una volta: l'Unione avrebbe potuto essere preservata. Certo, rinnovata, riformata, dando alle repubbliche ampi diritti, vera sovranità. E ora gli stati indipendenti esistono da quasi 30 anni. C'è l'Unione economica eurasiatica, l'Organizzazione del trattato di sicurezza collettiva. Queste organizzazioni devono essere rafforzate. E fare di tutto per ristabilire i rapporti con quelle repubbliche con le quali ora siamo in contrasto. Abbiamo bisogno di un programma del genere."

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Nuova diffamazione contro l'idrossiclorochina: cui prodest? di Francesco Santoianni Nuova diffamazione contro l'idrossiclorochina: cui prodest?

Nuova diffamazione contro l'idrossiclorochina: cui prodest?

Giornali e Tv italiane censurano il tentato golpe in Bielorussia di Marinella Mondaini Giornali e Tv italiane censurano il tentato golpe in Bielorussia

Giornali e Tv italiane censurano il tentato golpe in Bielorussia

La verità sul piatto La verità sul piatto

La verità sul piatto

Superlega e UE: 2 facce della stessa medaglia di Antonio Di Siena Superlega e UE: 2 facce della stessa medaglia

Superlega e UE: 2 facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti