Grande riunione interparlamentare sino-russa in corso a Pechino

Grande riunione interparlamentare sino-russa in corso a Pechino

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dal portale russo MIR

[traduzione di Nora Hoppe]

 

Dal 9 al 12 luglio, il primo vicepresidente della commissione per gli affari internazionali della Duma di Stato e presidente del consiglio di amministrazione della Fondazione ["Russkiy Mir" / "Mondo russo" Vyacheslav Nikonov* è in visita in Cina nell'ambito di una delegazione del Consiglio della Federazione russa. La delegazione di parlamentari russi è guidata dalla Presidente del Consiglio della Federazione Valentina Matvienko.

Il 10 luglio, i membri della delegazione russa hanno incontrato Zhao Leji, presidente del Comitato permanente dell'Assemblea nazionale del popolo cinese.

"È stata una conversazione, direi, molto franca...", ha commentato Vyacheslav Nikonov sull'esito dell'incontro. "Oggi abbiamo discusso il contenuto delle relazioni e le valutazioni sulla situazione internazionale generale, che coincidono ampiamente. Il movimento verso il multipolarismo è indubbiamente in corso grazie agli sforzi dei nostri Paesi. Vorrei anche sottolineare l'importanza di rafforzare la cooperazione su tutti i fronti, compresa la cooperazione parlamentare, sia a livello del Consiglio della Federazione che della Duma di Stato, nonché delle assemblee legislative dei comuni. Abbiamo già concluso 157 accordi di cooperazione bilaterale e la cooperazione continuerà a migliorare in futuro.

"La parte cinese ha espresso valutazioni molto severe sulla politica americana, che di solito non si sentono nello spazio pubblico cinese. In particolare, ha parlato della necessità di contrastare l'egemonismo americano e la legislazione extraterritoriale americana.

"E sull'Ucraina: vorrei notare che c'è stato un sostegno alla posizione russa. La Cina aderisce certamente all'iniziativa di mantenimento della pace, che è condivisa dalla parte russa. Purtroppo, la controparte non è molto interessata ai negoziati, e questo è ben compreso non solo dal compagno Zhao Leji ma anche dall'intera leadership cinese.

"Rispetto alle precedenti commissioni interparlamentari, e questa è già l'ottava, devo dire che... il livello di franchezza è, ovviamente, molto più alto ora. Il desiderio di sviluppare le relazioni è chiaramente aumentato. Il nostro fatturato commerciale è in crescita – è stata citata una cifra del 40%.

"Zhao Leji ha ricordato che il Presidente Putin e Xi si sono incontrati 9 volte solo in Russia e 40 volte in totale. Il dialogo è davvero molto fitto. Ed è ovvio che la politica degli Stati Uniti, che stanno conducendo una guerra commerciale contro la Cina (anche se la parola guerra non è stata pronunciata in cinese, ma il significato era esattamente lo stesso), ovviamente spinge la Cina a sviluppare le relazioni con noi. Inoltre, naturalmente, la politica basata sui valori e il sincronismo di vedute su un gran numero di problemi che esistono nel mondo, così come la cooperazione economica reciprocamente vantaggiosa, che sta crescendo in modo molto dinamico".

Rispondendo alla domanda sulle aree in cui si svolgerà il lavoro legislativo congiunto, V. Nikonov ha osservato che esso riguarderà sia questioni economiche che politiche: "Dal punto di vista economico: è chiaro che le imprese cinesi non si sentono al 100% a proprio agio in Russia. Questo vale sia per la conversione di valuta che per i punti legislativi. C'è poi un campo di interazione nella legislazione legata alla difesa della propria sovranità nazionale. Abbiamo parlato, in particolare, della legislazione sugli agenti stranieri, sulle ONG straniere che cercano di influenzare la politica. Esiste anche un monitoraggio internazionale delle attività dei laboratori biologici americani, finanziati dal Pentagono e che conducono ricerche batteriologiche tutt'altro che pacifiche. Pertanto, lo spettro legislativo della nostra cooperazione è piuttosto ampio."


* Vyacheslav Nikonov è presidente del Consiglio di amministrazione del Comitato nazionale per la ricerca sui BRICS+, primo vicepresidente del Comitato per gli affari internazionali della Duma di Stato della Federazione russa, presidente del Consiglio di amministrazione della Fondazione Mondo russo MIR, preside della Facoltà di amministrazione pubblica dell'Università statale Lomonosov di Mosca, presidente delle fondazioni Politika e Unità nel nome della Russia.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti