HSBC si unisce alle aziende che lasciano l'Argentina

HSBC si unisce alle aziende che lasciano l'Argentina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le grandi aziende internazionali continuano a lasciare l’Argentina. A loro si è aggiunta la holding bancaria HSBC Holdings PLC, riferisce Bloomberg.

Il presidente argentino Javier Milei sta cercando di attrarre investimenti esteri per contribuire a stabilizzare l’economia traballante. Invece, alcune grandi aziende internazionali stanno lasciando il Paese, si legge nella pubblicazione.

HSBC Holdings PLC venderà le sue attività in Argentina al Grupo Financiero Galicia per 550 milioni di dollari. Clorox ha già abbandonato l'Argentina e Exxon Mobil Corp. potrebbe andare via. Walmart Inc., Falabella SA e LatAm Airlines Group SA hanno lasciato l'Argentina durante la pandemia.

L'unità argentina di HSBC "provoca una significativa volatilità negli utili del gruppo", ha affermato in una dichiarazione l'amministratore delegato Noel Quinn, aggiungendo che le sue attività in Argentina "hanno una connettività limitata con il resto della nostra rete internazionale".

La decisione di lasciare il paese arriva nel mezzo della peggiore crisi economica dell’Argentina degli ultimi due decenni. Gli analisti prevedono che l’economia del Paese subirà una contrazione per il secondo anno consecutivo. Per aiutare a combattere l’inflazione e ridurre il deficit di bilancio, il presidente ultraliberista è ricorso a riforme economiche shock, svalutando il peso di oltre il 50% e tagliando la spesa pubblica. Gli analisti intervistati da Bloomberg prevedono che l’inflazione raggiungerà quasi il 300% su base annuo.

 
 

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti