I caccia F-35 sono vulnerabili agli attacchi informatici?

I caccia F-35 sono vulnerabili agli attacchi informatici?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Lockheed F-35 Lightning II è considerato il jet da combattimento più ricercato al mondo. Sarebbero diversi i paesi interessati all’acquisto dei caccia, Tra questi troviamo gli Emirati Arabi Uniti che vorrebbero inserire gli F-35 nella loro flotta nonostante la contrarietà di Israele. 

Sviluppato dal gigante aerospaziale americano Lockheed Martin con sede nel Maryland, il caccia stealth F-35 multiruolo monoposto, monomotore e per tutte le missioni è un velivolo progettato per svolgere una serie di ruoli, tra cui superiorità aerea e missioni d'attacco.

L'F-35 è un caccia letale - evidenzia The Eurasian Times - che punta sulla sua tecnologia che lo rende invisibile per evitare di essere rilevato dai radar nemici. L'avanzata tecnologia stealth lo ha reso quasi invincibile fino a quando non è stato rivelato che il sistema missilistico terra-aria S-400 di fabbricazione russa può abbatterlo.

Ma c’è di più. I progettisti temono anche attacchi hacker. Mentre il team F-35 negli Stati Uniti sta già lavorando per migliorare le capacità dei caccia, in particolare con la variante "Block Four", i caccia potrebbero essere vulnerabili agli attacchi informatici.

Inutile dire che gli attacchi informatici stanno diventando ogni giorno più complessi e sofisticati, con quasi tutto ciò che è connesso a Internet incline all'hacking.

Che si tratti di telefoni cellulari, computer o server, qualsiasi gadget elettronico potrebbe essere un parco giochi per gli hacker se non è adeguatamente protetto dal giusto tipo di procedure di sicurezza informatica.

Anche il jet da combattimento più moderno come l'F-35 può essere compromesso dato che vanta funzionalità digitali ad alta tecnologia tra cui la fusione di sensori di tipo AI, viste della telecamera a 360 gradi, collegamenti dati migliorati, un database di informazioni sulle minacce a portata di mano , e un sistema logistico computerizzato altamente avanzato, secondo un'analisi di Interesting Engineering.

Il motivo principale è che il moderno cockpit dell'F-35 e il sistema di programmazione avanzato possono essere manipolati da aggressori online sconosciuti. Normalmente, un caccia da combattimento, il suo sistema e le funzioni complessive sono dotati delle strategie di sicurezza informatica più appropriate per prevenire contrattempi durante le missioni in corso.

Con le forze armate di tutto il mondo che cercano di migliorare le loro opzioni di combattimento e sicurezza facendo sempre più affidamento su elaborazioni informatiche, algoritmi e reti interconnesse, piattaforme principali e sistemi d'arma, c'è una maggiore possibilità che vengano presi di mira per attacchi informatici.

Il caccia F-35 vanta un'avionica avanzata, un armamento impressionante e, allo stesso tempo, può essere utilizzato in missioni di guerra elettronica e di intelligence, sorveglianza e ricognizione.

È probabile che questo "computer volante", come viene spesso chiamato il jet da combattimento, possa cadere preda di nemici invisibili piuttosto che di un missile in arrivo.

 

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti