/ I curdi attaccati dalla Turchia, alleati con i nemici storici del...

I curdi attaccati dalla Turchia, alleati con i nemici storici della Siria, non hanno capito che 'Washington non paga i traditori'

 

"Le YPG sono state lasciate sole e arrendersi incondizionatamente a Damasco, disarmando le loro milizie, potrebbe impedire il massacro di civili che sta per accadere", secondo Alberto Rodríguez García, giornalista specializzato in Medio Oriente, propaganda e terrorismo


Segue l'analisi di Alberto Rodríguez García, giornalista specializzato in Medio Oriente, propaganda e terrorismo
 
"La Turchia andrà presto avanti con la sua operazione a lungo pianificata nel nord della Siria. Le forze armate degli Stati Uniti non sosterranno né parteciperanno all'operazione, avendo sconfitto il "califfato" dell'ISIS, non sarà più nelle immediate vicinanze." In questo modo la Casa Bianca ha reso ufficiale il fatto che avrebbe lasciato le YPG / forze democratiche siriane completamente esposte all'invasione della Turchia e dei suoi ribelli.
 
Come già previsto da più di un anno, la Turchia ha deciso di invadere l'autoproclamata Federazione Democratica della Siria del Nord con le parole del governo:"sradicare la presenza dello Stato Islamico, del Pkk e trasferire i rifugiati" nell'Operazione Spring of Peace. Questa campagna non è altro che la logica prosecuzione dell'operazione Olive Branch, in cui dal 20 gennaio 2018 i turchi e anche i ribelli hanno conquistato Afrín espellendo completamente l'YPG. Guardando indietro, tuttavia, l'invasione di Afrin da parte della Turchia non ha portato nulla di positivo alla regione. Dall'operazione Olive Branch, Afrín è diventato un centro di violenza, rapimenti, omicidi, saccheggi e, in sostanza, instabilità.
 
Contro la retorica consolidata, Erdogan non cerca di impadronirsi della Siria, né perpetua un genocidio contro i curdi né vede una nuova rinascita del "Califfato". Gli obiettivi del presidente turco sono molto chiari: espellere l'YPG, la sezione siriana del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) che funge da insurrezione guerriglia contro il governo turco, almeno 30 chilometri a sud del suo confine e, per inciso, stabilire un territorio in cui "trasferire" i rifugiati, che sono diventati un problema per il governo. Per questo, tuttavia, Erdogan ha i criminali dell'esercito nazionale siriano, che nonostante il loro nome non sono altro che jihadisti e mercenari che rispondono alle linee guida di Ankara. I gruppi che vogliono conquistare ora il nord-est della Siria sono gli stessi che ad Idlib coesistono con al-Qaeda. Non sorprende che il leader di Hayat Tahrir al-Sham, Abu al-Jolani, sia un difensore dell'intervento turco. È a causa del fanatismo di questi gruppi che, oltre ai curdi, i cristiani assiri e armeni sono anche vittime della Turchia e dei suoi criminali.
 
Nelle prime ore dell'Operazione Spring of Peace, i ribelli hanno già bombardato 181 bersagli con aerei e artiglieria, conquistato diverse località, assediato la prima linea difensiva "curda" a Tell Abyad e causato decine di vittime e migliaia di sfollati. Di fronte a questa debacle, le YPG sono state lasciate sole e, arrendersi incondizionatamente a Damasco, disarmando le loro milizie, potrebbe impedire il massacro di civili che sta per accadere.
 
Una storia di tradimenti
 
Non è rischioso dire che i cosiddetti "curdi", cioè YPG e il suo apparato politico PYD, sono stati lasciati soli perché se la sono cercata. C'è una riflessione molto ripetuta da parte dei nazionalisti curdi e dei loro apologeti che affermano: "Senza più amici che le montagne". A questo punto, nemmeno le montagne sono amiche dell'YPG. Il PYD e i nazionalisti curdi, dalla mentalità a breve termine e dagli interessi immediati del clan, decisero di mettere le loro ambizioni politiche davanti alla comunità. Le YPG hanno deciso di lasciarsi ingannare dalla lingua del serpente americano e dai nemici della Siria con la promessa di autonomia - stato etno-de facto - come quella del governo regionale di Bardani del Kurdistan, non così diversa da ciò che significava la creazione dello stato ebraico di Israele.
 
Le stesse YPG che ora chiedono disperatamente aiuto alla Russia e alla Siria non hanno esitato nel 2012 ad essere semplici spettatori mentre guardavano l'esercito arabo siriano sanguinare a nord.
Sono le stesse YPG che nel 2013 ha ucciso 376 e catturato 790 soldati dell'esercito siriano (e nessun ribelle). Sono le stesse YPG che nello stesso anno cercarono di espellere le autorità siriane da Hasaka. Sono le stesse YPG che nel 2014 hanno tentato di espellere le autorità siriane da Qamisli. Sono le stesse YPG che nel 2015 hanno creato le forze democratiche siriane, stringendo alleanze con gli stessi gruppi ribelli che avevano combattuto l'esercito siriano per anni. Alcuni di questi gruppi, come Jaysh Thuwar ar-Raqqa, Liwa al-Jihad fi Sabeel Allah o Liwa Owais al-Qorani tra l'altro, ex alleati di al-Qaeda e persino dell'ISIS. Sono le stesse YPG che nel 2016 hanno tentato di nuovo di espellere le autorità siriane de Qamisli e Hasaka, attaccando direttamente gli assiri locali. Sono le stesse YPG che nel 2017 ha affrontato l'esercito siriano a Tabqa. Sono le stesse YPG che hanno chiuso le scuole nel 2018 e arrestato i patriarchi assiri per non aver accettato il modello nazionalista curdo che volevano imporre alla popolazione riscrivendo la storia. Sono le stesse YPG che nel 2019 avevano già consegnato almeno 12 basi nel nord della Siria negli Stati Uniti.
Basta avere un po' di memoria, quindi, per capire che il governo siriano "non è disposto a negoziare con i gruppi curdi sostenuti dagli Stati Uniti".
 
"Contro la retorica consolidata, le  YPG non furono quelle che salvarono la Siria dalla barbarie dello Stato Islamico. Mentre giocavano un ruolo fondamentale nella lotta contro il gruppo terroristico, i loro progressi furono più motivati ??per impedire all'esercito siriano di recuperare Raqqa e i pozzi di gas e petrolio rispetto alla lotta rivoluzionaria e antiterroristica ".
 
Non c'è altra parte in Siria che abbia causato più vittime allo Stato islamico della Russia e dell'esercito siriano, senza dimenticare il titanico lavoro degli iracheni contro il califfato.
 
Le YPG per anni sono state viste come il cavallo vincente della guerra. Avevano il sostegno della NATO, nell'ultimo anno hanno sequestrato la maggior parte delle risorse siriane di petrolio e gas e l'autonomia era una realtà. Ma tutto ciò non era altro che una chimera. Non hanno mai avuto il controllo della situazione. Erano poco più che burattini, utili idioti accecati dall'ambizione politica, creavano servi per le forze che volevano distruggere la Siria. Ma ora non hanno niente da offrire. Per anni hanno chinato le loro teste rassegnate al mandato americano senza vedere, ubriachi delle promesse di autonomia, che prima o poi gli Stati Uniti avrebbero dovuto scegliere tra una milizia tribale senza amici sul terreno o uno dei più grandi eserciti della NATO.
 
Come Diodoro, Orosio e Apiano che tradirono Viriato, le YPG decisero di andare a letto con i nemici tradizionali della Siria per soddisfare le loro ambizioni politiche. Pertanto, aprirono le basi settentrionali alle truppe americane, francesi e britanniche. In tal modo, raggiunsero accordi con l'Arabia Saudita e addirittura con i recalcitranti sionisti. Quindi, hanno rubato petrolio e gas siriani da al-Omar, Atallah, Jafra, Tanak ... Ma ora che hanno smesso di essere utili, Trump ha risposto allo stesso modo del proconsole Quinto Servilio Caepio: Washington non paga i traditori.
 
 
Fonte: Foto AFP
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa