World Affairs/I paesi BRICS dicono "no" al dollaro

I paesi BRICS dicono "no" al dollaro

 

L'uso sfrenato della macchina da stampa in dollari statunitensi porterà a un'imminente svalutazione della valuta americana, avverte l'analista Maxim Rúbchenko. Per ridurre il rischio, sempre più paesi stanno cercando di sostituire il dollaro nel commercio estero con altre valute e i paesi del gruppo BRICS sono in prima linea in questo processo

Secondo il Servizio doganale federale, la quota del dollaro nelle transazioni della Russia con India e Cina è diminuita dal 73% al 49% in un trimestre dell'anno scorso, mentre le valute nazionali sono aumentate dal 19% nel 2018 al 28% in 2019. Il rublo rappresenta il 14% degli scambi della Russia con i paesi BRICS - Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica - sei punti percentuali in più rispetto al 2018.

Gli analisti affermano che la partecipazione delle valute nazionali, basate sulle vaste riserve auree delle banche centrali, crescerà rapidamente nel commercio internazionale. Non è un caso che l'anno scorso i maggiori acquirenti del metallo prezioso siano stati la Russia , la Cina e l'India.
 
Secondo il World Gold Council (WGC), Mosca ha acquistato 186,1 tonnellate di oro dal 2019. Pechino ha aumentato le riserve d'oro di 105,9 tonnellate durante lo stesso periodo, Delhi —in 41,4— . In totale, secondo il WGC , lo scorso anno le banche centrali del mondo hanno ottenuto 651 tonnellate di metallo prezioso. È un record negli ultimi 49 anni.
 
Questa settimana, l'oro è stato scambiato al prezzo più alto dal 2012: oltre $ 1.750 l'oncia. Gli analisti ritengono che questo non sia il suo limite, poiché il metallo prezioso è lo strumento di investimento più affidabile in tempi di crisi.
 
Gli esperti sottolineano che l'aumento delle riserve auree indica che i paesi continueranno a ridurre i loro investimenti in buoni del tesoro statunitensi, nonché l'uso del dollaro nel commercio internazionale.
 
Secondo Rúbchenko, la fiducia degli investitori nel tradizionale patrimonio protettivo - titoli del Tesoro USA - sta diminuendo rapidamente. Secondo il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, a marzo, i luogotenenti stranieri hanno venduto obbligazioni per quasi $ 300 miliardi.
Pertanto, l'Arabia Saudita si è sbarazzata delle obbligazioni statunitensi, valutate a $ 25,3 miliardi, il Brasile a $ 21,5 miliardi, l'India a $ 21 miliardi, la Tailandia a $ 9,5 miliardi.
 
La Banca di Russia, che nel 2018 aveva venduto quasi tutte le sue partecipazioni in titoli del Tesoro USA, ha tagliato il resto tre volte da $ 12,58 miliardi a $ 3,85 miliardi, costituendo meno dell'1% delle riserve internazionali del paese.
Secondo la banca di investimento JP Morgan ?has?, il motore della crescita economica si sta spostando in Asia. Nei prossimi decenni, il dominio degli Stati Uniti e del dollaro nell'economia mondiale sarà sostituito da un sistema dominato dall'Asia.
 
Questo significa che il dollaro diventerà più economico rispetto ad altre valute e oro. Le statistiche mostrano che Russia, Cina e India sono completamente preparate per questo nuovo scenario, conclude Maxim Rúbchenko.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa