Siria e dintorni/Idlib. Decine di siriani protestano contro l'occupazione turca

Idlib. Decine di siriani protestano contro l'occupazione turca

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Decine di persone dalla campagna di Idlib hanno organizzato, oggi, una protesta davanti al posto di osservazione turco nella città di Tal Touqan, nella campagna meridionale di Idlib, per denunciare la presenza turca all'interno dei territori siriani.


 
 Proteste davanti ai posti di osservazione turchi a Idlib, Siria, 16 settembre 2020


La popolazione, secondo quanto riferisce l'edizione di Sputnik in arabo, sostiene che "le forze turche presenti sul suolo siriano sono considerate forze di occupazione, e sostengono gruppi armati al servizio dei loro interessi politici ed economici", Inoltre, chiede alla Turchia di lasciare i territori siriani, in particolare i punti di osservazione situati all'interno delle aree controllate dallo Stato siriano e recentemente liberate dall'esercito siriano nelle campagne di Hama e Idlib. 

 
 Proteste davanti ai posti di osservazione turchi a Idlib, Siria, 16 settembre 2020

I manifestanti hanno ritenuto, secondo il corrispondente, che la presenza turca nei territori siriani contribuisce notevolmente ad ostacolare la soluzione politica, fornendo armi e munizioni ai gruppi armati e sostenendoli direttamente per mantenere lo stato di tensione nella regione.
 
 Proteste davanti ai posti di osservazione turchi a Idlib, Siria, 16 settembre 2020

I manifestanti hanno scritto sulla bandiera turca fissata su un cancello, che sembra essere una porta per uno dei centri turchi nella provincia siriana di Idlib , frasi come "Viva la Siria, Via al-Assad". Manifestanti hanno appeso una foto del presidente siriano Bashar al-Assad sul cancello.
 
 
 
Fonte: Foto Sputnik
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa