/ Il candidato presidente dell'Argentina Alberto Fernández in carce...

Il candidato presidente dell'Argentina Alberto Fernández in carcere da Lula, denuncia il lawfare in America Latina

 
 

"Se Lula non è libero è perché lo Stato di diritto non funziona bene", ha dichiarato il candidato alla presidenza del Frente de Todos, Alberto Fernandez, all'uscita della prigione di Curitiba, dove ha incontrato l'ex presidente del Brasile e leader del Partido de los Trabajadores.

 

Dopo la sua visita con l'ex ministro degli Esteri brasiliano Celso Amorin, Fernandez ha chiesto di alzare la guardia circa le minacce che si trovano a fronteggiare le democrazie nella regione e ha detto che "il governo brasiliano non si rende conto che sta creando una macchia per il paese tenendo Lula prigioniero".

 

L'ex ministro degli Esteri brasiliano ha descritto l'incontro come "emozionante” e ha accolto con favore la visita del candidato, perché "dimostra una vera solidarietà" con una causa, come la detenzione di Lula che è "simbolica per tutta l'America Latina" circa la persecuzione contro i presidenti popolari dell’inizio del secolo.

 

In questo senso, Fernandez ha affermato che "l'arresto di Lula non passa inosservato" per gli argentini. "È un uomo la cui innocenza non metto in dubbio e ha tutto il diritto di essere libero”. "Il Brasile non merita di avere una macchia come l'arresto di Lula. Il popolo brasiliano non se lo merita", ha denunciato il candidato presidenziale.

 

"Il primo compito che hai è vincere le elezioni in Argentina, perché con questa vittoria potremmo avere una speranza del ritorno della democrazia in Sud America", ha incoraggiato l'ex ministro degli esteri brasiliano, a conclusione della riunione.

 

All’esterno della prigione federale di Curitiba, Amorin ha spiegato che l'accordo commerciale annunciato dai presidenti Macri e Jair Bolsonaro tra il Mercosur e l'Unione Europea è stato un altro degli argomenti di conversazione nel corso della riunione, così come il messaggio di Papa Francesco rispetto al ruolo del potere giudiziario.

"Noi non siamo d'accordo con la negoziazione con l'Unione Europea, che iniziammo a Vienna quando eravamo funzionari”, ha ricordato Fernandez con l'ex ministro degli Esteri, per poi concordare, che condanna i paesi Mercosur a un nuovo processo di deindustrializzazione.

 

«Mi piace parlare seriamente, non conosciamo ancora i dettagli dell'accordo. Per quello che si sa, è stato un accordo annunciato in fretta in modo che Macri possa mostrare un risultato nella sua campagna elettorale", ha lamentato il candidato del Frente de Todos. "Se l'accordo è quello che diamo per scontato, inviamo le materie prime e ci mandano i prodotti industriali, dobbiamo rivederlo” inoltrare Fernández e ha ricordato che la Francia è stato il primo paese ad avanzare che non può approvarlo come è stato redatto.

 

Il candidato alla presidenza dell’Argentina ha poi denunciato i casi di lawfare nel cono meridionale: Ecuador, Argentina e Brasile. "L'oggetto di persecuzione sono i leader, ex presidenti, e in tutti e tre i casi v'è una forzatura dell'interpretazione delle prove per coinvolgerli in eventi in cui non avevano nulla a che fare".

Fonte: Pagina|12
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa