Il commercio all’interno dei BRICS ha superato i 762 miliardi di dollari nel 2022

Il commercio all’interno dei BRICS ha superato i 762 miliardi di dollari nel 2022

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il blocco BRICS rappresenta ormai il 25% della ricchezza mondiale, il 42% della popolazione sulla terra ed il 15% del commercio globale. All’interno del blocco, il commercio tra gli Stati membri del BRICS ha raggiunto i 762 miliardi di dollari nel 2022, con gli investimenti esteri che svolgono un ruolo importante nella crescita delle economie del blocco, secondo quanto affermato dal presidente sudafricano Cyril Ramaphosa. "Mentre celebriamo il 15° anniversario dei BRICS, lo scorso anno il commercio tra i paesi BRICS ha raggiunto un totale di 762 miliardi di dollari. Gli investimenti esteri hanno svolto un ruolo importante nella crescita delle economie BRICS. Il totale degli investimenti diretti esteri annuali nei paesi BRICS è quattro volte maggiore di quello del 20 anni fa", ha dichiarato Ramaphosa durante il vertice annuale di alto livello del blocco, in corso di svolgimneto da martedì a giovedì a Johannesburg. La crescita economica dei paesi BRICS “deve essere sostenuta dalla trasparenza” ed “essere compatibile con un sistema commerciale multilaterale che sostenga un’agenda di sviluppo”, ha osservato il presidente del Sud Africa, che presiederà il blocco nel 2023.

"Abbiamo bisogno di una riforma fondamentale delle istituzioni finanziarie globali, affinché possano essere più agili e reattive alle sfide che le economie in via di sviluppo si trovano ad affrontare", ha evidenziato il leader sudafricano. 

La Nuova Banca per lo Sviluppo dei BRICS è all’avanguardia in questo settore poiché ha dimostrato la capacità di mobilitare risorse per le infrastrutture e lo sviluppo sostenibile nelle economie emergenti sin dalla sua istituzione nel 2015, ha aggiunto Ramaphosa.

Un altro tema all’oridne del giorno è l’uso del dollaro, con il presidente russo Vladimir Putin che, parlando virtualmente, afferma che gli sforzi per de-dollarizzazione stanno guadagnando terreno. “La quota delle operazioni di importazione ed esportazione in dollari USA all’interno dei BRICS è in calo, l’anno scorso era solo del 28,7%. In realtà questo vertice discuterà l’intera gamma di questioni relative alla transizione alle valute nazionali in tutti i settori della cooperazione economica per quanto riguarda le nostre cinque nazioni”.

Nel frattempo, il presidente del Brasile Lula Da Silva, afferma che il suo paese è tornato in Africa dopo un calo del commercio negli ultimi anni.

“È inaccettabile che nel 2022 il commercio del Brasile con l’Africa sia diminuito di un terzo rispetto al 2013, quando erano quasi 30 miliardi di dollari, il commercio dall’Africa corrisponde ancora al 3,5% del commercio estero del Brasile, c’è ancora spazio per crescere”.

Nel frattempo, l’India si è impegnata a trasferire le competenze digitali nel blocco.

Il Primo Ministro Narendra Modi afferma a tal proposito: "L'India ha il costo per gigabyte più basso, dai venditori ambulanti ai grandi centri commerciali, tutti utilizzano UPI che è l'interfaccia di pagamento unificata oggi. L'India è il paese con il maggior numero di transazioni digitali nel mondo, anche paesi come gli Emirati Arabi Uniti, Singapore e la Francia si stanno unendo a questa piattaforma e ci sono diverse possibilità di lavorare su questa piattaforma anche con i paesi BRICS”.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Meloni al contrattacco di Pasquale Cicalese Meloni al contrattacco

Meloni al contrattacco

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti