Il comunista russo Zyuganov esalta il PCC: «Ha trasformato il paese in una delle più grandi economie del mondo»

Il comunista russo Zyuganov esalta il PCC: «Ha trasformato il paese in una delle più grandi economie del mondo»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Lo scorso 4 di marzo sulle colonne del quotidiano "Pravda" è apparso un significativo articolo intitolato "I più importanti segreti del successo del Partito Comunista Cinese: saper imparare dalla storia e dal popolo". L'autore dell'articolo è Gennadij Zyuganov, presidente del Comitato Centrale del Partito Comunista della Federazione Russa e Dottore in Filosofia. 

Il dirigente comunista russo ha salutato i grandi risultati raggiunti dal Partito Comunista Cinese (PCC), che danno lustro al socialismo internazionale e ha attribuito i suoi successi alla capacità di imparare dalla storia e dal popolo, come evidenzia CGTN. 

Sostenere il principio della supremazia del popolo e delle azioni incentrate sul popolo è la ragione principale che garantisce un rapido sviluppo in Cina, ha affermato Zyuganov.

Con la guida del PCC, il popolo cinese è in grado di superare tutte le sfide sul suo cammino per lo sviluppo del socialismo con caratteristiche cinesi.

Secondo Zyuganov, i contributi del PCC al socialismo internazionale possono essere riassunti in diversi aspetti. In primo luogo, è riuscito a trasformare un quarto della popolazione mondiale in cittadini della Cina socialista con la fondazione della Repubblica Popolare Cinese nel 1949.

Grazie al modello di sviluppo con caratteristiche cinesi, il PCC ha trasformato il paese in una delle più grandi economie del mondo, che, secondo Zyuganov, pone una solida base materiale per il futuro sviluppo della Cina.

La Cina va ringraziata, sottolinea il comunista russo, per aver portato in seno alla comunità internazionale iniziative pacifiche e innovative. Inoltre ha sottolineato che il raggiungimento del socialismo in tutto il mondo dipende in gran parte dai risultati che otterrà il PCC in futuro.

Zyuganov ha parlato molto bene della visione proposta dal PCC di "costruire una comunità con un futuro condiviso per l'umanità" e ha osservato che la "Belt and Road Initiative" è la strada giusta per stabilire un mondo di prosperità e giustizia a lungo termine.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti