Il Draghismo di carta e quel "volpone" di De Luca

Il Draghismo di carta e quel "volpone" di De Luca

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ma che altro ora farà Vincenzo de Luca? Indossare il colbacco e suonare con la balalaika l'inno nazionale sovietico? Il più lo ha già fatto in questi giorni: unico tra i politici mainstream, nel suo seguitissimo video del venerdì attaccava le fake news contro la Russia; due giorni dopo promuoveva uno spettacolo con ballerini russi e ucraini che faceva schiumare di rabbia il console dell’Ucraina a Napoli, il giorno dopo presenziava alla inaugurazione del murales di Jorit su Dostoevskij, già lodato da Putin… Un commovente ravvedimento sulla Strada per Damasco? No. L’intuito di un Volpone della Politica che, conoscendo bene i suoi polli, riesce ad anticiparne le reazioni; a differenza del segretario del suo partito che, credendo a quello che fa scrivere ai giornali, è arrivato a invocare l’embargo del gas russo.

De Luca sa benissimo che questa guerra – a differenza delle tante altre della Nato – gli Italiani, invece di limitarsi a guardarla in televisione, la soffriranno con la miseria e che la forsennata crociata mediatica contro la Russia non reggerà di fronte agli scaffali vuoti dei supermercati, interi comparti economici falliti e milioni di nuovi disoccupati. Sa benissimo che la gente “crede” alle fake news solo quando queste rafforzano la percezione di un sistema politico che ci si illude garantirà benessere. E che quando – come il 25 luglio 1943 - questo crolla, nessuno ci “crede” più.

Certo, il Fascismo riuscì a sopravvivere a tre anni di miseria, bombardamenti, sconfitte… prima che slogan come “Burro o cannoni” si dissolvessero. Ma questo regime aveva avuto venti anni per consolidarsi. Il Draghismo, pur reggendosi su due anni di terrorismo Covid che ha imbecillito milioni di Italiani, è una Tigre di Carta. “Pace o aria condizionata” è ora il suo slogan. Ma quanto volete che duri un regime così?

Francesco Santoianni

Francesco Santoianni

Cacciatore di bufale di e per la guerra. Autore di "Fake News. Guida per smascherarle"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti