Il Drago non dorme più: la Cina sta per sostituire gli USA come prima potenza navale e per Washington è troppo tardi per fermarla

Il Drago non dorme più: la Cina sta per sostituire gli USA come prima potenza navale e per Washington è troppo tardi per fermarla

La Cina potrebbe presto spostare l'equilibrio navale mondiale e scalzare gli Stati Uniti come il moderno padrone dei mari. Il processo sembra essere già in corso e non c'è molto che Washington possa fare per fermarlo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Visibilmente scossa da ciò che ha visto in una foto che mostra solo uno dei cantieri militari cinesi vicino a Shanghai, la rivista commerciale Forbes ha recentemente raccontato ai suoi lettori una storia allarmante sulla "velocità impressionante" e sulla "vasta scala" della modernizzazione navale cinese.
 



 
Il cantiere in questione sembra davvero uno spettacolo impressionante da vedere. Lì, si possono vedere un totale di nove cacciatorpediniere di nuova costruzione allineati lungo la banchina e attraccati in un bacino interno del cantiere navale. Al contrario, l'intera Royal Navy britannica ha un totale di sole sei navi di classe simile, osserva Forbes .
 
Come se non bastasse, lo stesso cantiere sta costruendo anche la più nuova portaerei cinese - la terza di fila. la seconda, chiamato  Shandong , è stata commissionata dalla People's Liberation Army Navy (PLAN) all'inizio di questa settimana. Progettato per trasportare 36 jet da combattimento J-15, è la prima portaerei cinese interamente prodotta in Cina.
 
Si prevede che quello in costruzione presso il cantiere di Shanghai sarà ancora più grande e migliore. In particolare, avrà una catapulta elettromagnetica, proprio come il più recente vettore della Marina americana, l'USS  Gerald R. Ford .
 
Ancora più importante, questo cantiere navale è solo una sbirciatina nelle reali capacità della Cina in quanto vi sono "molti cantieri in tutta la Cina, che sono altrettanto impressionanti", si avverte nell'articolo di Forbes.
 
"Buona ragione" per preoccuparsi
 
Ciò che potrebbe essere una sorpresa per Forbes è stato occupare le menti di tutti i tipi di analisti per un bel po' di tempo. I media e i think tank statunitensi sono tutti uniti nelle loro preoccupazioni per la crescente potenza militare di Pechino.
A giugno, il Center for a New American Security (CNAS), un think tank con sede a Washington, ha sostenuto che le capacità industriali e tecnologiche della Cina potrebbero aiutarlo a "battere gli americani al loro stesso gioco" e ottenere un vantaggio nella nuova corsa agli armamenti.
 
"I sovietici non sono mai stati in grado di eguagliare, tanto meno superare, la superiorità tecnologica americana. Lo stesso potrebbe non essere vero per la Cina", avverte il giornale CNAS , aggiungendo che Pechino "si sforza di raggiungere la parità tecnologica e, infine, il dominio tecnologico".
 
Allo stesso modo, una vasta gamma di media dal The Diplomat al National Interest non hanno risparmiato giri di parole nel dire ai propri lettori che la modernizzazione militare della Cina rappresenta una "sfida" per gli Stati Uniti e dà a Washington "buone ragioni" di cui preoccuparsi. Harvard Policy Review ha fatto un ulteriore passo avanti e si è chiesto se la strategia di Pechino potesse metterla su un "percorso verso l'egemonia", ammettendo infine che dipende principalmente da "quanto la Cina è disposta ad andare".
 
Nel frattempo, la RAND Corporation - un importante think tank militare statunitense - ha mostrato nella sua ricerca che il rapido programma di sviluppo militare della Cina le ha già permesso di colmare drasticamente il divario di potere e tecnologia e persino di mettere gli Stati Uniti in una posizione di svantaggio in alcuni scenari.
 
I think tank e i media apparentemente credono che sia giunto il momento che Washington inizi a preoccuparsi di perdere la sua superiorità militare contro il drago cinese, che sembra stia semplicemente allargando le ali. Ma quando si tratta di potenza navale, potrebbe essere già troppo tardi.
 

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti