Il Far West liberista di Salvini è il trionfo delle multinazionali

Il Far West liberista di Salvini è il trionfo delle multinazionali

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 
di Francesco Erspamer -  Controanalisi
 

Finalmente Salvini lo ha detto in modo esplicito: con i pieni poteri che chiese dal Papeete la scorsa estate, subito dopo aver fatto cadere il governo gialloverde, imporrebbe un liberismo assoluto. In sostanza, un dittatore ma liberale, un uomo forte ma solo per indebolire lo Stato e permettere ai privati, alle multinazionali straniere e alla mafia di fare quello che vogliono; un po’ come fanno Bolsonaro in Brasile e Trump negli Stati Uniti. Meglio citare le sue esatte parole (leggete sotto la trascrizione testuale dell’intervista del 23 aprile all’Agenzia Vista): “serve totale deregulation, la rivoluzione liberale”. E a scanso di equivoci, eccolo precisare che la rivoluzione liberale che ha in mente è proprio quella “di cui si parlava trent’anni fa”, ossia quella radicale e berlusconiana, che chiedeva, e in buona parte realizzò, la privatizzazione della sanità e dei trasporti, la svendita dell’economia italiana agli stranieri, l’ingresso nell’euro, soprattutto l’affossamento delle piccole e medie imprese, in sostanza della classe media, a vantaggio delle multinazionali e dei ricchi.



Cos’altro credete che significhi, parole di Salvini, “ripartire da una totale libertà d’impresa, libertà del singolo”? Significa che il più grosso, il più ricco, il più scorretto, vince. Infatti Salvini vuole un “azzeramento di tutti i controlli preventivi” e lo smantellamento degli organismi statali creati per impedire abusi, illegalità, scempi: “il codice degli appalti, l’anticorruzione, la Corte dei Conti, le sovrintendenze, il TAR”. Come a dire, mano libera agli speculatori, alla mafia, alle megacorporation, ai furbi e furbetti, agli amici degli amici. Ascoltate la conclusione: “Totale libertà di azione ai cittadini e alle imprese”; come se in assenza di regole e in assenza di controlli i cittadini e i lavoratori abbiano mai avuto alcuna possibilità di contrastare lo strapotere dei ricchi e delle grandi imprese. Puro neoliberismo insomma, addirittura caricaturale nella sua esaltazione trumpista del diritto del più forte di imporsi, darwinianamente.

Forse è per questo che Meloni, la fascista immaginaria, è al suo fianco; perché confonde, come immagino i suoi seguaci, il fascismo con il nazismo e quest’ultimo con il “diritto naturale” dei vincenti di prendersi tutto; così non si accorge, o fa finta di non accorgersi, che quello di Salvini è nei fatti, e adesso anche nella retorica, un programma di rapida americanizzazione dell’Italia, che non sarebbe piaciuto ai fascisti o ai nazionalisti. Non credo che tutti i leghisti siano così e neanche i conservatori che votano Fratelli d’Italia perché gli pare un nome tanto patriottico. O forse mi illudo, visto che per decenni hanno idolatrato l’immorale, anti-italiano, miliardario Berlusconi, quello che ha spostato la sede fiscale delle sue imprese in Olanda e che al primo segnale di pericolo se n’è scappato in Francia.

In ogni caso è questa la fondamentale scelta politica del nostro tempo, rispetto alla quale verificare il volere degli italiani: la totale deregolamentazione e impunità invocata da Salvini e Meloni e dal loro burattinaio, Berlusconi, o un ritorno alle regole e alla certezza della pena per i trasgressori, ossia allo Stato. Non ho purtroppo fiducia nel Pd, in questo Pd ancora in mano ai renziani; ma il M5S deve rapidamente e con forza definire la sua ideologia statalista: più controlli, più severità, più limitazioni. A cominciare da quelle che favoriscono le piccole imprese, in particolare l’obbligo della chiusura serale e nei giorni festivi degli esercizi commerciali e una riforma fiscale che alleggerisca la pressione sulle imprese famigliari aumentandola drasticamente sulle grandi catene. Se gli italiani vogliono che il nostro paese diventi la brutta copia degli Stati Uniti, possono deciderlo democraticamente; ma devono sapere quello che stanno facendo, non votare Salvini o Meloni perché credono che siano populisti.
 

IL TESTO DELL’INTERVISTA (per ascoltarla cliccare qui):
Domanda: “Secondo Salvini, come bisogna ripartire, da dove bisogna ripartire?”
Risposta: “Dalla libertà, da una totale libertà d’impresa. Libertà del singolo. Azzeramento di tutta la burocrazia, di tutti i controlli preventivi, silenzio-assenso per le domande nei Comuni, via il codice degli appalti, tutta la trafila ANAC [=Autorità nazionale anti-corruzione], Corte dei Conti, sovrintendenze, TAR. Totale deregulation, la rivoluzione liberale di cui si parlava, ahimè senza riuscirci, trent’anni fa; e quindi totale libertà di azione ai cittadini e alle imprese, cancellazione di ogni vincolo burocratico”.

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci di Francesco Erspamer  Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti