Il Giappone guidato da Suga non seguirà la strategia anti-cinese di Trump

Il Giappone guidato da Suga non seguirà la strategia anti-cinese di Trump

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



Global Times
 

Yoshihide Suga, nuovo presidente del Partito Liberal Democratico giapponese, succederà presto a Shinzo Abe come primo ministro del paese. Con il contenimento del COVID-19 e il riavvio economico come suoi compiti principali, si ritiene che, piuttosto che seguire incautamente la politica di “sganciamento dalla Cina" degli Stati Uniti, il Giappone guidato da Suga migliorerà ulteriormente i legami economici e commerciali del Giappone con la Cina.

 

Il 71enne Suga ha servito come capo segretario di gabinetto di Abe per quasi otto anni, partecipando attivamente al processo decisionale giapponese per la prevenzione delle pandemie e alle relative politiche economiche. Con l'escalation delle tensioni tra Cina e Stati Uniti, l'ambiente diplomatico per il Giappone rimane complesso con gli Stati Uniti come unico alleato militare, mentre la Cina come principale partner commerciale.

 

Tuttavia, fintanto che Tokyo riuscirà a smorzare l'estrema coercizione degli Stati Uniti, il Giappone non volterà le spalle alla Cina, sullo sfondo della contrazione dell'economia globale e di un debole slancio economico in crescita.

 

La logica sottostante è semplice e diretta. A livello nazionale, il Giappone ha visto la sua portata di mercato raggiungere la saturazione. Essendo un'economia orientata all'esportazione, i suoi decenni di esperienza di sviluppo hanno rivelato che l'espansione delle esportazioni è stata un punto di inizio e un approccio efficace per invertire una recessione.

 

Con il nuovo coronavirus che continua a dilagare nel mondo, i principali mercati di consumo si trovano ad affrontare situazioni di contenimento debole. Secondo le stime del FMI, la Cina potrebbe essere l'unica grande economia a realizzare una crescita economica positiva quest'anno. Con l'epidemia sotto stretto controllo, l'economia cinese ha dimostrato capacità di recupero e una rapida ripresa dalle ricadute del virus.

 

Gli ultimi dati hanno mostrato che il commercio estero cinese ha raggiunto 2,88 trilioni di yuan ($ 421,69 miliardi) ad agosto, con un aumento del 6% su base annua, secondo l'Amministrazione generale delle dogane.

 

Nel frattempo, gli Stati Uniti, paese con il maggior numero di infezioni da coronavirus confermate, potrebbero vedere la loro economia ridursi dell'8% quest'anno e il mercato comune dell'UE potrebbe scivolare ancora più duramente del 10,2%, secondo le stime dell'FMI a giugno.

 

È vero che gli Stati Uniti non rimarranno mai di basso profilo sulla scena internazionale e rimarranno come una variabile per il quadro diplomatico giapponese. Accanto alla promozione dello sganciamento dalla Cina da parte dell'amministrazione Trump, il Giappone ha anche implementato misure per incoraggiare le sue aziende a ritirarsi dalla Cina e si è persino unito a India e Australia per proporre una cosiddetta "Supply Chain Resilience Initiative" con l'intenzione di ridurre la dipendenza dalla Cina.

 

Tuttavia, combinare semplicemente le risorse naturali dell'Australia e la capacità di produzione del Giappone difficilmente può costruire una nuova catena di approvvigionamento. E con infrastrutture scadenti, forza lavoro non qualificata e altre carenze, l'India non è pronta a ricevere la tecnologia o il capitale del Giappone.

 

Inoltre, un trasferimento su piccola scala di catene industriali di industrie di fascia bassa è un ragionevole adeguamento interno delle aziende, a causa dell'evoluzione delle economie globali o regionali.

 

Tuttavia, il ritiro massiccio degli investimenti giapponesi dal mercato cinese per motivi puramente politici sembra altamente impossibile poiché andrebbe contro i normali principi economici e gli interessi del Giappone.

 

Suga ha recentemente espresso la sua intenzione di cercare una solida comunicazione con i paesi vicini come Cina e Corea del Sud, secondo Reuters. Nelle circostanze attuali, si prevede che le relazioni economiche e commerciali globali Cina-Giappone verranno mantenute e persino migliorate.

 

 

L'articolo è stato redatto sulla base di un'intervista con il professor Zhang Jifeng, ex vice direttore dell'Istituto di studi giapponesi presso l'Accademia cinese delle scienze sociali

 

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

 

Potrebbe anche interessarti

Il servilismo di un paese praticamente fallito di Paolo Desogus Il servilismo di un paese praticamente fallito

Il servilismo di un paese praticamente fallito

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Mosca condanna le azioni di Israele di Marinella Mondaini Mosca condanna le azioni di Israele

Mosca condanna le azioni di Israele

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea di Gilberto Trombetta Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti