Il governo golpista in Bolivia rende omaggio agli assassini di Che Guevara

Il governo golpista in Bolivia rende omaggio agli assassini di Che Guevara

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

E’ proprio vero che al peggio non c’è mai fine. Sopratutto quando parliamo di golpisti e fascisti come quelli che si trovano attualmente al potere in Bolivia dopo aver impedito al presidente Evo Morales di governare dopo aver vinto legittimamente le ultime elezioni presidenziali. 

 

I golpisti boliviani hanno organizzato una cerimonia pubblica dove hanno rivendicato l'assassinio del leader rivoluzionario argentino Ernesto Guevara de la Serna, popolarmente noto come Che, e lanciato inquietanti minacce ad altri paesi della regione.

 

Fernando López Julio, in rappresentanza del ministero della Difesa boliviano, ha minacciato "cubani, venezuelani, argentini o altri di trovare la morte morte nel nostro territorio", durante l'atto che ha reso omaggio agli ex soldati che facevano parte del plotone Ranger dell’Esercito, addestrato ed equipaggiato dal governo degli Stati Uniti per combattere i guerriglieri guidato da Che Guevara. 

 

"Sono arrivati ??per imporre con le armi un modello politico ed economico", ha aggiunto, riferendosi ai combattenti guidati da Che Guevara, durante l'esperienza rivoluzionaria della Bolivia tra il 1966 e il 1967.

 

Poi López ha attaccato il governo del deposto presidente boliviano, Evo Morales, che ha denunciato per aver scambiato "l'orgoglio per vergogna", sostenendo che con quell’atto avevano macchiato l'onore delle forze armate boliviane.

 

Da parte sua, la presidente de facto, Jeanine Añez, intervenuta durante l'evento, ha affermato che quanto accaduto è stato un freno all'invasione "comunista" nel Paese.

 

"La lezione che noi boliviani abbiamo dato al mondo, con la sconfitta e la morte di Che Guevara in Bolivia, è che la dittatura comunista qui non è passata, né quella comunista né quella fascista né quella populista", ha detto Añez, rendendo omaggio agli ex soldati che hanno assassinato Ernesto "Che" Guevara il 9 ottobre 1967 a La Higuera, agli ordini di René Barrientos, legato alla US Central Intelligence Agency, la tristemente celebre CIA.

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra