Il Messico rompe le relazioni diplomatiche con l’Ecuador

Il Messico rompe le relazioni diplomatiche con l’Ecuador

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il governo messicano ha annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche con l'Ecuador in seguito all'irruzione delle forze di polizia ecuadoriane nell'ambasciata messicana a Quito per arrestare l'ex vicepresidente Jorge Glas, a cui il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador ha concesso asilo diplomatico.

Glas, probabilmente l'uomo più ricercato dell'Ecuador e vittima di lawfare come tanti esponenti della sinistra in America Latina, è indagato per corruzione, concussione e altro.

"In considerazione della brutale irruzione perpetrata dalla polizia ecuadoriana nell'ambasciata messicana nella notte di venerdì 5 aprile, e in conformità con le istruzioni del presidente Andrés Manuel López Obrador, il Messico annuncia la rottura delle relazioni diplomatiche con questo Paese", ha reso noto il ministero degli Esteri messicano in un comunicato.

"Il Messico condanna fermamente gli atti di violenza contro il capo della cancelleria della missione, Roberto Canseco Martínez, così come l'arresto arbitrario dell'ex vicepresidente Jorge Glas Espinel, che si trovava nell'ambasciata e che ha chiesto asilo politico a causa delle persecuzioni che sta subendo", ha dichiarato, aggiungendo che il Messico ricorrerà alla Corte Internazionale di Giustizia per "denunciare le violazioni del diritto internazionale da parte dell'Ecuador".

Anche il ministro degli Esteri messicano Alicia Bárcena ha confermato la decisione. "López Obrador, in considerazione della flagrante violazione della Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche e delle lesioni subite dal personale diplomatico messicano in Ecuador, il Messico annuncia l'immediata rottura delle relazioni diplomatiche con l'Ecuador", ha dichiarato sul suo account X.

"Per il Messico il diritto di asilo è sacro e stiamo agendo in piena congruenza con le convenzioni internazionali, concedendo asilo a Jorge Glas. Confido che il governo dell'Ecuador gli conceda un salvacondotto il prima possibile", ha aggiunto.

"Sono appena stato informato da Alicia Bárcena, la nostra segretaria per le relazioni estere, che la polizia ecuadoriana ha fatto irruzione nella nostra ambasciata e ha arrestato l'ex vicepresidente di quel Paese [Jorge Glas], rifugiato e richiedente asilo a causa delle persecuzioni e delle molestie che sta affrontando", ha scritto Andrés Manuel López Obrador sui suoi social network.

"Si tratta di una flagrante violazione del diritto internazionale e della sovranità del Messico, per cui ho incaricato il nostro ministro degli Esteri di rilasciare una dichiarazione su questo atto autoritario, procedere legalmente e dichiarare immediatamente la sospensione delle relazioni diplomatiche con il governo dell'Ecuador", ha aggiunto.

Assalto all'ambasciata

Secondo quanto riportato, durante il giorno i militari hanno presidiato l'edificio dell'ambasciata e, nella notte, la polizia ecuadoriana ha sfondato le porte esterne della sede diplomatica messicana con veicoli blindati e ha avuto accesso ai cortili. Bárcena ha riferito che il personale diplomatico è rimasto ferito in seguito all'azione della polizia.

Il capo dell'ambasciata messicana, Roberto Canseco, ha dichiarato ai media ecuadoriani di essere stato picchiato dagli agenti di polizia durante l'operazione. "Mi hanno colpito. Sono caduto a terra. E fisicamente ho cercato di impedire loro di entrare. Hanno fatto irruzione nell'ambasciata messicana in Ecuador come dei criminali. Non è possibile. Non può essere. È una follia", ha aggiunto Canseco.

A questo proposito, il ministro degli Esteri messicano ha annunciato che il suo Paese ricorrerà alla Corte internazionale di giustizia per "denunciare la responsabilità dell'Ecuador per le violazioni del diritto internazionale".

Ha inoltre comunicato che il personale diplomatico "lascerà immediatamente il Paese". "Il Messico spera che l'Ecuador offra le garanzie necessarie per la partenza del personale messicano", ha dichiarato.

Pochi minuti dopo l'irruzione, il governo ecuadoriano ha annunciato ufficialmente l'arresto dell'ex vicepresidente Jorge Glas.

"Il governo nazionale informa l'opinione pubblica che Jorge Glas Espinel, condannato alla reclusione dalla giustizia ecuadoriana, è stato arrestato questa notte e posto agli ordini delle autorità competenti", ha annunciato la Presidenza ecuadoriana, aggiungendo che l'ex vicepresidente "è stato condannato con sentenza esecutiva e aveva un mandato di arresto".

Glas, che da mesi si trovava nell'ambasciata messicana a Quito, deve scontare un ordine di detenzione preventiva per il presunto reato di appropriazione indebita.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo di Geraldina Colotti Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti