Il Nicaragua vuole aderire ai BRICS e sganciarsi dal dollaro

Il Nicaragua vuole aderire ai BRICS e sganciarsi dal dollaro

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Nicaragua vuole rinunciare al dollaro USA negli scambi commerciali con la Russia e pagare le importazioni di grano in rubli o in córdobas, la sua valuta nazionale, ha dichiarato il ministro degli Esteri del Paese centroamericano, Denis Moncada, in un'intervista all'agenzia di stampa Sputnik.

"È un argomento (il passaggio alle valute nazionali) di conversazione universale tra gli amici che lottano contro l'egemonia statunitense. Sono discussioni necessarie. Questo pasticcio ha dato il via a conversazioni che stiamo sostenendo tra i nostri rappresentanti e i nostri rappresentanti bancari”.

Alla domanda in quale valuta il Nicaragua vorrebbe pagare le importazioni di grano dalla Russia, Moncada ha risposto "in rubli o cordobas".

Il ministro ha sottolineato nell'intervista che in futuro Russia e Nicaragua dovranno difendere la loro sovranità in termini di finanza, servizi bancari e transazioni commerciali.

Il Nicaragua, inoltre, che si trova soggetto a criminali sanzioni imposte dagli Stati Uniti proprio come la Russia, è intenzionato ad aderire ai BRICS perché il blocco promuove un ordine multipolare e una maggiore unità tra le nazioni in via di sviluppo. 

"Il Nicaragua ha già espresso il suo interesse ad aderire ai BRICS. È logico perché è un nuovo modo, un nuovo mondo, in cui i Paesi in via di sviluppo possono avere una migliore unità e un migliore sviluppo, un mondo migliore, un mondo multipolare”, ha spiegato Moncada. 

Il paese centroamericano ha poi preso le distanze dal modo di operare del cosiddetto Occidente collettivo. Managua considera il sabotaggio del gasdotto Nord Stream un atto di terrorismo di Stato da parte dell'Occidente, ha dichiarato Moncada.

"Questo è un caso molto chiaro di atto terroristico da parte di Paesi nemici della Federazione Russa”.

"Il governo del Nicaragua si oppone chiaramente a questi tentativi occidentali di praticare il terrorismo di Stato. E noi crediamo davvero nella sovranità dei Paesi”, ha affermato Moncada. 

"È molto chiaro quali siano i Paesi che compiono questi atti - la NATO, gli USA, i loro alleati - contro i Paesi che cercano di difendere la loro sicurezza e la loro sovranità”. 

Il massimo diplomatico del Nicaragua, nella sua intervista ha anche parlato della situazione in seno all’ONU. "L'ONU è un'organizzazione che ha l'obiettivo di contribuire alla pace, alla sicurezza e alla stabilità nel mondo, e di realizzare un mondo migliore. Ovviamente, molte potenze cercano di strumentalizzarla a loro favore", ha detto Moncada. "Ma i popoli stanno lottando attraverso il diritto internazionale, attraverso la Carta delle Nazioni Unite per avere una piena partecipazione in un'ONU completa in modo positivo all'interno della Carta o delle Nazioni Unite cercando di modificarla, rifondarla, in modo da avere un'ONU che funzioni".

Moncada ha anche invitato gli altri Paesi a unirsi per difendersi da queste misure. 

Alla domanda sui piani per la prossima settimana di alto livello dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, Moncada ha sottolineato che il Nicaragua cerca di portare politica, migliorare la solidarietà, difendere il diritto internazionale e la Carta delle Nazioni Unite, nonché la solidarietà con tutti i Paesi colpiti da misure unilaterali, compresi gli Stati Uniti e altre nazioni.

Il Nicaragua, proprio tramite l’ONU, ha inviato una lettera agli Stati Uniti dove chiede al governo di Washington a procedere al pagamento dei danni subiti a causa dei danni prodotti dalla guerra controrivoluzionaria dei contras. Finanziata, sostenuta e fomentata dai nordamericani per rovesciare la Rivoluzione Sandinista. Così come stabilisce una sentenza emessa dal tribunale dell’Aia.  

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti