Il presidente messicano accusa gli Stati Uniti di "violare la sovranità"

Il presidente messicano accusa gli Stati Uniti di "violare la sovranità"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Yunus Soner

Il presidente del Messico Andrés Manuel López Obrador sta conducendo un’accorta guerra verbale con il vicino settentrionale del paese, gli Stati Uniti. Nelle sue conferenze stampa quotidiane, AMLO, come viene chiamato il presidente in Messico, accusa spesso gli Stati Uniti di violare la "sovranità nazionale" del Messico.

Il 21 febbraio, il presidente messicano ha fatto riferimento ad alcuni giornalisti messicani e ha chiesto:

"Quanto pagano questi giornalisti le organizzazioni finanziarie e imprenditoriali? E quanto li paga il governo degli Stati Uniti? Aspettiamo di essere informati su questo".

Il presidente ha continuato:

"Esigiamo dal governo degli Stati Uniti che smetta di finanziare gruppi che agiscono apertamente come opposizione ai governi, nel mio caso, contro un governo legale e legittimo, perché questo è un atto di intervento, una violazione della nostra sovranità nazionale".

Nella continuazione della sua conferenza stampa, AMLO ha definito "vergognoso” qualsiasi tentativo di ingerenza negli affari interni di un paese.

Il dibattito del presidente con parti della stampa messicana è in corso. All'inizio del 2022, il governo messicano ha accelerato i suoi passi per una riforma energetica. Quelli che si oppongono alla riforma hanno risposto cercando di dominare il dibattito pubblico con articoli riguardanti un figlio del presidente. 

Lotta contro le élite

In un'intervista a United World International, Citlalli Hernandez, segretario generale del partito di governo messicano MORENA, aveva descritto la Quarta Trasformazione del paese come una lotta con le vecchie élite, i cui interessi sono stati colpiti.

"I nostri avversari sono molto chiari: le élite nell'economia, l'élite nella politica e l'élite nei media. Anche l'élite nel mondo accademico che ha beneficiato di politiche corrotte. Tutti questi stanno perdendo privilegi oggi e quindi resistono alla trasformazione" aveva dichiarato Hernandez.

"Il Messico non è una colonia degli Stati Uniti"

Il presidente messicano ha continuato le sue accuse contro gli Stati Uniti il 23 febbraio. In conferenza stampa, la sua consigliera Ana Elizabeth Garcia Vilchis ha dichiarato che "l'organizzazione Messicani contro la Corruzione e l’Impunità è stata finanziata dal governo degli Stati Uniti e ha diffuso notizie false" riguardanti il Tren Maya e gli attori coinvolti.

Tren Maya è uno dei principali progetti infrastrutturali di AMLO. Si tratta di un circuito ferroviario che attraversa tutta la penisola dello Yucatan.

Nella stessa conferenza, AMLO ha affermato:

"Vorrei che il signor Blinken ci informasse sul perché stanno finanziando un gruppo che si oppone a un governo legale e legittimo. Perché stanno dando soldi al gruppo di Claudio X. Gonzales? E lo chiamerei per informarlo e invitare il loro governo a non comportarsi in modo interventista, perché il Messico non è una colonia degli Stati Uniti. Il Messico è un paese libero, indipendente e sovrano".

Avendo da tempo stabilito relazioni con imprese internazionali, la famiglia Gonzales è considerata una delle più ricche del Messico. Lo stesso Gonzalez ha fondato la suddetta organizzazione.

Il 23 febbraio, il Segretario di Stato statunitense, Anthony Blinken ha fatto una pausa nel suo coinvolgimento nella crisi ucraina e ha dichiarato solidarietà ai giornalisti messicani.

Ma il presidente messicano ha respinto l'intervento di Blinken, dicendo che i giornalisti non sono stati perseguitati in Messico dallo Stato e non sono stati commessi crimini di stato contro di loro, e ha ribadito la domanda sul perché alcuni di loro "ricevevano soldi dagli Stati Uniti?"

E ha ulteriormente politicizzato l'intervento degli Stati Uniti dicendo quanto segue:

"Questa non è una questione personale. Si tratta di noi, milioni di messicani, che stiamo lottando per una trasformazione; vogliamo sradicare la corruzione in Messico e siamo milioni, e se ci attaccano, è perché vogliono che questo processo di trasformazione fallisca".

Una politica vecchia 200 anni

Ha anche invitato il Dipartimento di Stato a "consultare il loro ambasciatore prima di lanciare un tweet".

Il 28 febbraio, il presidente ha ribadito la sua "insistenza con il Dipartimento di Stato". Ha aggiunto:

"Queste sono cose che devono cambiare nella politica internazionale. Questo tipo di politica è stata portata avanti per 200 anni. Se questo non cambia, le cose non miglioreranno e il mondo non cambierà".

Nel frattempo è iniziata l'operazione militare russa in Ucraina. Il Messico ha condannato l'operazione, ha appoggiato la relativa dichiarazione nel Consiglio di Sicurezza dell'ONU, ma ha dichiarato che non parteciperà a nessuna sanzione.

AMLO ricorda le invasioni degli Stati Uniti

Nel difendere la sua posizione di rifiuto delle invasioni, AMLO ha ricordato in dettaglio come le potenze straniere hanno invaso il Messico diverse volte, come gli Stati Uniti hanno invaso il paese e hanno derubato "metà del nostro territorio".

López Obrador ha ripetuto l'argomento l'8 marzo, dicendo che il suo paese stava prendendo decisioni di politica estera "sulla base della propria storia". Ha citato di nuovo le invasioni statunitensi che il Messico ha subito e ha evidenziato, in riferimento al palazzo presidenziale messicano, "ci hanno invaso fino a questo punto qui, e hanno alzato la bandiera statunitense proprio lì".

Il suo rifiuto di imporre sanzioni contro la Russia è stato particolarmente importante perché il governo messicano ha approvato la vendita di due campi petroliferi nel Golfo del Messico a una società russa alla fine di febbraio.

Il 2 marzo, ha continuato le sue critiche contro Washington: in riferimento al sostegno finanziario degli Stati Uniti alla ONG Messicani contro la Corruzione e l’Impunità, il presidente messicano ha dichiarato quanto segue:

"Non accettiamo questa politica degli Stati Uniti, che è, con tutto il rispetto, anacronistica e sarebbe considerata offensiva da tutti gli Stati e governi. Da parte nostra non inviamo denaro per sostenere i repubblicani o i democratici negli Stati Uniti, il che sarebbe contro il diritto internazionale. Questo tipo di azioni non devono più accadere".

"Gli Stati Uniti complici di coloro che vogliono mantenere un regime di corruzione in Messico"

Il presidente messicano ha accusato gli Stati Uniti di "diventare complici di coloro che vogliono mantenere un regime di corruzione in Messico" sostenendo la ONG. E ha continuato: "Le agenzie governative degli Stati Uniti non lo sanno? (...) Il Dipartimento di Stato non lo sa? La CIA non lo sa? Queste e tutte le altre agenzie governative non lo sanno e credono veramente che questa ONG stia combattendo la corruzione? Se la questione non fosse così seria, ci rideremmo sopra".

Ha continuato:

"Da dove prendono il diritto di intervenire in una questione che riguarda solo i messicani? Perché si comportano come una sorta di governo globale? E che dire dell'indipendenza e della sovranità dei popoli?".

López Obrador ha anche richiesto nella stessa conferenza stampa che gli Stati Uniti indaghino su "Fast and Furious e tutte le altre operazioni che hanno violato la nostra sovranità introducendo in Messico armi che hanno ucciso sia messicani che cittadini statunitensi".

Fast and Furious era un'operazione in cui venivano vendute armi dagli Stati Uniti ai cartelli della droga messicani con la conoscenza e l'osservazione delle agenzie governative statunitensi. Le agenzie statunitensi hanno giustificato la loro non interferenza con l'obiettivo di seguire il percorso delle armi per arrivare ai perni dei cartelli della droga.

Nell'ultimo anno, il governo messicano ha aperto azioni legali contro le imprese statunitensi che vendono armi al Messico.

Riforma dell'energia

Un'altra questione di conflitto tra gli Stati Uniti e il Messico è la riforma energetica del presidente messicano. La riforma propone una maggiore indipendenza energetica dagli Stati Uniti, rafforzando la lavorazione del petrolio in Messico e la posizione dello Stato nella produzione e distribuzione di elettricità. Inoltre, tutte le riserve di litio in Messico saranno esplorate ed estratte dal governo messicano, propone la riforma.

Gli Stati Uniti si oppongono alla riforma, perché esclude le raffinerie nordamericane dalla lavorazione del petrolio e mette in pericolo la transizione energetica in Messico, chiudendo la porta a possibili investimenti statunitensi nei cosiddetti settori energetici verdi.

Il 3 marzo, il presidente messicano ha difeso la sua riforma energetica con le seguenti parole:

"Immaginate cosa accadrebbe se gli Stati Uniti decidessero di smettere di vendere petrolio al Messico? Per quanto tempo saremmo in grado di resistere? 15 giorni. Vogliamo risolvere questo problema in modo fondamentale".

Ha continuato sulla questione nella sua conferenza stampa dell'8 marzo:

"Quindi, dobbiamo far avanzare la riforma energetica, perché nel caso del petrolio, ora c'è un intervento statale più forte e l'economia del popolo è curata. Se non c'è intervento del pubblico domina l'interesse privato e prevale la ricerca del profitto. Nell'industria energetica, il controllo pubblico si stava perdendo. Le compagnie private e soprattutto le compagnie petrolifere stavano dominando. Le compagnie energetiche straniere stavano già diventando monopoliste e, di conseguenza, il prezzo dell'energia era destinato a salire sempre di più".

E inoltre, il presidente messicano ha anche rifiutato di aumentare la produzione di petrolio di fronte all'aumento dei prezzi globali, rassicurando allo stesso tempo che i prezzi in Messico non sarebbero aumentati.

Ma ci sono anche messaggi positivi che il presidente invia agli Stati Uniti. Il 2 marzo, ha dichiarato che il presidente degli Stati Uniti Biden in ogni chiamata ribadisce, "non considerano l'America Latina come il loro cortile" - dove AMLO aggiunge "non lo accetteremmo comunque".

Il modello dell'Unione Europea per le Americhe

Riferendosi all'ascesa economica globale della Cina, ha una proposta per gli Stati Uniti:

"Non vogliamo un vicino che sia forte nelle armi e debole nell'economia e nel commercio. Se questa tendenza continua, cosa succederà? Loro (gli Stati Uniti) dovranno decidere se cadere nella tentazione di mantenere un'egemonia basata sulle armi - e nessuno lo desidera. Invece di questo, dobbiamo pensare alla nostra regione come un'unità economica, come l'Unione Europea, iniziando a rafforzare il Nord America ma pensando al potenziale che ha tutto il continente americano".  

"Dobbiamo cercare un accordo come è successo in Europa, che prima ha fondato la Comunità Europea e poi ha proceduto all'Unione Europea. L'integrazione della produzione e del commercio è necessaria per non rimanere indietro nelle relazioni con la Cina e l'Asia" ha detto il presidente.

Ma questo progetto richiede molto lavoro, afferma il presidente messicano:

"Dovrà convincere coloro che sono sospettosi dell'approccio di intervento, della mancanza di rispetto della sovranità. E dovrà anche convincere coloro che sono stati egemoni che quei tempi sono passati. Non sono più i tempi delle spie e della promozione dei colpi di Stato, non sono più i tempi dell'installazione o del rovesciamento dei governi, o degli embarghi, che sono tutti metodi che appartenevano al Medioevo. Questo non può più essere".

Funzionari statunitensi in viaggio in Messico

Per il momento, le questioni energetiche sembrano guidare l'agenda USA-Messico dal punto di vista di Washington.

L'inviato presidenziale speciale degli Stati Uniti per il clima John Kerry si è recato a Città del Messico il 9 febbraio 2022 per impegnarsi con le controparti governative e accelerare la cooperazione sulla crisi climatica, comprese le opportunità per espandere la produzione di energia rinnovabile e creare un solido clima di investimento.

Il sottosegretario del Dipartimento di Stato USA per la crescita economica, l'energia e l'ambiente, Jose W. Fernandez, si è recato in Messico dal 27 febbraio al 3 marzo 2022, discutendo anche di questioni energetiche.

Ma sembra che i viaggi non abbiano avuto molto successo: "Mexico's Democracy Is Crumbling Under AMLO" titolava un'analisi pubblicata dal Washington Post il 9 marzo.

Il Rio Grande sembra avere davanti a sé acque agitate.

(Articolo pubblicato in inglese su United World International)

Potrebbe anche interessarti

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Haaretz conferma l'aiuto di Israele all'Ucraina di Marinella Mondaini Haaretz conferma l'aiuto di Israele all'Ucraina

Haaretz conferma l'aiuto di Israele all'Ucraina

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese   di Bruno Guigue Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno di Gilberto Trombetta Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria di Michelangelo Severgnini Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale