La creazione di una moneta sudamericana può accelerare l'integrazione regionale

La creazione di una moneta sudamericana può accelerare l'integrazione regionale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Gabriel Galípolo e Fernando Haddad

 

Nei modelli di asset pricing, l'interesse pagato sui titoli di debito emessi dallo Stato è chiamato rischio sovrano o privo di rischio di credito, proprio per la capacità dell'autorità monetaria di emettere i mezzi di pagamento in grado di saldare le proprie obbligazioni e debiti, nell'ambito dei propri risparmi.

All'interno di ogni nazione, lo Stato e la sua moneta sono sovrani; nelle relazioni internazionali la logica è diversa. C'è nel sistema finanziario internazionale una gerarchia tra le valute nazionali, con il dollaro al primo posto, dando così agli Stati Uniti il privilegio di emettere la valuta internazionale.

Il recente conflitto tra Russia e Ucraina ha riacceso vecchi timori svaniti alla fine della Guerra Fredda. La possibilità di una guerra che coinvolga le potenze nucleari continua a minacciare l'esistenza umana e la mancanza di rispetto per la sovranità nazionale perseguita gli Stati che non hanno lo stesso potere bellico.

La valuta come arma

Gli Stati Uniti e l'Europa hanno usato il potere delle loro valute per imporre severe sanzioni contro la Russia, confiscando le riserve internazionali ed escludendola dal sistema dei pagamenti internazionali (SWIFT). Di fronte all'impossibilità (e follia) di uno scontro militare con un'altra potenza nucleare, Biden e i suoi alleati hanno guardato al potere delle loro valute per isolare e indebolire il loro nemico.

Non che sia un esercizio di potere senza precedenti. Nel 1979, l'aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti per riaffermare il potere del dollaro come valuta globale ha portato diversi paesi (tra cui il Brasile e gran parte dell'America Latina) a una situazione di insolvenza. Nella crisi del 2008, è stata la forza del dollaro a permettere alla FED (American Central Bank) di sostenere i prezzi sul mercato finanziario, offrendo liquidità e richiedendo asset.

L'uso del potere monetario a livello internazionale rinnova il dibattito sul suo rapporto con la sovranità e sulla capacità di autodeterminazione dei popoli, soprattutto per i paesi con valute considerate non convertibili. Poiché non sono accettati come mezzo di pagamento e come riserva di valore nel mercato internazionale, i loro governatori sono maggiormente soggetti alle limitazioni imposte dalla volatilità del mercato finanziario internazionale.

Durante gli anni '90, le successive crisi globali hanno portato diversi paesi dell'America Latina a ricorrere al FMI (Fondo Monetario Internazionale) per onorare i loro pagamenti in valute internazionali. Il sostegno del FMI era solitamente condizionato all'adesione alla prescrizione economica “suggerita”.

Il 25 marzo il FMI ha approvato un nuovo accordo con l'Argentina, il 22° dal 1956. Altri paesi scommettono sulla dollarizzazione come forma di stabilizzazione macroeconomica, rinunciando alla sovranità monetaria e all'autonomia nell'esecuzione delle politiche macroeconomiche. A partire dal 2003, il Brasile ha accumulato riserve internazionali e ha ripristinato la sua posizione da debitore a creditore netto internazionale.

Come nelle minacce di guerra, le riserve internazionali fungono da difesa delle valute nazionali, compresi gli attacchi scoraggianti. Tuttavia, come paesi emergenti o in via di sviluppo, in misura diversa, soffriamo ancora tutti di limitazioni economiche derivanti dalla fragilità internazionale delle nostre valute.

L'integrazione economica del Sud America fornisce una maggiore sovranità monetaria

Un progetto di integrazione che rafforzi il Sud America, aumenti il ??commercio e gli investimenti combinati, sia in grado di formare un blocco economico di maggiore rilevanza nell'economia globale e di concedere maggiore libertà agli obiettivi democratici nella definizione del destino economico dei partecipanti al blocco per l'espansione della sovranità monetaria.

La situazione non è semplice, data la profonda eterogeneità strutturale e macroeconomica dei paesi della regione. I tentativi di rafforzare e accelerare l'integrazione regionale si sono finora basati sulla creazione di aree di libero scambio e di accordi nel campo del credito e delle infrastrutture. Tuttavia, il ritmo di questo processo è lento, segnato da diversi momenti di ritiro.

L'avvio di un processo di integrazione monetaria nella regione è in grado di introdurre una nuova dinamica di consolidamento del blocco economico offrendo ai paesi i vantaggi dell'accesso condiviso e della gestione di una moneta con maggiore liquidità, valida per i rapporti con economie che, insieme, rappresentano un peso maggiore nel mercato globale.

Valuta digitale sudamericana: SUR

L'esperienza monetaria brasiliana, come la positiva implementazione dell'URV (Real Unit of Value), può fornire un paradigma per la creazione di una nuova valuta digitale sudamericana (SUR), in grado di rafforzare la regione.

La valuta sarebbe emessa da una banca centrale sudamericana, con una capitalizzazione iniziale effettuata dai paesi membri in proporzione alle rispettive quote nel commercio regionale. La capitalizzazione avverrebbe con le riserve internazionali dei paesi e/o con una tassa sulle esportazioni dei paesi al di fuori della regione. La nuova valuta potrebbe essere utilizzata sia per il commercio che per i flussi finanziari tra i paesi della regione.

Ai paesi membri verrebbe accreditata una dotazione SUR iniziale, in base a regole chiare e concordate, e sarebbero liberi di adottarla a livello nazionale o di mantenere le proprie valute. I tassi di cambio tra le valute nazionali e il SUR oscillerebbero. Diritti finanziari come le riserve internazionali fornirebbero anche un corrispettivo per l'emissione di SUR equivalenti.

Meccanismo tra i paesi membri per aggiustare avanzo e disavanzo

È inoltre essenziale un meccanismo per aggiustamenti simmetrici tra paesi in avanzo e in disavanzo. I fondi di questo meccanismo saranno utilizzati per capitalizzare un fondo della Clearing House sudamericana, volto a finanziare la riduzione delle asimmetrie tra le economie e la promozione di sinergie tra di esse.

La moneta comune accelera l'integrazione regionale

I paesi membri potranno acquistare SUR per comporre le proprie riserve internazionali, senza che i valori acquisiti vengano tassati. Occorre creare meccanismi per tassare e scoraggiare gli attacchi speculativi.

La creazione di una moneta sudamericana è la strategia per accelerare il processo di integrazione regionale, costituendo un potente strumento di coordinamento politico ed economico per i popoli sudamericani. È un passo fondamentale verso il rafforzamento della sovranità e della governance regionale, che si rivelerà sicuramente decisiva in un mondo nuovo.

(Articolo pubblicato in inglese su United World International)

 

Potrebbe anche interessarti

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano" di Francesco Santoianni Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano"

Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

"Io me li ricordo i bulloni degli operai incazzati in piazza" di Pasquale Cicalese "Io me li ricordo i bulloni degli operai incazzati in piazza"

"Io me li ricordo i bulloni degli operai incazzati in piazza"

DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO di Gilberto Trombetta DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO

DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti