Il rifiuto saudita a Credit Suisse e la vera posta in gioco

Il rifiuto saudita a Credit Suisse e la vera posta in gioco

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Lo vado scrivendo da giorni, bisogna capire i sauditi.

Il rifiuto saudita di intervenire a sostegno del Credit Suisse, per il quale i mercati crollano oggi, costituisce, come dice l'amico Sergio Calzolari, "un salto di qualità nello scontro globale, una mossa di una potenza unica, superiore alle Torri Gemelli.

I sauditi dicono: avete voluto sequestrare le riserve valutarie russe, ora noi ci costruiamo da noi il forziere e abbandoniamo le piazze finanziarie occidentali. A questo punto, se gli americani non portano a piu' miti consigli i sauditi, lo scontro si accelera. Questo perché l'evento di oggi avviene a pochi giorni dall'intesa Iran Sauditi con mediazione cinese, e la presa di Backmut da parte russa. Non sappiamo come gli anglosassoni reagiranno, certo hanno perso.

Non si sa se reagiscono in maniera ragionevole o irragionevole. Probabile la seconda, tra Neocon, Protestanti, cattolici neocon e circoli massonici anglosassoni, tutti convinti di essere dalla parte del "bene", la reazione potrebbe essere furiosa". Aggiungo io: non sappiamo, a partire da ottobre scorso, se e quanto i cinesi abbiano venduto Treasury Bonds americani, lo sapremo nelle prossime settimane. Se così fosse, la guerra commerciale, finanziaria è persa da parte degli anglosassoni. Vorranno la guerra mondiale. Intanto si sbranano sempre piu' l'Europa.Commenta Sergio Calzolari: "a mossa Saudita, ispirata dai grandi giocatori cinesi e russi, è un capolavoro di intelligenza geopolitica.

Nel mondo interconnesso non poteva essere dato migliore scacco al re.

Ed il re lo sta capendo.

Ora sicuramente non si procederà allo scacco matto.

Forse si entra in stallo.

O forse...

Io da oggi incrocio le dita.

La mossa Dello scacco Saudita è un acceleratore formidale verso il multipolarismo. Ma anche verso la possibile follia di una classe dirigente transnazionale progressista MAI così staccata dai suoi popoli.

La follia di questi novelli mortiferi cocchieri non ha ricordi nella storia capitalistica.

Sono dei matti, adoratori della religione laica del mercato e della tecnica, che governano dei matti fanatici nazisti.

E quindi utto potrebbe succedere".Eccolo l'ultimo dato. A settembre la Cina deteneva direttamente 901 miliardi di dollari di Treasury Bonds americani. Ora sono a 867. Praticamente non rinnovano dopo le scadenze. Stessa cosa stanno facendo i giapponesi, mentre il Belgio, che lavora per conto terzi l'aumenta di 25 miliardi. La posizione finanziaria netta estera americana sta migliorando, per un semplice motivo, i creditori tolgono il denaro e dunque il debito diminuisce, perché c'è meno esposizione estera. Non sappiamo chi sta finanziando il deficit federale, il deficit mostruoso della bilancia commerciale, la stessa posizione finanziaria netta estera. Probabilmente le stesse banche americane, soggette però, come le stesse banche europee, nei prossimi mesi, causa aumento tassi, a minusvalenze che devono essere riportate in bilancio nei prossimi trimestri. Non sappiamo se e quanto le banche europee siano esposte su Credit Suisse, oggi la Bce ha chiesto loro info.

Di certo la mossa saudita di oggi provocherà uno scossone tremendo, un rimescolamento delle relazioni internazionali. Il fatto che sia l'Iran che l'Arabia Saudita abbiano chiesto di entrare nei Brics è una notizia notevole. Un mondo si sta costruendo, il vecchio mondo si arrampica per disperazione all'apparato militare, è pericoloso per questo, ma il rimescolamento mondiale non lo potrà fermare, anche con la guerra. E' sempre piu' urgente una presa di coscienza contro l'invio di armi, contro la Nato, contro l'Ue. E' sempre piu' urgente la nostra sovranità, prima che il terremoto mondiale ci sconvolga del tutto.

Pasquale Cicalese

Pasquale Cicalese

 

Economista. Ha aperto un canale telegram: pianocontromercato
 
 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti