/ Il Ritiro di Trump dalla Siria? "Un male per Putin"

Il Ritiro di Trump dalla Siria? "Un male per Putin"

 

L'Ex generale dell'esercito statunitense, oggi analista geopolitico, Douglas Macgregor ha contestato le valutazioni degli oppositori del presidente Trump, i quali ritengono che la mossa dell'inquilino della Casa Bianca sia un favore alla Russia.


Partiamo con un esempio. Tra i principali contestatori della misura di Trump, figura la neo speaker della Camera dei Rappresentanti USA, la democratica Nancy Pelosi, secondo la quale, la decisione di Washington di ritirarsi dalla Siria è stato un  "regalo di Natale"  per il presidente russo Vladimir Putin.
 
Un lettura differente la offre l'ex generale dell'esercito statunitense, oggi analista di Geopolitica, Douglas Macgregor, il quale  ha argomentato  in primis che il ritiro degli Stati Uniti, accelerato dalle minacce turche di invadere le aree controllate dai curdi nel nord della Siria, ha portato il governo siriano a riconquistare il controllo dell'area.
 
Per tali ragioni, secondo Macgregor "ora abbiamo creato un enorme problema per Putin perché Putin ha coltivato i turchi. Putin ha anche coltivato i suoi alleati iraniani e siriani. Deve fare una scelta: autorizzerà i turchi in Siria? Poi perderà la sua posizione con i siriani e gli iraniani. Quindi l'idea che Putin abbia in qualche modo o in qualche modo "vinto" qualcosa è assurdo. Questa è stata una mossa molto intelligente da parte del presidente ".
 
"La verità è che, togliendosi di mezzo, abbiamo eliminato il consenso che teneva insieme questi diversi partner. Non c'è alcuna ragione per cui i turchi, i russi, gli iraniani dovrebbero collaborare, e questa è una buona cosa", ha insistito Macgregor.
 
Commentando le previsioni degli analisti statunitensi, l'osservatore militare russo Alexander Perendzhiev ha affermato che quello di Macgregor era un pio desiderio, piuttosto che un'analisi convincente.

 
"Solo perché gli Stati Uniti dicono che la Russia litigherà con i suoi alleati, questo non significa che ciò accadrà, perché il ritiro delle truppe statunitensi dalla Siria non è una causa sufficiente; altri trattati sono in vigore che regolano le relazioni "tra Mosca e i suoi partner, osserva Perendzhiev.
 
Inoltre, l'analista russo ha sottolineato che se Washington credesse davvero che un ritiro "intelligente" degli Stati Uniti avrebbe spinto la Russia e i suoi alleati a scendere in un conflitto sulla Siria, i funzionari, gli analisti e gli esperti statunitensi non andrebbero certo a parlarne in pubblico.
 
"Trump contro Establishment"
 
Passando alla resistenza dell'establishment di Washington ai piani di Trump, Macgregor ha osservato che la maggior parte dei funzionari del Pentagono contrari al ritiro di Trump dalla Siria "sono prodotti dall'era Clinton-Bush-Obama" che hanno "molto investito in questo".
 
"E ricordo che le persone che vivono nei sette codici postali di Washington, DC e dintorni sono diventati milionari a causa del loro" investimento "in queste operazioni fallite ... Metti insieme i due e hai molta resistenza a finire qualcosa che è stato proficuo per loro. Non è stato proficuo per il popolo americano; è stato un disastro: trilioni di dollari di debiti negli ultimi 17 anni, migliaia di persone uccise e ferite, e per cosa? La risposta è - poco", ha sottolineato il commentatore.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa