/ Il ritorno del deputato Guaidò nel lunedì di Carnevale

Il ritorno del deputato Guaidò nel lunedì di Carnevale

 

Marco Terrugi, Caracas
Parigi12


Juan Guaidó è arrivato all'aeroporto internazionale Simón Bolívar di Caracas dopo mezzogiorno ora del Venezuela. Ha sigillato il suo passaporto nell'ufficio migrazioni, è stato ricevuto dagli ambasciatori di Francia, Germania, Portogallo, Spagna, Romania, tra gli altri, e dai suoi seguaci. La presenza di diplomatici era dovuta, sostenevano, a garantire che non fosse detenuto, come era stato ipotizzato, dal momento che la Corte Suprema di Giustizia aveva emesso il divieto di lasciare il paese.

Come ammesso da lui stesso, il suo ritorno era già organizzato a Caracas, nella zona di Las Mercedes, il solito spazio per le manifestazioni dell'opposizione nella zona ricca di Caracas orientale. L'opposizione è stata anche mobilitata in altre parti del paese, come nella città di Maracaibo.

Il "presidente" autoproclamato aveva annunciato il suo ritorno dai social network nei giorni precedenti, domenica notte ha postato un messaggio attraverso il suo account Twitter per chiedere che la mobilitazione non si deteriorasse, ratificasse la sua decisione di mantenere la road map e in un'intervista ha dichiarato che se fosse stato arrestato, sarebbe stato un colpo di stato. I portavoce del governo nordamericano avevano affermato d'altro canto che avrebbero preso risposte severe nel caso in cui gli fosse successo qualcosa.



Quella situazione di tensione è stata finalmente dissipata con il suo arrivo che, a differenza della sua partenza, era vicino all'aeroporto e non da una strada di confine illegale. La decisione di lasciarlo entrare in questo modo sembra aver risposto al desiderio di non aprire uno scenario che porti a un'ulteriore escalation in uno scenario altamente instabile.

Guaidó è andato dall'aeroporto a Las Mercedes, dove ha parlato prima con quelli che lo aspettavano e un gran numero di media nazionali e internazionali. Il suo intervento si è concentrato su diversi aspetti. In primo luogo, negli elementi che reputa necessari per raggiungere gli obiettivi di cessazione dell'usurpazione, governo di transizione e elezioni libere: l'unione di tutti i fattori dell'opposizione, la mobilitazione nelle strade e il sostegno internazionale.

Secondo, ha diretto il messaggio alle forze armate nazionali bolivariane (FANB). Ha affermato che la catena di comando è stata infranta da quando è il presidente in carica, che per questo motivo non l'avrebbero fermato quando sarebbe arrivato nel paese, e che, tranne una piccola parte, la totalità delle truppe lo supporta.

In terzo luogo, ha chiamato due attività. Un incontro con i sindacati dei lavoratori pubblici per martedì, dopo di che darà un annuncio e una mobilitazione nazionale per sabato. "Certo che possiamo e, naturalmente, saremo in grado di (...) il momento è ora, il cambiamento è ora", ha detto.

Guaidó ha lasciato la piazza e la giornata è finita in tranquillità, come parte di una festa di carnevale in cui abbondavano immagini di spiagge piene e attività per bambini nelle piazze della città. L'obiettivo di Guaidó era quello di tornare, mostrarsi trionfante con il sostegno internazionale e di essere riuscito a partire e tornare, è stato raggiunto. E quello del governo, che doveva evitare qualunque incidente, anche. Il rapporto di forze è rimasto allo stesso punto.

L'incertezza e le domande simili a quelle che esistevano giorni fa rimangono. Il principale è: come vuole avanzare nel primo obiettivo di cessazione dell'usurpazione, cioè che Nicolás Maduro lasci il palazzo di Miraflores, con una FANB che è rimasta coesa? I giorni seguenti daranno maggiori indicazioni su quale sarà la road map, a livello nazionale, internazionale, pubblicamente e nei piani che si svilupperanno sotto la tabella, legati alla minaccia di possibili azioni militari da aree irregolari dirette da Stati Uniti e Colombia.
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa