/ Il segretario del Partito Comunista Francese chiede la revoca del...

Il segretario del Partito Comunista Francese chiede la revoca delle sanzioni alla Russia

 
 

L'Unione Europea dovrebbe revocare sanzioni economiche alla Russia, ha dichiarato a BFM TV il segretario nazionale del Partito Comunista Francese Fabien Roussel.

 

"Una volta chiarito che la situazione relativa alla Crimea sta migliorando, così come la situazione nel Donbass, in cui è in vigore un cessate il fuoco, sarà necessario stabilire una linea politica per la rimozione delle sanzioni", ha affermato Roussel, che è anche un membro del parlamento francese. "A mio avviso, è necessario tornare alla situazione precedente nelle relazioni commerciali e abrogare le sanzioni contro la Russia", ha aggiunto.

 

A questo proposito, Roussel ha sottolineato che "le sanzioni che l'Unione Europea ha imposto alla Russia nel 2014 a seguito degli sviluppi in Ucraina e Crimea, stanno infliggendo gravi danni alle economie dell'Europa e della Francia, in particolare per quanto riguarda l'agricoltura". "Includono un divieto di esportazione di latte, carne di maiale e manzo. Nel 2015, le quote del latte dell'UE sono state aggiunte alle sanzioni, portando i produttori di latte francesi a una terribile crisi", ha osservato.

 

Allo stesso tempo, il funzionario del Partito Comunista Francese denuncia che "quando vengono imposte sanzioni alla Russia, all'Iran o alla Cina, sono le persone comuni per prime a subirne gli effetti e non ricchi uomini d'affari".

"Allo stesso modo, gli agricoltori francesi hanno subito danni dalle sanzioni economiche per la Russia", ha spiegato. "È inaccettabile mantenere la situazione delle sanzioni", ha detto, aggiungendo che "stiamo vivendo in un mondo di sanzioni: ci sono sanzioni dell'UE e degli Stati Uniti sulla Russia, sanzioni degli Stati Uniti sulla Cina, sanzioni dell'UE e degli Stati Uniti sull'Iran", ha sottolineato Roussel.

 

"È giunto il momento di stabilire una pace globale basata sul dialogo. La Francia dovrebbe facilitare il processo. Credo che durante la riunione del G7 a Biarritz, la Francia potrebbe presentare un'iniziativa per convocare una conferenza internazionale di pace che sarebbe anche dedicata alle questioni dello sviluppo. Potrebbe aiutare a risolvere molti problemi", ha detto Roussel.

 

In risposta a una domanda sull'incontro di lunedì tra i presidenti di Francia e Russia, Emmanuel Macron e Vladimir Putin, ha affermato che si tratta di “un incontro utile che consentirà di costruire il dialogo". "Chiedo di migliorare le relazioni tra Francia e Russia", ha sottolineato Roussel.

Fonte: TASS
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa