/ "In tutto il mondo, le persone devono mobilitarsi e combattere, c...

"In tutto il mondo, le persone devono mobilitarsi e combattere, con ogni mezzo, contro il fascismo e per il Venezuela!"

 

Andre Vltchek: "Aleppo, che ho descritto come "la Stalingrado del Medio Oriente", ha combattuto, resistito e sconfitto nemici tremendi. Ora Caracas, la Leningrado dell’America Latina, è sotto assedio, affamata, ma determinata a combattere contro l'invasione straniera e i quadri del tesoro."

 
 
 di Andre Vltchek*
 
 
È nuovo e non è nuovo, ma è tremendamente malvagio e letale - l'ultimo tipo di colpo di stato che gli Stati Uniti hanno inventato e che ora si sta applicando contro il Venezuela.

Naturalmente, i colpi di stato e i tentativi di golpe possono essere descritti come le "specialità dell'Occidente", e sono stati utilizzati dagli Stati Uniti e dagli altri paesi imperialisti contro innumerevoli e sfortunate nazioni di tutti i continenti. In America Latina, praticamente ogni paese ne ha sofferto, dalla Repubblica Dominicana al Cile e all'Argentina; in Asia, dall'Indonesia alla Tailandia e in Medio Oriente dall'Iran all'Egitto e alla Siria. Ogni volta che le persone di qualche paese osavano votare per i socialisti, i comunisti, gli anti-colonialisti o semplicemente un gruppo di persone decenti che erano determinati a servire la propria popolazione, l'Occidente ha corrotto e dispiegato le élite e le forze militari locali, rovesciato governi eletti o rivoluzionari e installato brutali regimi servili. Migliaia di persone sono morti, a volte milioni, ma all'impero non importava perché otteneva i suoi obiettivi. C'è stato un chiaro schema di come l'occidente ha costruito i suoi atti terroristici contro quasi tutte le nazioni veramente amanti della libertà.
  Ma ciò che l'Occidente sta facendo ora in Venezuela è un'altra cosa, e totalmente estrema; le azioni ostili contro il presidente Maduro e i suoi compagni sono spogliati di tutti gli scrupoli e le "raffinatezze" cosmetiche del passato. Dovevano dimostrare nei termini più crudeli chi è il vero governante del mondo e chi è "responsabile". Questa è la "democrazia occidentale al suo meglio"!
 
In passato, gli Stati Uniti hanno cercato di rovesciare Chavez, hanno tentato di affamare il Venezuela, di far collassare il suo sistema medico e poi di assassinare Maduro. Hanno prodotto un "deficit" di cibo, anche di carta igienica. Hanno ordinate ai suoi cagnolini in America Latina di inimicarsi la rivoluzione bolivariana.
 
Ora, in questa ultima fase, il regime di Washington ha semplicemente scelto il suo traditore preferito all'interno della repubblica socialista del Venezuela - un certo pazzo chiamato Juan Guaido, (che in breve tempo è stato nominato presidente dell'Assemblea nazionale del Venezuela), "riconoscendolo" come il" Presidente ad interim del Paese ".
 
Certamente, prima che Guaido si fosse dichiarato per la prima volta, pomposamente, “Presidente” del Venezuela, è stato immediatamente sconfessato dalla Corte Suprema del Venezuela, che lo ha rimosso anche dai poteri come capo dell'Assemblea nazionale. Quindi, chiamiamolo ex capo.
 
Ma la campagna di propaganda dei mass media occidentali ha preso il sopravvento, e durante la notte è diventata completamente priva di scrupoli. Di conseguenza, sta diventando quasi impossibile leggere qualsiasi informazione sulla sentenza della Corte Suprema, a meno che non ci si rivolga a fonti non occidentali.
 
Quindi, andiamo 'là'. Come riportato da Iranian Tasnim, il 22 gennaio 2019:
 
"Il capo della Corte Suprema del Venezuela, Maikel Moreno, ha annunciato lunedì che i giudici hanno sconfessato Juan Guaido come capo dell'Assemblea nazionale controllata dall'opposizione".
 
E la RT, solo un giorno prima:
 
"La Corte Suprema del Venezuela ha dichiarato nulli e inappellabili tutti gli atti dell'Assemblea Nazionale del Paese, pochi giorni dopo che l'assemblea tenuta all'opposizione ha dichiarato illegittime le elezioni del presidente Nicolas Maduro".
 
Inoltre, il ministro degli esteri venezuelano, Jorge Arreaza, ha definito a Guaido il 21 gennaio 2019 in questo modo:
 
"Vedi quest'uomo, che nessuno conosce in Venezuela, chiedi nelle strade," Chi è Juan Guaidó? "E nessuno lo conosce, ma è stato spinto a dire che è il nuovo presidente dagli Stati Uniti".
 
E lo ha detto! Il 23 gennaio 2019, di fronte ai suoi sostenitori a Caracas.
 
E poi, subito dopo, il presidente Trump 'lo ha riconosciuto' come presidente ad interim del paese. Il Canada ha fatto lo stesso. Lo stesso ha fatto la Francia, ora un potere imperialista e neocolonialista di second'ordine, ma sempre più ringiovanito. Seguito da quella marionetta statunitense - l'Organizzazione degli Stati americani (OAS), con a bordo simili nazioni fasciste, come il Brasile e la Colombia che ora guidano il gruppo.
 
Oggi il mondo è chiaramente diviso, con Cina, Russia, Iran, Turchia, Siria, Sudafrica, Bolivia, Cuba, Messico, Uruguay e molti altri sono fermamente dalla parte del legittimo governo rivoluzionario del presidente Maduro.
 
Il confronto è inevitabile.
 
Il Venezuela ha ordinato a tutti i diplomatici statunitensi di andarsene e tagliare tutti i rapporti diplomatici con Washington. Gli Stati Uniti hanno rifiutato di far allontanare il personale dell'ambasciata da Caracas, dichiarando che il governo venezuelano è "illegittimo".
 
Ciò equivale a una dichiarazione di guerra. Gli Stati Uniti si rifiutano di riconoscere la sovranità del Venezuela. Si riserva il diritto di dire al popolo venezuelano chi è il loro vero presidente! Riconosce solo il suo controllo supremo sull'emisfero e il Pianeta, mostrando disprezzo per il diritto internazionale.
 
È infantile, arrogante, oltraggioso e surreale. Ma sta davvero accadendo. E a meno che non venga fermato, proprio lì, a Caracas, questa nuova forma di "spargimento di colpi di stato", e l'applicazione della dittatura globale, potrebbero estendersi a tutte le altre parti del mondo.
 
Sebbene ci siano molti "nuovi elementi" in gioco, la situazione, in larga misura, ricorda lo "scenario siriano", come è stato dichiarato a TASS, il 24 gennaio 2019, dall'ambasciatore venezuelano in Russia Carlos Rafael Faria Tortosa:
 
"Le autorità venezuelane sanno che gli Stati Uniti stanno cercando di mettere in scena uno scenario siriano con" governo in esilio" a Caracas .
.. Dopo che il vicepresidente Usa Michael Pence ha chiesto di rovesciare il nostro governo, il nostro presidente ha deciso di interrompere le relazioni diplomatiche con le autorità statunitensi e ha chiesto ai diplomatici degli Stati Uniti di lasciare Caracas nelle prossime 72 ore. Questa è una risposta adeguata che il nostro coraggioso presidente ha fornito a flagranti interferenze ... Nessun paese può permettere a nessun altro paese di esprimere le proprie opinioni sugli affari interni dello stato, specialmente quando si tratta di inviti a rovesciare [le autorità] ".

 
"Sappiamo quali saranno i prossimi passi: ora gli Stati Uniti avranno una giustificazione [per le loro azioni] che ci siano due governi nel paese, come hanno fatto nella nostra fraterna Siria con il presidente Bashar Assad e il suo popolo, che ha portato a grandi perdite, a vittime, alla demolizione delle infrastrutture del paese ".
 
Caracas chiederà aiuto a Mosca direttamente, come la Siria ha fatto anni fa, combattendo per la sua sopravvivenza? Non è ancora sicuro, sebbene questa possibilità esista certamente. Il Venezuela conta su un crescente sostegno da parte di Russia, Iran, Cina, Cuba e altri paesi socialisti o indipendenti.
 
Per il Venezuela, l'unico modo per sopravvivere è quello di eliminare immediatamente tutta la sua dipendenza dall'Occidente. Washington sta minacciando Caracas con ulteriori sanzioni e persino con un embargo petrolifero. Non c'è motivo di farsi prendere dal panico. Ma il governo di Maduro deve riallinearsi rapidamente e completamente. Ci sono molti paesi al di fuori del regno della NATO che sono disposti ad acquistare petrolio venezuelano e / o investono abbastanza nelle sue infrastrutture e nell'industria. Russia, Iran, Cina e Turchia sono le più importanti, ma ce ne sono molte altre.
 
Ci deve essere una nuova strategia su come alleviare il dolore dei venezuelani ordinari. Anche questo deve venire da "fuori dalla sfera di controllo occidentale", anche al di fuori dell'America Latina; un continente noto per le sue brutali élite di discendenza europea. Il più grande eroe del Sudamerica, Hugo Chavez, è morto nel tentativo di costruire un'America Latina unita, orgogliosa, socialista , per essere pugnalato alle spalle e sputato da molte delle nazioni servili dell'America Latina. Cuba fu completamente abbandonata dopo la distruzione dell'Unione Sovietica e dovette essere salvata dalla Cina.
 
Il paese deve mobilitarsi; deve combattere. Combatti per la tua sopravvivenza. Con tutti i tuoi alleati uniti, pronti a difendere il Venezuela, lo stesso che è successo in Siria.
 
Il Venezuela soffre e lotta per l'umanità, non solo per se stessa. Con il nome di Chavez e il socialismo sulle labbra. La Russia è accanto al suo alleato, il Venezuela. Il 24 gennaio 2019, Sputnik ha riferito:
 
La Russia avverte gli Stati Uniti che l'interferenza militare negli affari del Venezuela, sarebbe un disastro, ha detto il vice ministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov giovedì:
 
"Mentre vediamo come si evolve la situazione in Venezuela, notiamo la volontà di un certo gruppo di paesi, compresi gli Stati Uniti, di utilizzare diverse piattaforme come l'Organizzazione degli Stati americani, per aumentare la pressione sul nostro alleato Venezuela sotto diversi pretesti... Ma abbiamo sempre sostenuto e sosterremo il Venezuela che è nostro partner strategico ".
 
Dal paese devastato da una simile campagna di destabilizzazione come quella che si sta svolgendo in Venezuela, l'agenzia di stampa ufficiale siriana SANA ha portato un messaggio di sostegno al legittimo governo venezuelano:
 
"La Repubblica araba siriana condanna con la massima fermezza gli Stati Uniti e la loro palese ingerenza negli affari della Repubblica Bolivariana del Venezuela, che costituisce una flagrante violazione di tutte le norme e leggi internazionali e un attacco sfrontato contro la sovranità venezuelana," una fonte del ministero degli esteri ha detto giovedì.
 
La fonte ha aggiunto che le politiche distruttive adottate dagli Stati Uniti in diverse parti del mondo e il suo disprezzo della legittimità internazionale rappresentano la ragione principale dietro le tensioni e lo stato di instabilità nel nostro mondo ...
 
La Repubblica araba siriana afferma il suo rifiuto categorico delle palesi interferenze degli Stati Uniti e rinnova la piena solidarietà con la leadership e la popolazione venezuelana nel preservare la sovranità del paese e sventare i regimi ostili dell'amministrazione statunitense ... "
 
In passato, i paesi hanno accettato il terrore occidentale scatenato contro di loro come qualcosa di inevitabile. Ma ora la situazione sta cambiando. Russia, Cuba e Siria, Iran e Cina, e ora il Venezuela, si rifiutano di arrendersi, o addirittura di "negoziare con i terroristi".
 
Aleppo, che ho descritto come "la Stalingrado del Medio Oriente", ha combattuto, resistito e sconfitto nemici tremendi. Ora Caracas, la Leningrado dell’America Latina, è sotto assedio, affamata, ma determinata a combattere contro l'invasione straniera e i quadri del tesoro.
 
In tutto il mondo, le persone devono mobilitarsi e combattere, con ogni mezzo, contro il fascismo e per il Venezuela!


*Andre Vltchek is a philosopher, novelist, filmmaker and investigative journalist. He has covered wars and conflicts in dozens of countries. Three of his latest books are his tribute to “The Great October Socialist Revolution” a revolutionary novel “Aurora” and a bestselling work of political non-fiction: “Exposing Lies Of The Empire”. View his other books here. Watch Rwanda Gambit, his groundbreaking documentary about Rwanda and DRCongo and his film/dialogue with Noam Chomsky “On Western Terrorism”. Vltchek presently resides in East Asia and the Middle East, and continues to work around the world. He can be reached through his website and his Twitter.
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa