India e Russia potrebbero unirsi per costruire centrali nucleari in Africa e Medio Oriente. Gli USA resteranno a guardare?

India e Russia potrebbero unirsi per costruire centrali nucleari in Africa e Medio Oriente. Gli USA resteranno a guardare?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Segue l'analisi di Shishir Upadhyaya, esperto di difesa e affari strategici riconosciuto a livello internazionale, ex ufficiale dell'intelligence navale indiana e autore di "Strategia marittima dell'India: bilanciamento delle ambizioni regionali e della Cina". È professore associato presso l'Università marittima del Gujarat, dove insegna Relazioni internazionali e Studi sulla sicurezza. Account Twitter @ Shishir6
 
Dopo il successo di un progetto congiunto nucleare indo-russo in Bangladesh, i due paesi potrebbero unirsi per costruire più centrali nucleari all'estero. È un segno di legami più profondi, ma gli Stati Uniti lo lasceranno passare?
 
L'ambasciatore indiano in Russia, Venkatesh Varma, ha recentemente annunciato che l'India potrebbe collaborare con la Russia per lanciare nuovi progetti in Africa e in Medio Oriente. Ha dichiarato: "La Russia ha già accordi in questo campo con un certo numero di paesi africani", aggiungendo, "l' Etiopia è uno di questi e ci sono alcuni paesi in Medio Oriente.”
 
La Russia - uno dei principali attori nel mercato internazionale dell'energia nucleare commerciale, che offre progetti chiavi in ??mano in oltre 33 paesi in tutto il mondo - è stata un partner chiave per il programma di energia nucleare dell'India. In effetti, la centrale nucleare di Kudankulam nell'India meridionale è stata costruita con l'assistenza russa. Inoltre, dal 2018, le società indiane lavorano in collaborazione con l'agenzia statale per l'energia atomica della Russia, Rosatom, nella costruzione di due centrali nucleari a Rooppur in Bangladesh. Il progetto dovrebbe essere completato entro il 2023 ad un costo di $ 13 miliardi.


 
In quanto non membro del Nuclear Supplier Group (NSG) - un gruppo di 48 paesi fornitori nucleari che cercano di prevenire l'uso improprio della tecnologia nucleare che potrebbe essere utilizzata per fabbricare armi nucleari - l'India è autorizzata a eseguire lavori di costruzione e installazione, formazione del personale e la fornitura di materiali e attrezzature nella parte "non critica" del progetto Bangladesh. Tuttavia, è stata un'enorme opportunità per le aziende indiane quella di sviluppare competenze nella costruzione di centrali nucleari.
 
La notizia di più possibili progetti nucleari congiunti all'estero mostra chiaramente un approfondimento del partenariato nel settore dell'energia civile - e aggiunge anche una nuova dimensione alle relazioni russo-indiane in generale.
 
 
Legami indo-russi: visione del mondo condivisa
 
La lunga amicizia dell'India con la Russia che risale all'era sovietica si è evoluta nel corso degli anni. Entrambi i paesi condividono una visione comune di un ordine mondiale multipolare e la cooperazione strategica bilaterale che si è ampliata negli anni comprende difesa, energia nucleare civile, spazio, scienza, tecnologia, idrocarburi, commercio e investimenti. 
 
Negli ultimi anni, la relazione sembra aver acquisito un carattere qualitativamente nuovo, caratterizzato da diverse interazioni di alto livello e da uno stretto rapporto personale condiviso dal Primo Ministro indiano Narendra Modi e dal Presidente russo Vladimir Putin.
 
Ciò è evidente anche in sviluppi come il recente acquisto di attrezzature di difesa di alto valore da parte dell'India, in particolare il sistema di difesa antimissile S-400 all'avanguardia che Nuova Delhi ha acquisito nonostante la minaccia delle sanzioni statunitensi. Significativamente, l'India è il più grande acquirente di armi russe, con le esportazioni che hanno toccato $ 14,5 miliardi l'anno scorso e oltre il 60% dell'inventario militare indiano è di origine russa. 
 
È stata inoltre intensificata la cooperazione nel settore degli idrocarburi con le società indiane che effettuano grandi investimenti nelle regioni russe in cui l'India ha espresso interesse per l'estrazione di risorse, come l'Estremo Oriente e l'Artico.
 
Atto di bilanciamento dell'India
 
L'evoluzione dei legami indo-russi e i tempi dell'annuncio per la collaborazione nucleare in Africa e in Asia occidentale, susciteranno probabilmente preoccupazioni a Washington DC, poiché sono in corso i preparativi per la visita inaugurale del presidente degli Stati Uniti Donald Trump in India a febbraio. Gli Stati Uniti, l'altro partner strategico chiave dell'India, desiderano coltivare l'India come " partner dell'alleanza " nella regione indo-pacifica per contrastare la crescente influenza cinese. L'ampia cooperazione dell'India, inclusi i legami di difesa con gli Stati Uniti, si è ampliata negli ultimi dieci anni, con gli Stati Uniti che sono diventati il ??secondo maggior fornitore di difesa dell'India.
 
Nonostante ciò, il governo Modi sembra aver ignorato qualsiasi dispiacere espresso dagli Stati Uniti e ha continuato a mantenere i suoi legami con la Russia. La minaccia delle sanzioni americane non ha ancora avuto alcun effetto visibile su Nuova Delhi, e quindi ha poca influenza sul suo processo decisionale strategico.
 
Inoltre, secondo quanto riferito, il governo indiano spera di negoziare un accordo bilaterale favorevole di libero scambio con gli Stati Uniti durante la visita di Trump.
 
Nel complesso, questo dimostra che l'India è riuscita a posizionarsi come un attore indispensabile nella regione e nell'ordine mondiale in evoluzione nel suo complesso, e per quanto scontenti possano essere gli Stati Uniti a causa delle loro relazioni di lunga data con la Russia, non possono permettersi di perdere i favori dell'India - e New Delhi continuerà così a raccogliere i benefici di avere due superpoteri diversi e rivali come partner chiave.
 

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti