India, il riluttante viaggiatore dei BRICS

India, il riluttante viaggiatore dei BRICS

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di MK Bhadrakumar*

L' India è diventata per un breve periodo un faro di speranza per i media occidentali nel periodo precedente al vertice dei BRICS a Johannesburg – un potenziale dissidente che potrebbe far deragliare l'accelerazione del gruppo verso un processo di “de-dollarizzazione”.

Reuters ha diffuso la voce secondo cui il Primo Ministro Narendra Modi avrebbe potuto non partecipare al vertice di persona, il che ovviamente era un pio desiderio eccessivo ma ha richiamato l’attenzione su quale gioco geopolitico ad alto rischio sia diventato il BRICS.

Tale paranoia non aveva precedenti. Se fino all’anno scorso il gioco occidentale consisteva nel deridere i BRICS considerandoli un club insignificante, il pendolo si è spostato all’estremo opposto. Le ragioni non sono difficili da trovare.

Al livello più ovvio, c’è una grande sensibilità nel mondo occidentale riguardo al fatto che il massiccio sforzo compiuto negli ultimi 18 mesi per trasformare le sanzioni contro la Russia in un’arma non solo è fallito, ma ha avuto un effetto boomerang. E questo avviene in un momento in cui la paura morbosa degli Stati Uniti di essere superati dalla Cina ha raggiunto il suo apice, seppellendo l’egemonia globale dell’Occidente fin dalle “scoperte geografiche” del XV secolo.

Negli ultimi anni si è assistito ad un costante rafforzamento del partenariato Russia-Cina, che ha raggiunto il carattere di “senza limiti”, contrariamente al calcolo occidentale secondo cui le contraddizioni storiche tra i due giganti vicini praticamente escludevano tale possibilità. In realtà, il partenariato Russia-Cina si sta configurando come qualcosa di più grande di un’alleanza formale nella sua totale tolleranza al perseguimento ottimale degli interessi nazionali di ciascun protagonista, sostenendo allo stesso tempo gli interessi fondamentali dell’altro.

Nel mirino statunitense

Pertanto, qualsiasi formato in cui Russia e Cina svolgono un ruolo di primo piano, come i BRICS, è destinato a finire nel mirino degli Stati Uniti. È così semplice. Il New York Times ha riferito che l’espansione dei BRICS è considerata “una vittoria significativa per i due principali membri del gruppo, che aumenta il peso politico della Cina e contribuisce a ridurre l’isolamento della Russia”.

Traeva conforto dalla composizione eterogenea del gruppo e dalla mancanza di un chiaro corso politico, “tranne che per il desiderio di cambiare l’attuale sistema finanziario e gestionale globale, rendendolo più aperto, più diversificato e meno restrittivo – e meno soggetto alla politica americana e al potere” del dollaro”.

Questo [il desiderio di cambiare l’attuale sistema finanziario e gestionale globale] è il punto centrale. Agli analisti indiani mancano i boschi per gli alberi.

Il ministro degli Esteri russo  Sergey Lavrov ha rivelato ai media  che, a porte chiuse, il vertice di Johannesburg ha avuto “una discussione piuttosto vivace” ??[leggi opinioni divergenti] ma ha raggiunto un consenso sui “criteri e procedure” dell’espansione dei BRICS, che ha delineato come segue:

“Il peso, l’importanza dei candidati e la loro posizione internazionale sono stati i fattori principali per noi [membri BRICS]. È nostra opinione condivisa che dobbiamo reclutare tra le nostre fila paesi che la pensano allo stesso modo e che credono in un ordine mondiale multipolare e nella necessità di maggiore democrazia e giustizia nelle relazioni internazionali. Abbiamo bisogno di coloro che sostengono un ruolo più importante per il Sud del mondo nella governance globale. I sei paesi la cui adesione è stata annunciata oggi soddisfano pienamente questi criteri”.

Successivamente, dopo essere tornato a Mosca da Johannesburg, Lavrov ha detto alla televisione di stato russa due cose importanti:

  • “Noi [BRICS] non vogliamo invadere gli interessi di nessuno. Semplicemente non vogliamo che nessuno ostacoli lo sviluppo dei nostri progetti reciprocamente vantaggiosi che non siano rivolti contro nessuno”. I politici e i giornalisti occidentali “tendono a scodinzolare, mentre noi usiamo la testa e ci impegniamo in questioni concrete”.
  • Non è più necessario che i BRICS diventino un’alternativa al G20 adesso. Detto questo, “la divisione formale del Gruppo G20 in G7+ e BRICS+ sta assumendo una forma pratica”.

A meno che non si sia miopi, il senso dell’orientamento dei BRICS è sotto gli occhi di tutti. Le lamentele e le agitazioni sulla logica dell’espansione dei BRICS sono completamente senza senso. Perché il segreto non detto sta qui, come ha scritto Fyodor Lukyanov, uno dei principali pensatori strategici russi, sul  quotidiano governativo Rossiyskaya Gazeta:

“Difficilmente possiamo parlare di un orientamento antioccidentale: con l’eccezione della Russia e ora, forse, dell’Iran, nessuno degli attuali e probabili futuri partecipanti [BRICS] vuole apertamente opporsi all’Occidente. Tuttavia, ciò riflette l’era imminente, in cui la politica della maggior parte degli stati è una scelta costante di partner per risolvere i propri problemi, e potrebbero esserci controparti diverse per problemi diversi”.

Questo è il motivo per cui l’India, che protegge attentamente la sua linea di “multi-allineamento” – cioè, la cooperazione con tutti – si accontenta anche di un BRICS ampio ed eterogeneo. Delhi è meno interessata ad amplificare sentimenti antagonisti all’interno della comunità BRICS. I commentatori indiani non riescono a cogliere questo paradosso.

In effetti, il pragmatismo nell’ammettere tre importanti paesi produttori di petrolio della regione del Golfo (Iran, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti) segnala solo ciò che Lavrov intendeva con i “progetti” e le “questioni concrete” con cui i BRICS sono alle prese – principalmente, la creazione di un nuovo sistema commerciale internazionale per sostituire quello vecchio di cinque secoli creato dall’Occidente, che era finalizzato a trasferire ricchezza nelle metropoli e a permettere a queste ultime di ingrassare e arricchirsi.

In sostanza, si tratta oggi di affrontare il fenomeno del petrodollaro, che è il pilastro del sistema bancario occidentale e al centro stesso del processo di “de-dollarizzazione” a cui mirano i BRICS. Basti dire che sta calando il sipario sull’accordo faustiano dei primi anni ’70 che sostituì l’oro con il dollaro americano e assicurò che il petrolio sarebbe stato scambiato in dollari, il che a sua volta richiedeva a tutti i paesi di mantenere le proprie riserve in dollari, e alla fine si trasformò in dollari americani. il principale meccanismo dell’egemonia globale degli Stati Uniti.

In altre parole, come è possibile ritirare il petrodollaro senza che l’Arabia Saudita sia sulle barricate? Detto questo, è anche ben compreso da tutti gli stati membri, comprese Russia e Arabia Saudita, che, mentre i BRICS sono “non occidentali”, una trasformazione dei BRICS in un’alleanza antioccidentale è impossibile. Ciò che stiamo vedendo nell’espansione dei BRICS, quindi, è essenzialmente la loro trasformazione nella comunità più rappresentativa del mondo, i cui membri interagiscono aggirando la pressione occidentale.

Allo stesso tempo, la conclusione è che l’espansione dei BRICS è percepita in Occidente come una vittoria politica per Russia e Cina.

Nonostante le tensioni con la Cina, l’India ha fatto la cosa giusta regolando le vele, di conseguenza, percependo i venti di cambiamento e anticipando che la cooperazione BRICS avrebbe potuto infondere nuova vitalità al funzionamento del gruppo e rafforzare ulteriormente il potere della pace e dello sviluppo nel mondo.

È giunto il momento che il governo  riconsideri la fattibilità della sua strategia di tenere in ostaggio il rapporto con la Cina sulla questione dei confini.

Il vertice dei BRICS ha evidenziato che la Cina gode di un grande sostegno da parte del Sud del mondo. È a dir poco donchisciottesco agire per procura degli Stati Uniti per contenere la Cina.

Ma l’India si ritroverà in un vicolo cieco dissociandosi dalla questione delle valute locali, degli strumenti di pagamento e delle piattaforme semplicemente perché la Cina potrebbe essere beneficiaria di un nuovo sistema commerciale che sia parte di un sistema più giusto, equo e partecipativo dell’ordine globale. 

[“Anche se l’India tratta con gli Stati Uniti alle sue condizioni”, scrive nell’editoriale Hindu BusinessLine , “difficilmente può permettersi di dilettarsi attivamente in mosse che cercano di sostituire il dollaro con lo yuan. Mentre i BRICS emergono come negozi cinesi, l’India dovrebbe tenere d’occhio i propri interessi strategici.]

L’India rischia di alienare il Sud del mondo, che è l’alleato naturale della Cina, voltando le spalle all’agenda centrale dei BRICS di un ordine mondiale multipolare.

*Ex diplomatico. È stato ambasciatore dell'India in Uzbekistan e Turchia.

 

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti