Inflazione e salari. Quando la politica e le piccole imprese reagiranno ai deliri di Confindustria?

Inflazione e salari. Quando la politica e le piccole imprese reagiranno ai deliri di Confindustria?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Non è normale che oggi su Il sole 24 ore l'economista Minenna dica che i prezzi salgono piu' per i profitti che per i salari (figurarsi) e non è normale che anche ieri, a Napoli, per l'ennesima volta, tiritera degli ultimi 30 anni, Bonomi dica che vanno bene gli sbocchi internazionali e la domanda interna è ferma (chissà perché, non si pone la domanda, non indaga, o cela) e dunque lo Stato deve con soldi pubblici stimolare gli investimenti di queste aziende che hanno sbocco internazionale.

Non c'è nessun politico, intellettuale, economista ufficiale che ponga un freno a questo delirio. Mi chiedo gli operatori economici, medi e piccoli, oltre che piccolissimi, quando manderanno a quel paese questo coro unanime trentennale. Non esiste alcuna politica che blocchi questa avidità, non esiste nessuna strategia programmatica, a livello economico e sociale, che cerchi di stimolare la domanda interna. Ma che studi hanno fatto costoro? Da dove vengono? Anzi, fanno una riforma fiscale che uccide i salari bassi ed elimina la sanità pubblica. Avidi. Quando li fermeremo?

Metto due commenti al mio post di poco fa, il primo di Salerno Aletta, il secondo del mio amico manager Sergio Calzolari.

1)Per fare crescere la domanda interna, si devono aumentare i salari. Se i salari aumentano, diminuisce la competitività di prezzo delle esportazioni e la bilancia commerciale va ancora più in rosso, dopo l'aumento dei prezzi delle materie prime e della energia. Se lo Stato sostiene gli investimenti delle imprese, aumenta la loro produttività, l'export e migliora la bilancia commerciale. Il surplus è investito all'estero per ridurre le tensioni sui prezzi già alte sul mercato interno. Non fa un plissé"


LEGGI DI PASQUALE CICALESE PIANO CONTRO MERCATO

2)Il ragionamento dal punto di vista della gestione degli affari ha una sua logica stringente. Dal punto di vita del breve termine. Bisogna avere una logica di lungo termine.

Quindi: 

A. Aumentare i salari
B. Defiscalizzazione in maniera massiccia sia export sia investimenti atti al ammodernamento della composizione tecnica del capitale.
C. Usare le risorse per aumentare le pensioni in modo da spingere i consumi interni..I vecchi consumano in Italia.
D. Introduzione di zone speciali a tassazione zero per gli investimenti stranieri con desks di appoggio e sostegno
E. Introduzione di tassazione sui guadagni finanziari.
In maniera ragionevole e non demagogia. Meglio poco che le parole al vento sul comunismo.

Poi si possono fare tanti altri investimenti.Gli investimenti statali vanno a coprire investimenti strutturali di pianificazione generale del sistema Paese. 
Le imprese italiane di piccole dimensioni vanno aiutate a competere in export facendo sistema al posto del contenimento SOLO del costo del lavoro. Anche dando agevolazioni fiscali detraibili.

Per il resto il sistema di confindustria non ha visione per fare nulla, essendo abituato a vivere di facilitazioni pubbliche. Altroché liberismo. In italia esiste lo stato per il mercato dei soliti amici. Non è mai esistiti il liberismo, bensì un sistema tardo feudale di supporto ai settori a bassa innovazione e shumpeterianamente arretrati.

LEGGI DI PASQUALE CICALESE PIANO CONTRO MERCATO

Pasquale Cicalese

Pasquale Cicalese

 

Economista. Ha aperto un canale telegram: pianocontromercato
 
 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti