Inflazione o la guerra di classe con altri mezzi

Inflazione o la guerra di classe con altri mezzi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Ho un amico, dai tempi dell'Università. Come me andò via da Bologna, non c'era spazio. Andò a Milano, trovò subito lavoro in una società di consulenza. Poi entrò in una banca di private banking, gestioni patrimoniali di ricchi possidenti, 12 anni in Lussemburgo, poi di nuovo a Milano.

Sostenitore del blog Pianocontromercato, lettore del mio libro, un anno e mezzo fa lo intervistai, in forma anonima sul blog.

Sosteneva che il prossimo passo alla guerra di classe fosse l'inflazione, dopo l'ultradecennale deflazione dettata da Ciampi nel 1993 con la "politica dei redditi", che seguiva l'abolizione della scala mobile.

Il mio amico sosteneva che ci sarebbe stato un rastrellamento mondiale di salari stipendi per aumentare l'asset inflation, dopo aver convinto moltissimi piccoli risparmiatori a mettere i soldi nelle borse, a seguito della pandemia.

Ieri Milano Finanza, un numero davvero interessante, specie il pezzo di Marcello Bussi sulla Nobiullina, metteva in prima pagina la distruzione di 3300 miliardi in borsa di 5 società americane dell'high tech, il falò delle vanità, piccoli risparmatori frodati nel giro di due anni. Ora il gioco si sposta sull'inflazione, dopo il raddoppio, almeno in italia, dei prezzi a seguito dell'introduzione dell'euro.

Quindi abbiamo avuto in 30 anni deflazione salariale, raddoppio prezzi, inflazione.

Ieri l'Istat informava che l'inflazione è all11,9%, inflazione della spesa al supermecato 12,9. Lo stesso giorno l'istituto di statistica informava che le retribuzioni  a settembre erano aumentate su anno dell'1,1%, nel mentre 6.1 milioni di lavoratori hanno il contratto scaduto da almeno 27 mesi. Un rastrellamento di classe, una guerra di classe, iniziata nel 1973, che non ha fine. Nel giro di un anno salari e stipendi perdono il 10% del potere di acquisto, negli ultimi 30 anni non so calcolarlo, mi affido a voi. Una ferocia di classe che ormai non ha più senso, visto che il capitale, al fine di valorizzarsi, deve pur avere uno sbocco di mercato, e l'export potrebbe non bastare più. Non ho risposte alla condotta comunitaria, e governativa, dell'ultimo anno, vedo solo che negli altri paesi ci sono proteste. Qui quasi il sonno, escluso l'Usb che ha fatto giornate di mobilitazioni contro il carovita. Credo che la battaglia a questo punto non sia tanto l'aiuto governativo, paghiamo pur sempre noi, ma il ripristino della scala mobile o perlomeno che l'indicizzazione parziale dei salari non sia legata all'Ipca (al netto di energia e alimenti) ma comprenda tutto. Credo che di questo dovremmo parlare.

Pasquale Cicalese

Pasquale Cicalese

 

Economista. Ha aperto un canale telegram: pianocontromercato
 
 

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti