Inflazione, offerta e domanda: quello che i lavoratori devono sapere (e viene occultato)

Inflazione, offerta e domanda: quello che i lavoratori devono sapere (e viene occultato)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

1973 e 1979. Prima e seconda crisi petrolifera (o energetica).
 
 
La prima crisi, quella del 1973, venne innescata dallo scoppio della guerra del Kippur. I Paesi OPEC si schierarono al fianco di Siria ed Egitto contro Israele. Aumentarono i prezzi del petrolio anche per finanziare la guerra e tagliarono le forniture verso quei Paesi ritenuti filo-israeliani.
 
Questo comportò il vertiginoso aumento del prezzo del petrolio e, conseguentemente, anche l’aumento generalizzato dei prezzi.
 
L’anno successivo, in Italia, l’inflazione registrò un impressionante +19,4%.
 
La seconda crisi venne invece innescata dalla rivoluzione islamica in Iran a cui si aggiunse, l’anno dopo, lo scoppio della guerra tra Iran e Iraq.
Anche in quel caso il vertiginoso aumento dei prezzi del petrolio si riversò sui prezzi. Nel i980 in Italia l’inflazione raggiunse il suo massimo storico: +21,6%.
Quelle due violente fiammate inflazionistiche vennero utilizzate da Governi e istituzioni (soprattutto da quelli occidentali) per scatenare una violenta guerra contro lavoratori e salari.
 
Sfruttarono insomma un’inflazione da offerta spacciandola per inflazione da domanda, imponendo per esempio oltre a politiche deflazionistiche da un punto di vista salariale la baggianata dell’indipendenza delle Banche Centrali.
 
Il punto che volevo sottolineare però è un altro.
 
Al di là della retorica e della propaganda liberista, come si uscì dall’inflazione generata dalle due crisi degli anni 70?
 
Nel modo più logico possibile.
 
Agendo cioè sull’offerta, aumentandola.
 
La crisi inflazionistica cessò nel momento in cui si stabilizzò, almeno in parte, la situazione in medio-oriente.
 
Cessò quando grazie ai massicci investimenti realizzati da tanti Paesi venne migliorata l’efficienza del settore energetico (dall’estrazione alla produzione dell’energia passando per le fasi di lavorazione) vennero scoperti nuovi giacimenti petroliferi.
 
Cessò quando si investì per diversificare le fonti energetiche (gas naturale, energia atomica).
 
Insomma, la più violenta crisi inflazionistica da offerta della storia recente venne realmente risolta aumentando l’offerta, non ammazzando la domanda.
 
Oggi, in una situazione per molti versi simili, si sta invece lavorando per distruggere la domanda.
 
Con l’aggravante che anziché venire da 30 anni di boom economico, veniamo da 30 anni di austerità e deflazione salariale. Nel nome, ça va sans dire, del “Ce lo chiede l’Europa!”.

Gilberto Trombetta

Gilberto Trombetta

43 anni, giornalista politico economico e candidato Sindaco di Roma con la lista Riconquistare l'Italia del Fronte Sovranista Italiano

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo di Francesco Santoianni Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti