INSTC. L'Iran intensifica la consegna di merci alla Russia

INSTC. L'Iran intensifica la consegna di merci alla Russia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'Iran lancerà "viaggi marittimi diretti" su base settimanale per consegnare merci dal suo porto di Bandar Anzali ai porti russi nel Mar Caspio, con l'obiettivo di rafforzare il Corridoio internazionale di trasporto nord-sud (INSTC), secondo quanto ha riferito l’agenzia Tasnim.

"Attualmente, i servizi di trasporto containerizzati sono in corso da parte della Caspian Sea Shipping Company dai porti settentrionali del paese ai porti della Russia", ha spiegato a Tasnim l'amministratore delegato della Caspian Sea Shipping Company iraniana, Kambiz Jahanbani .

"L'INSTC ha registrato una crescita del 360% nel trasporto di merci", ha aggiunto Jahanbani.

Nel luglio 2022, l'Iran ha completato il suo primo transito di merci russe verso l'India utilizzando il corridoio marittimo INSTC.

In quanto zona priva di sanzioni occidentali, il corridoio è stato descritto come una valida opzione per il commercio tra i due paesi.

Il 17 maggio, il presidente iraniano Ebrahim Raisi e il presidente russo Vladimir Putin hanno firmato un accordo per creare la ferrovia Rasht-Astara, che dovrebbe potenziare l'INSTC collegando l'Asia meridionale al nord Europa e potenzialmente "rivaleggiando" con il Canale di Suez.

"Una volta che questa ferrovia sarà messa in funzione, la ferrovia iraniana sarà collegata alla Russia e poi all'Europa", ha continuato Jahanbani, riferendosi all'accordo come "un punto di svolta" per l'INSTC.

L'Iran e la Russia hanno recentemente rafforzato la cooperazione in una serie di settori, tra i quali energia, commercio, finanza, difesa e trasporti.

La loro cooperazione mira ad alleviare gli effetti delle sanzioni occidentali aggressive - che prendono di mira entrambi i paesi - mentre si sforzano anche di costruire un'economia fiorente indipendente dalle grinfie occidentali.

L'Iran ha anche aderito allo Shanghai Cooperation Council (SCO) guidato dalla Cina e ha commerciato con le nazioni BRICS+ con l'intenzione di entrare ufficialmente a far parte del gruppo delle economie emergenti.

Inoltre, Teheran continua a rafforzare i legami con varie nazioni del Sud del mondo che stanno cercando di allontanarsi dal sistema economico occidentale egemonico, come Brasile e Venezuela.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti