Intervista Putin-Carlson: tutti i punti salienti sintetizzati

Intervista Putin-Carlson: tutti i punti salienti sintetizzati

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La tanto attesa intervista di Tucker Carlson a Vladimir Putin è andata in onda nella mezzanotte italiana e nonostante i maldestri tentativi delle lobby mediatiche e politiche filo Nato di impedire la visione ai cittadini del mondo libero si sta diffondendo ad una velocità incredibile.

Questi i principali temi toccati dal presidente della Federazione russa Vladimir Putin.


Storia della Russia e dell’Ucraina

All'inizio dell'intervista, Putin ha fornito "una breve panoramica storica" della creazione e dello sviluppo della Russia e dell'Ucraina e delle loro relazioni. Ha detto che la Russia ha iniziato a formarsi come Stato centralizzato nell'862 e successivamente si è sviluppata come uno Stato con due centri: uno a Kiev e l'altro a Novgorod.

Dopo la frammentazione della Rus', iniziò a formarsi uno Stato centralizzato con capitale a Mosca, mentre i territori meridionali, che comprendevano Kiev, tendevano verso il centro dell'Europa, verso il Granducato di Lituania, che in seguito si unì al Regno di Polonia. “I polacchi esercitavano la loro influenza in questi territori meridionali e trattavano la popolazione con durezza”. Per questo motivo gli abitanti di queste terre iniziarono a lottare per i loro diritti e si rivolsero a Mosca per prenderli sotto il loro controllo. Nel corso della storia, i territori sulla riva sinistra del fiume Dnepr, compresa Kiev, divennero parte della Russia, mentre le terre sulla riva destra del Dnepr divennero parte dello Stato polacco. "Durante il regno di Caterina II, la Russia riconquistò tutte le sue terre storiche, comprese quelle a sud e a ovest", ha osservato Putin.

"E prima della Prima Guerra Mondiale, approfittando di queste idee di ucrainizzazione, lo Stato Maggiore austriaco iniziò a promuovere molto attivamente l'idea dell'Ucraina e dell'ucrainizzazione. È molto chiaro il perché: perché alla vigilia della guerra mondiale, ovviamente, c'era l'intenzione di indebolire il potenziale nemico, c'era il desiderio di creare condizioni favorevoli per sé stessi nella fascia di confine. E questa idea, che un giorno è nata in Polonia, che gli abitanti di questo territorio non sono pienamente russi, sono presumibilmente un gruppo etnico speciale, gli ucraini, ha iniziato ad essere promossa dallo Stato Maggiore austriaco", ha detto Putin.

Il capo di Stato russo ha sottolineato che, durante la formazione dell'Unione Sovietica nel 1922, i bolscevichi "crearono l'Ucraina sovietica, che fino ad allora non esisteva affatto".

 

Espansione della NATO

Nel proseguo dell’intervista, Putin ha sottolineato che sono state le autorità russe ad avviare il processo di dissoluzione dell'URSS. Secondo il presidente russo, ci sono diverse ragioni storiche. La prima è che i leader russi ritenevano che "le basi fondamentali delle relazioni russo-ucraine", come la storia, la religione, la cultura comune, costituissero "la base dell'inevitabilità delle nostre buone relazioni". Un'altra ragione era che le autorità russe ritenevano che, dopo la dissoluzione dell'URSS, non ci fossero più "linee di divisione ideologiche" e che la fine dell'Unione Sovietica sarebbe stata intesa in Occidente come "una proposta di cooperazione e alleanza". Dopo il 1991, la Russia sperava di unirsi al mondo occidentale, ma "siamo stati ingannati" e sono seguite cinque ondate di espansione della NATO, ha osservato Putin.

Alla domanda sui motivi che spingono l'Occidente a rifiutare un avvicinamento alla Russia, Putin ha risposto di poter "solo ipotizzare", aggiungendo che tra questi c'è il fatto che la Russia "è un Paese troppo grande" che ha una propria opinione.

Putin ha ricordato che la NATO si sta espandendo, includendo gli Stati baltici, tutta l'Europa orientale e anche l'Ucraina, promettendo a quest'ultima e alla Georgia nel 2008 che le porte del blocco erano aperte per loro. In questo contesto, Putin ha spiegato che i presidenti ucraini hanno il sostegno dell'elettorato "che ha un atteggiamento positivo nei confronti della Russia" e ha ricordato che Mosca ha collaborato con l'ex presidente ucraino Viktor Yanukovych quando è stata sollevata la questione dell'associazione dell'Ucraina all'UE durante il suo mandato.

La Russia "è sempre stata molto leale" in questo senso, ma il trattato di partenariato si è rivelato "un problema" per Mosca, in quanto i due Paesi avevano uno spazio di libero scambio e "frontiere doganali aperte", ma secondo il patto l'Ucraina doveva aprire le sue frontiere all'UE. In risposta, la Russia ha promesso di chiudere le frontiere e Yanukovych ha detto ai colleghi europei che aveva bisogno di tempo per prendere una decisione sul partenariato. "Non appena ha detto questo, sono iniziate le azioni distruttive dell'opposizione sostenuta dall'Occidente e tutto ha portato al Maidan e al colpo di Stato in Ucraina", ha sottolineato il capo di Stato russo.

"Nel 2008 hanno aperto le porte della NATO all'Ucraina, nel 2014 hanno effettuato un colpo di Stato e hanno iniziato a perseguitare coloro che non hanno riconosciuto il colpo di Stato". In questo contesto, ha chiesto come la Russia abbia potuto non mostrare preoccupazione per questi sviluppi. "Sarebbe stata una svista criminale da parte nostra", ha detto.

 

Conflitto armato e denazificazione dell'Ucraina

In un altro punto molto significativo dell’intervista, il presidente russo ha osservato che "la causa scatenante degli ultimi sviluppi" è stata l'ammissione da parte delle autorità ucraine di non avere intenzione di rispettare gli accordi di Minsk, firmati nel 2014 per delineare un piano di risoluzione pacifica della situazione nel Donbass.

Alla domanda se avesse informato gli Stati Uniti della sua disponibilità ad "agire" se il pompaggio di armi in Ucraina fosse continuato, Vladimir Putin ha risposto: "Ne abbiamo sempre parlato".

"Sono stati loro a iniziare la guerra nel 2014. Il nostro obiettivo è porre fine a questa guerra. E non l'abbiamo iniziata nel 2022, questo è un tentativo di porvi fine", ha proseguito.

La Russia non ha ancora raggiunto i suoi obiettivi nell'operazione speciale in Ucraina, perché uno di questi è la denazificazione, la messa al bando di tutti i tipi di movimenti neonazisti, ha dichiarato Putin. Alla domanda sul significato del termine "denazificazione", il leader russo ha spiegato che, nella sua ricerca di un'identità, l'Ucraina ha dato priorità ai "falsi eroi che hanno collaborato con Hitler".

Per quanto riguarda la definizione e la necessità della "denazificazione", Putin ha detto che all'inizio del XIX secolo, quando sono apparsi i teorici dell'indipendenza e della sovranità ucraina, essi partivano dal fatto che un'Ucraina indipendente avrebbe dovuto avere buone e amichevoli relazioni con la Russia, ma a causa dello sviluppo storico e del fatto che questi territori per lungo tempo hanno fatto parte del Commonwealth polacco-lituano, il popolo si è trovato di fronte alla questione di trovare un'identità.

Secondo Putin, in Ucraina persone come Stepan Bandera e Roman Shukhovich sono state trasformate in eroi nazionali. "Queste persone hanno sterminato polacchi, ebrei e russi. È necessario porre fine a questa pratica e a questa teoria", ha insistito il presidente russo.

Alla domanda su come spegnere il "fuoco del nazionalismo ucraino" a 80 anni dalla morte di Hitler, il presidente russo ha risposto: "Voi dite: Hitler è morto 80 anni fa. Ma la sua causa è ancora viva. Coloro che hanno sterminato ebrei, russi e polacchi sono vivi. E il presidente, l'attuale presidente dell'Ucraina, vi applaude nel Parlamento canadese".

Pertanto, non si può dire che le autorità ucraine abbiano "completamente sradicato questa ideologia", ha aggiunto. "Questo è ciò che intendiamo per denazificazione. Dobbiamo sbarazzarci delle persone che mantengono in vita questa teoria e questa pratica e cercano di preservarla", ha concluso. Putin ha detto che Mosca non ha mai rifiutato di tenere negoziati per risolvere il conflitto in Ucraina, mentre Vladimir Zelensky ha emesso un decreto che vieta i negoziati con la Russia. "Come potremo negoziare se lui si è vietato e ha vietato a tutti gli altri? Sappiamo che [Zelensky] sta proponendo alcune idee sulla risoluzione [del conflitto]. Ma per trovare un accordo su qualcosa è necessario un dialogo, non è vero?

Allo stesso tempo, il leader russo ha ricordato che i negoziati che Mosca e Kiev hanno intrapreso poco dopo l'inizio dell'operazione militare russa nel febbraio 2022 "hanno raggiunto un livello molto alto" in termini di accordo sulle posizioni di entrambe le parti e "erano quasi finiti".

"Ma dopo il nostro ritiro delle truppe da Kiev, [...] l'Ucraina ha scartato tutti questi accordi e ha tenuto conto delle istruzioni dei Paesi occidentali - Paesi europei e Stati Uniti - di combattere la Russia fino alla fine", ha sottolineato Putin.

Carlson ha voluto sapere quando Putin ha parlato per l'ultima volta con il suo omologo statunitense Joe Biden, al che il capo di Stato russo ha ammesso: "Non ricordo quando ho parlato con lui. Non me lo ricordo, potete cercarlo".

Putin ha ricordato che, prima dell'operazione militare speciale, aveva detto a Biden che gli Stati Uniti stavano commettendo un errore "di portata storica" sostenendo quanto stava accadendo in Ucraina e spingendo la Russia.

 

Zelenski è libero di negoziare con la Russia?

Nel corso dell'intervista, Carlson ha anche chiesto a Putin se Zelenski è libero di negoziare con la Russia. "Penso di sì, almeno lui l'ha fatto", ha detto, aggiungendo che il leader ucraino "è salito al potere con le aspettative della popolazione ucraina che avrebbe portato l'Ucraina alla pace".

Secondo Putin, dopo essere salito al potere, Zelensky ha capito due cose. "Primo, è meglio non combattere con i neonazisti e i nazionalisti, perché sono aggressivi e molto attivi, ci si può aspettare di tutto da loro. In secondo luogo, l'Occidente, guidato dagli Stati Uniti, li sostiene e sosterrà sempre chi combatte contro la Russia: è redditizio e sicuro". Quindi ha preso la posizione giusta, nonostante la promessa al suo popolo di fermare la guerra in Ucraina. Ha ingannato i suoi elettori", ha detto.

 

"Una minaccia russa immaginaria"

Il leader russo ha sottolineato che gli Stati membri della NATO "cercano di spaventare la loro popolazione con una minaccia russa immaginaria" quando si parla della possibilità di un conflitto nucleare.

Il leader russo ha sottolineato che Mosca non ha assolutamente "alcun interesse" ad attaccare la Polonia o la Lettonia, in risposta alla domanda di Carlson su un ipotetico scenario che potrebbe costringere la Russia a inviare le sue truppe in quei Paesi. "Solo in un caso: se c'è un attacco alla Russia dalla Polonia, perché? Perché non abbiamo alcun interesse in Polonia o in Lettonia, da nessuna parte. Perché ne abbiamo bisogno? Semplicemente non abbiamo alcun interesse", ha detto.

Putin ha anche sottolineato che i commenti di alcuni funzionari statunitensi, secondo i quali i loro soldati saranno costretti a combattere in Ucraina se i finanziamenti di Kiev verranno interrotti, sono "una provocazione, anzi, una provocazione da quattro soldi".

"Non capisco perché i soldati americani debbano combattere in Ucraina. Ci sono mercenari statunitensi. La maggior parte dei mercenari viene dalla Polonia, in secondo luogo ci sono mercenari statunitensi, in terzo luogo ci sono mercenari dalla Georgia. Se qualcuno vuole inviare truppe regolari, questo porterà certamente l'umanità sull'orlo di un conflitto globale molto serio. È ovvio", ha detto.

"Gli Stati Uniti hanno bisogno di questo? A che scopo? A migliaia di chilometri di distanza dal loro territorio nazionale! Non hanno niente da fare? Ci sono un sacco di problemi al confine, problemi con la migrazione, problemi con il debito nazionale: oltre 33 trilioni di dollari. Niente da fare, niente per cui combattere in Ucraina?".

 

Esplosione del Nord Stream

Durante l'intervista, Putin ha sottolineato il coinvolgimento di Washington nell'esplosione del gasdotto Nord Stream. "Chi ha fatto saltare in aria il Nord Stream?", ha chiesto il comunicatore statunitense al presidente. "Tu, naturalmente", non ha esitato a rispondere Putin. "Quel giorno ero occupato. Non ho fatto saltare il Nord Stream", ha scherzato Carlson. "Lei personalmente può avere un alibi, ma la CIA non ha questo alibi", ha risposto il presidente russo. "Non voglio entrare nei dettagli, ma in questi casi si dice sempre: cercate qualcuno che sia interessato. Ma in questo caso dobbiamo cercare non solo qualcuno che sia interessato, ma anche qualcuno che sia in grado di farlo. Perché ci possono essere molte persone interessate, ma non tutte possono arrivare in fondo al Mar Baltico e fare questa esplosione. Queste due componenti devono essere collegate: chi è interessato e chi può farlo", ha detto il presidente russo.

Rispondendo al perché la Russia non voglia presentare le prove raccolte dai suoi servizi segreti sul sabotaggio dell'oleodotto e "vincere in questa guerra di propaganda", Putin ha detto che è "molto difficile" battere gli Stati Uniti in questa battaglia perché Washington "controlla tutti i media del mondo e molti media europei".

Carlson ha anche chiesto a Putin del silenzio della Germania sul coinvolgimento della NATO nell'esplosione dell'oleodotto, nonostante abbia subito un colpo alla sua economia a causa del sabotaggio. Secondo il presidente, le attuali autorità tedesche "non sono guidate da interessi nazionali, ma dagli interessi dell'Occidente collettivo; altrimenti, è difficile spiegare la logica delle loro azioni o inazioni".

 

Il caso del giornalista del WSJ arrestato per spionaggio

Carlson ha anche chiesto informazioni sul caso del giornalista statunitense Evan Gershkovich del Wall Street Journal, che si trova in detenzione preventiva in Russia con l'accusa di spionaggio a favore di Washington. Voleva sapere se la Russia potesse rilasciarlo come gesto di buona volontà. "Nessuno ha mai risposto ai nostri gesti di buona volontà con gesti simili. Ma, fondamentalmente, siamo pronti a parlare del fatto che non escludiamo di poterlo fare con una mossa di riavvicinamento da parte dei nostri partner", ha risposto.

Commentando il caso, Putin ha osservato che "se una persona ottiene informazioni segrete e lo fa su base cospirativa, si chiama spionaggio. Questo è esattamente ciò che stava facendo: stava ottenendo informazioni classificate e segrete". Gershkovich "lavorava nell'interesse dei servizi speciali statunitensi e di altre strutture", ha sottolineato il presidente russo.

-------------------

NULLA E' PIU' POTENTE DELL'ARTE E DELLA LETTERATURA. 

SCOPRI I SOGNI, LE ASPIRAZIONI E I SOPPRUSI SUBITI DAL POPOLO PALESTINESE ATTRAVERSO TRE GRANDI LIBRI AD UN PREZZO SPECIALE!

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti