Invasione Iraq 2003. Ex Funzionari CIA si confidano a Business Insider: George W. Bush un “bugiardo”

Invasione Iraq 2003. Ex Funzionari CIA si confidano a Business Insider: George W. Bush un “bugiardo”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Business Insider ha intervistato due ex funzionari della Cia che hanno fornito un resoconto di prima mano sui tentativi dell'amministrazione George W. Bush di travisare l'intelligence per forzare un collegamento tra Saddam Hussein e al-Qaeda. 

Le prove raccolte dalla CIA suggerivano che tale connessione non esistesse. Uno di questi falsi collegamenti si basava su un presunto incontro avvenuto tra Mohamed Atta, il capo dei dirottatori dell'11 settembre, e agenti dell'intelligence irachena a Praga.

Nel dicembre 2001, l'allora vicepresidente Dick Cheney andò su "Meet the Press" e affermò falsamente che l'incontro era "abbastanza ben confermato". Un cablogramma della CIA del 2003 precisò che "nessun" funzionario all'interno del governo degli Stati Uniti aveva prove che l'incontro di Praga fosse effettivamente avvenuto. Tuttavia, è diventata una parte fondamentale della causa pubblica dell'amministrazione per il lancio dell'invasione dell'Iraq il 20 marzo 2003, un conflitto che sarebbe costato circa 300.000 vite.

Gli anni di servizio di questi funzionari alla CIA ammontano a più di quattro decenni. Le loro identità sono note a Insider e sono indicate di seguito con pseudonimi a causa della delicatezza delle loro posizioni. La loro discussione è stata modificata per brevità.

Bush, Dick Cheney, Paul Wolfowitz, Lewis Libby e John McLaughlin non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento avanzate da Business Insider.

Di seguito alcuni stralci tradotti degli interventi dei due agenti che trovate su Business Insider.

Alice: Nessuno a Washington si fa avanti e chiama Bush bugiardo. Tutti sono troppo educati. Usano un altro termine per quello che ha fatto. Ma ha mentito. Voglio essere chiara su cosa intendo con questo. Sapeva che quello che stava dicendo non era vero. Ha preso giudizi dalla comunità dell'intelligence che erano molto incerti, giudizi che abbiamo espresso là fuori con avvertimenti molto chiari - "crediamo che l'Iraq stia continuando il suo programma nucleare, ma abbiamo un basso grado di certezza, bla bla bla" - e dichiara queste cose come fatti. Lo ha fatto più e più volte. Proprio come Cheney ha detto che Mohamed Atta ha incontrato l'intelligence irachena a Praga, come dato di fatto. [...] La Casa Bianca voleva una giustificazione per l'invasione. La cosa più vicina a cui si sono avvicinati è stato questo presunto, e apparentemente inesistente, aiuto che l'Iraq ha dato ad al-Qaeda [tramite Atta] nel portare a termine gli attacchi. Così hanno cercato di rintracciare qualsiasi tipo di contatto tra al-Qaeda e l'Iraq.

Bob: Nel frattempo, i nostri analisti iracheni dicevano, abbastanza sinceramente, che il regime di al-Qaeda e quello di Saddam Hussein erano molto distanti nelle loro ideologie: Saddam era un laico sincero, al-Qaeda aveva una visione messianica di un califfato. Ovviamente Saddam sapeva che al-Qaeda era nel suo paese. Sapeva tutto quello che accadeva nel suo paese. Per restare semplicemente al potere doveva sapere. Quindi è perfettamente naturale che sapesse chi era al-Qaeda e cosa stavano facendo e quel genere di cose. Ma questo non era un rapporto di lavoro. Si trattava di sorveglianza.

Alice: Oggi la gente dice che Bush cercava di giustificare l'invasione dell'Iraq. Non è così. Quello che stava cercando era qualcosa di diverso. La decisione di invadere era già stata presa e non c'era alcuna intelligence che avrebbe cambiato la loro opinione. Quindi questo non era uno sforzo per giustificare la guerra. È stato uno sforzo per vendere pubblicamente la guerra. 

Bob: Gli analisti della CIA finirono per lavorare su Atta per tre anni, perché i politici erano così ossessionati da lui. La mia comprensione è che tutto è iniziato con una fotografia di questo presunto incontro che ha avuto a Praga. L'abbiamo ricevuta poche settimane dopo gli attacchi. Era davvero sgranata. Forse era lui, forse no. Non era completamente rivolto verso la telecamera e c'erano altre figure sgranate intorno a lui. Le persone che ci hanno dato questa foto in primo luogo, alla fine hanno detto: "Stai cercando qualcosa che probabilmente non c'è". Inizialmente, la squadra di riconoscimento delle foto aveva detto che c'era una probabilità del 60% che fosse lui. Ma presto abbiamo ipotizzato che avessero gonfiato quel numero a causa di così tanta pressione su di loro. E alla fine, hanno fatto marcia indietro. Hanno detto che non potevano identificare chi fosse.

Bob: Ma questo non ha fermato l'amministrazione. Sono venuti alla CIA e hanno detto: "Vogliamo essere in grado di dimostrare che Atta era a Praga". All'inizio, abbiamo detto: "Beh, le nostre persone di riconoscimento fotografico non possono comprovarlo". Più tardi, quando arrivarono informazioni dalle nostre fonti e dall'FBI, iniziammo a dubitare che Atta avesse lasciato il nostro paese. C'erano così tante prove. Risme e risme di fogli di calcolo. La faccenda di Praga si è sbrogliata presto. Ma le domande ossessive su Atta e Praga andarono avanti per almeno altri due anni. "Trova il punto di vista iracheno. Deve esserci qualcosa da qualche parte. Non ti abbiamo ancora sentito smentire totalmente che Atta fosse lì." Dicevamo, sai, "non possiamo”. Alla fine, avrei potuto rispondere nel sonno. La domanda è venuta da Cheney, Wolfowitz, Scooter Libby. Le domande sono state chiamate "incarichi" da costoro. Gli incarichi ci sono arrivati ??dal nostro capo ramo o dai briefing della CIA che sono andati alla Casa Bianca. Abbiamo almeno dieci di questi incarichi. Dicevano: "Vogliamo assicurarci di non aver perso un angolo dell'Iraq, vogliamo assicurarci che voi siate categorici sulla faccenda di Atta". È come dire che vuoi provare al cento per cento una cosa che non esiste.

Bob : Poi, in seguito, alcuni dei pezzi grossi hanno cercato di scaricare la colpa sul livello lavorativo, dove il lavoro viene svolto. Parlavano dell'incapacità degli analisti di concordare sul collegamento iracheno, o se Atta fosse a Praga.

Alice : Cheney ha tolto gli avvertimenti da tutto, cose di cui gli abbiamo detto di cui non siamo sicuri, o di cui siamo abbastanza sicuri che non siano vere. È appena uscito e ha detto che questo è vero, e ha anche insinuato che sapeva queste cose perché aveva l'intelligence. Ha insinuato che aveva cose che nessun altro poteva vedere, motivo per cui ci credeva; quindi, era in questa posizione per parlare di questa minaccia su cui nessun altro aveva le informazioni giuste. Era una bugia.

Bob: Avevamo tutto questo caveau, grande come un'intera stanza. Dovevi digitare un codice per entrare. Come ha detto uno dei miei capi ramo, è solo qualcosa per mantenere oneste le persone oneste. Non puoi lasciare che la gente vaghi per i corridoi, passando da una stanza all'altra. All'interno del caveau, dal pavimento al soffitto, c'erano questi tabulati. Tutto maiuscolo, sai come sono quei cavi. Io e due o tre ragazzi del mio ramo li stavamo esaminando e mettendo in evidenza ogni nome arabo. Si riprendevano una pila e il capo diceva: "Oh, l'hai fatto in fretta. Ecco un'altra pila". Questa è stata una vera operazione da catena di montaggio. Continuavamo a chiederci di indagare nuovamente. Abbiamo continuato a sentire funzionari di alto rango, compreso il vicepresidente, dire in televisione che era abbastanza ben confermato che l'incontro di Praga si fosse svolto. Sbagliato. È una bugia.

Alice: Uno dei problemi che abbiamo avuto durante tutta questa era [sotto il direttore George Tenet] è stato che la CIA aveva un rapporto così stretto con il presidente. Quindi, quando il presidente è cattivo, l'agenzia è cattiva. Voglio dire, non è solo efficace. Non c'è firewall. E penso che giudizi analitici come il National Intelligence Estimate dovrebbero uscire in versioni non classificate con conferenze stampa. Perché l'intelligenza appartiene alla nazione. Questo sta accadendo un po' più di recente, con le valutazioni declassificate sull'interferenza russa e le origini del coronavirus e così via. Ma non è abbastanza. Ora, non ho intenzione di dirvi nulla sulle fonti che avevamo, o su come abbiamo ottenuto l'intelligence. Ma i giudizi, i giudizi analitici basati su tutte queste informazioni che sono emerse. Credo che appartengano al popolo. Rilasciare quanto più possibile ci protegge. Perché quando hai un presidente come Bush o Trump, tutti dovrebbero avere le informazioni. Quando ce l'ha solo il presidente, possiamo trovarci in una situazione in cui non possiamo fermare una guerra.

Bob : Parte di ciò che ci motiva è quanto ci siamo stancati, essendo stati incolpati di intelligence difettosa dopo che siamo andati in Iraq e non abbiamo trovato armi di distruzione di massa. Questo è davvero irritante. E il pubblico ha un'idea molto vaga di tutto questo. Del nostro funzionamento interno. Quindi questa è la vista dalle trincee. Puoi combattere per ottenere informazioni fino al settimo piano e fuori dall'edificio. Ma se il presidente stesso ha sostanzialmente fatto sapere che non vuole sentirlo, perché andremo comunque in Iraq, beh, buona fortuna. Questo è duro per l'agenzia. Le persone si dimetteranno o si trasferiranno altrove. E quelle sono le persone che vuoi nelle posizioni analitiche, le persone che possono dire la verità al potere.

Alice: Quando nessuno sa cosa sapevano il presidente o il vicepresidente, o quando lo sapevano, si arriva a una situazione in cui Bush può alzarsi in piedi e dire: "Beh, non c'erano armi di distruzione di massa, ma ci sono state fornite informazioni false". Ok, no, non lo eri. La vista della trincea è no, non lo eri. Hai chiesto informazioni difettose, perché volevi solo informazioni che avrebbero sostenuto questa grande stravaganza dell'invasione dell'Iraq, e l'hai ottenuta.

Bob: Entrambi proviamo ancora una sorta di lealtà verso la CIA. Dobbiamo ancora spiegarci alla gente per strada, ai nostri amici. Quindi abbiamo questo rancore contro la cattiva storia scritta da persone in alto che hanno preso le decisioni. Cheney in particolare. È flagrante. Usare male l'intelligence, pretendere un'intelligenza che non ha niente a che vedere con la realtà. Bush e Cheney avevano una stima dell'intelligence nazionale, che ignorarono. Ha detto che i risultati dell'invasione potrebbero essere insurrezione, guerra civile, in altre parole, a meno che non intervenga un altro uomo forte altrettanto cattivo di Saddam, questo posto andrà in pezzi. Creerete un mostro in Iran, che - con la sua popolazione sciita - si trasferirà in Iraq.

Alice : Penso che dipenda da ciò che pensi che credesse Cheney. Pensi che credesse davvero che quell'incontro fosse avvenuto?

Bob : Non da quello che gli abbiamo detto. Ma non so se posso dargli del bugiardo.

Alice: Lo chiamerò bugiardo. Penso che si stesse deliberatamente lasciando spazio per imbrogliare. Sapeva che non stava trasmettendo una versione veritiera dell'intelligence su questa e altre questioni, tutte le questioni relative alle armi di distruzione di massa, e stava cercando un impatto specifico, che stava vendendo una guerra. Sapeva che stava travisando le cose. Tutti questi libri smettono di dargli del bugiardo. Si fanno in quattro per essere onesti con Cheney. Nessuno vuole dare un'opinione nuda e cruda. Beh, ho finito la vernice. L'ho esaurita nel 2003. Alla fine, devi ritenere qualcuno responsabile per quello che ha fatto. Cheney ha preso questa enorme tragedia dell'11 settembre, che è quasi così vasta che non puoi esprimerla, e senza una pausa, l'ha cinicamente trasformata in un modo per vendere un'altra guerra. Ciò andava a scapito degli sforzi per fermare ulteriori attacchi. È, credo, cinismo criminale. Lo biasimo. E non ho intenzione di dargli spazio di manovra. Il mio messaggio è stato così controllato per così tanto tempo. Non ho più voglia di usare mezzi termini.

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo di Geraldina Colotti Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti