Investitori tedeschi e ruolo della Polonia. Le nuove rivelazioni del Washington Post sul sabotaggio del Nord Stream

Investitori tedeschi e ruolo della Polonia. Le nuove rivelazioni del Washington Post sul sabotaggio del Nord Stream

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Gli investigatori tedeschi stanno esprimendo seri dubbi sulla narrazione ufficiale sul sabotaggio del gasdotto Nord Stream, che è stata spinta con forza all'indomani dell’inchiesta bomba di Seymour Hersh, il quale ha puntato il dito contro la CIA e la Marina statunitense, che con l'aiuto della Norvegia, avrebbero imbastito un’operazione coperta. Il mese scorso, Hersh ha pubblicato un articolo su Substack in cui affermava che la CIA aveva creato una storia di copertura per gli attentati al Nord Stream, che è stata data in pasto al New York Times e al quotidiano tedesco Die Zeit. Probabilmente si tratta di una reazione diretta alle scoperte di Hersh. Una fonte all'interno della comunità dei servizi segreti statunitensi ha detto al famoso giornalista vincitore del Premio Pulitzer: "È stata una totale invenzione dei servizi segreti USA che è stata trasmessa ai tedeschi, con l'obiettivo di screditare la tua storia".

La narrazione favorita così divenne quella secondo cui elementi filo-ucraini avevano compiuto l’operazione terroristica. Hersh ha sostenuto che si trattava di un progetto architettato per proteggere gli Stati Uniti e l'amministrazione Biden per aver ordinato l'operazione. L’articolo di Die Zeit ha citato funzionari tedeschi per affermare che gli attentati di sabotaggio dell'oleodotto sono stati compiuti da sei persone che hanno utilizzato uno yacht noleggiato in Polonia, di proprietà di due ucraini. Nei giorni successivi, diversi media occidentali hanno ripreso questa tesi e pubblicato articoli simili che rafforzavano la storia di copertura.

Ma ora un nuovo lungo articolo investigativo del Washington Post, pubblicato lunedì, conferma molte delle conclusioni di Hersh. In effetti la "storia di copertura" si sta sgretolando rapidamente. Inoltre, l'articolo del WP afferma senza mezzi termini che i funzionari occidentali non sono affatto desiderosi di parlare del sabotaggio del Nord Stream, il che fa pensare a un continuo insabbiamento in corso, o in effetti a una frequentazione limitata. Inoltre, è molto significativo che le accuse occidentali rivolte alla Russia si siano da tempo placate.

Secondo il Washington Post, le autorità polacche e ucraine potrebbero essere coinvolte nel sabotaggio del gasdotto Nord Stream. A tal proposito il quotidiano cita i risultati preliminari di un'indagine dell'intelligence tedesca.

Gli investigatori tedeschi hanno collegato lo yacht Andromeda, presumibilmente utilizzato dai sabotatori del gasdotto Nord Stream, a una società polacca di proprietà di una società legata a un "influente ucraino".

Il quotidiano statunitense osserva che, mesi dopo la scoperta del coinvolgimento dell'Andromeda - barca di 15 metri - nell'attacco, gli investigatori hanno concluso che non era l'unica imbarcazione su cui viaggiavano i sabotatori. Ritengono inoltre che l'imbarcazione possa essere stata un'esca lanciata in mare per distogliere l'attenzione dai veri responsabili, si legge nell'articolo.

Secondo gli esperti, un'operazione del genere avrebbe richiesto diverse immersioni da parte di sommozzatori professionisti. Tuttavia, le attrezzature e la capacità di carico dello yacht rendevano impossibile un'operazione del genere. L'indagine ha anche stabilito che i resti di esplosivi militari trovati sul tavolo della cabina di pilotaggio della nave corrispondono a quelli utilizzati per il sabotaggio.

Secondo le fonti del giornale, oltre a Kiev, l'indagine non esclude il coinvolgimento di Varsavia, dato che la Polonia è stata una delle più ferventi critiche al progetto fin dal suo inizio. Allo stesso tempo, l'inchiesta sottolinea che non sono mai state trovate prove evidenti del coinvolgimento russo nel sabotaggio.

Mosca chiederà ai governi di Germania, Danimarca e Svezia relazioni sulle loro indagini sugli attacchi ai gasdotti russi Nord Stream, ha dichiarato la portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova durante un briefing con la stampa.

"Continueremo a insistere su questo tema, che ovviamente è scomodo per l'Occidente", ha affermato Zakharova. "Prevenire attacchi simili in futuro e proteggere l'infrastruttura energetica globale sarà possibile solo stabilendo la verità e punendo i responsabili dell'attacco", ha concluso.

In precedenza, il Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov aveva lamentato che l'Occidente non vuole un'indagine "imparziale, obiettiva e trasparente" sugli attentati al gasdotto.

"Tutti capiscono che si tratta di attacchi terroristici, ma [...] non vogliono che questa indagine sia davvero obiettiva", la sue parole. "Con una sola voce, i Paesi occidentali e il resto del Consiglio di Sicurezza che, sotto la pressione degli anglosassoni, dei francesi e di altri che si sono uniti al gruppo di Paesi che si sono astenuti, hanno detto: 'Perché sprecare gli sforzi se ci sono indagini nazionali’”. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti