Iran: i progressi a Vienna dipendono dalla buona volontà dell'Occidente

Iran: i progressi a Vienna dipendono dalla buona volontà dell'Occidente

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il ministro degli Esteri iraniano ha ribadito che Teheran è determinata a raggiungere un buon accordo nei colloqui di Vienna, ma si rammarica di non percepire lo stesso dalla sua controparte.

Qualificando le posizioni e le opinioni di Russia e Cina come realistiche e costruttive nei colloqui di Vienna, il ministro degli Esteri iraniano Hosein Amir Abdolahian ha affermato che finora Teheran non ha ricevuto alcuna proposta costruttiva e prospettica dalla Troika europea; vale a dire, Germania, Francia e Regno Unito.

“Se i colleghi europei studiano con attenzione e senza pregiudizio dei testi proposti da Iran, capiranno che le proposte siano nel quadro dell'accordo nucleare e focus sui temi dei colloqui di giugno 2021.

Certo, è ovvio che il punto dell'Iran di vista differisce per alcuni aspetti dal punto di vista e dall'approccio occidentale ”, ha sottolineato Amir Abdolahian in una conversazione telefonica tenutasi oggi con il capo della diplomazia dell'Unione europea (Ue), Josep Borrell, a poche ore dalla ripresa dei dialoghi di Vienna.

In questo senso, ha criticato la troika europea per il suo comportamento manifestato attraverso una posizione politica e mediatica negativa, e ha descritto queste campagne come non costruttive, che ha descritto come un fattore che complica la situazione e rallenta il processo di accordo.

Ha anche sottolineato che è stato anche ricordato agli Stati Uniti e ai tre Paesi europei che i colloqui devono essere realistici e che le due parti devono sentire progressi reciproci.

Il capo persiano ha assicurato che la delegazione nucleare iraniana resterà a Vienna il tempo necessario per raggiungere un accordo e svolgere consultazioni con il Gruppo 4+1, composto da Cina, Russia, Regno Unito e Francia, più la Germania.

Ha anche fatto riferimento all'importanza della cooperazione tra l'Organizzazione per l'energia atomica dell'Iran e l'AIEA, ed ha espresso la sua soddisfazione per i contatti esistenti e la continuazione dei colloqui e della cooperazione tecnica.

"Abbiamo sempre lavorato a stretto contatto con l'Aiea e, a questo proposito, una delegazione dell'Organizzazione per l'energia atomica dell'Iran si recherà a Vienna per incontrare e parlare con i funzionari dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica", ha spiegato.

A sua volta, Borrell ha espresso la sua soddisfazione per il proseguimento dei colloqui di Vienna e ha offerto la sua valutazione dal punto di vista delle parti negoziali.

Notando che le sfide potrebbero danneggiare i colloqui, Borrell ha anche espresso la speranza che, con gli sforzi e l'interazione di tutte le parti, i colloqui di Vienna si sposteranno verso un accordo globale.

La delegazione persiana ha consegnato giovedì scorso alle potenze europee due bozze  sulla revoca delle sanzioni - reintrodotte dagli Stati Uniti dopo il ritiro unilaterale di questi ultimi dal patto nucleare nel 2018 - e sugli impegni nucleari.

Questi documenti non vanno oltre l'accordo nucleare, ma la troika europea non sembra intenzionata ad accettare nemmeno i propri impegni assunti con il patto concluso sei anni fa.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti