/ Iran, Khamenei: "Il dialogo degli USA č un trucco, vogliono solo ...

Iran, Khamenei: "Il dialogo degli USA č un trucco, vogliono solo imporre la loro volontą"

 

Il leader iraniano rifiuta nuovamente un dialogo con gli Stati Uniti e avverte che Trump cerca di imporre la propria volontą all'Iran.


"Con l'offerta di un nuovo dialogo con l'Iran, gli Stati Uniti cercano di imporre le loro richieste sulla nazione persiana e andare oltre la loro politica di massima pressione contro questo paese", ha denunciato oggi Ayatollah Ali Khamenei.

 
Per il leader della rivoluzione islamica dell'Iran, "il dialogo è un trucco" e attraverso di esso, Washington vuole dimostrare che la sua campagna di massima pressione contro Teheran funziona. Tuttavia, è "senza valore" e fallirà, ha sottolineato.
 
Ha anche messo luce la posizione contraddittoria delle autorità statunitensi di fronte al dialogo con la Repubblica islamica. “A volte offrono una negoziazione senza precondizioni all'Iran, e altri pongono 12 condizioni per questo. Ciò dimostra il disordine politico alla Casa Bianca o è un trucco per confondere la controparte, anche se non possono farlo con l'Iran", ha avvertito.

 
Domenica scorsa, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, ancora una volta non ha escluso la possibilità di un incontro con il suo omologo iraniano, Hassan Rouhani, a fine mese a margine dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, a New York.
 
Il magnate americano ha fatto l'annuncio perseguendo, comunque, una politica di massima pressione contro Teheran.
 
L'Ayatollah Khamenei ha condizionato il dialogo con Washington al fatto che quest'ultimo ritorni per conformarsi all'accordo sul nucleare già in vigore, noto ufficialmente come Piano d'azione comune(PIAC o JCPOA).
 
“Nel caso in cui gli Stati Uniti tornassero indietro (i passaggi sopra indicati) all'accordo che hanno violato l'anno scorso, potrebbe essere possibile incontrare l'Iran e altri partner del patto, altrimenti non ci saranno negoziati tra l'Iran e gli Stati Uniti a nessun livello, né a New York né a altrove ”ha precisato il leader iraniano.
 
Khamenei infine ha esortato le autorità persiane a utilizzare le "capacità interne" per risolvere i problemi del paese ed evitare di fare affidamento su stati stranieri. “Questo, tuttavia, non significa chiudere le porte del dialogo con il mondo. Salutiamo il dialogo con gli altri, ma non dipendiamo da nessuno", ha concluso.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa