"Italiani votate no. Anzi si". Ma interessano ancora a qualcuno i "consigli" de l'Economist?

"Italiani votate no. Anzi si". Ma interessano ancora a qualcuno i "consigli" de l'Economist?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Ieri si è molto parlato del presunto endorsment della rivista della finanza mondiale, L'Economist, per il "no" nel referendum italiano del 4 dicembre. 



Oggi arriva un nuovo articolo a firma John Hooper, da molti anni corrispondente da Roma dell'Economist e una delle firme più note, per "The World in 2017" che si schiera apertamente per il si. "Le riforme mirano a rendere l'Italia un paese più governabile" E conclude: "Con un voto sì, l'Italia comincerà il 2017 con una possibilità di lasciarsi alle spalle il suo primato di governi instabili e leggi inefficaci. Con un no, si troverà a confrontarsi con uno scenario deprimente e familiare di instabilità politica e forse anche economica", ha scritto.


 
Votate No, poi votate Si.

Ma la domanda da porre a tutti quei giornali italiani che fanno a gara a rilanciare immediatamente i "consigli" di questa rivista è: pensate ancora che interessi davvero a qualcuno quello che l'Economist "consiglia" per il nostro paese? Dopo aver sbagliato tutto quello che era possibile sbagliare, credete davvero che la popolazione italiana reagisca in linea con quello che le dice di fare la rivista della finanza?

La risposta migliore a questo circo mediatico è l'indifferenza, che li accompagnerà dolcemente alla morte naturale. Se una volta l'endorsment di Economist, Financial Times, New York Times, BBC, Cnn etc era sinonimo di vittoria politica certa, le ultime tornate elettorali nel mondo dimostrano l'esatto opposto. Non è più rilevante, in altri termini, quanti miliardi investano queste corporazioni mediatiche per far vincere il candidato scelto dal loro editore, il loro messaggio non arriva più all'opinione pubblica. Anzi, ed è questo il virus sistemico che si sta realizzando oggi, indirizzano voti dalla parte contraria. Forse proprio questo potrebbe spiegare l'editoriale per il no dell'Economist di ieri, subito smentito il giorno dopo.

Alessandro Bianchi

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti