Kherson. Crimine Nato contro hotel di giornalisti. Resta ucciso un deputato disabile

Kherson. Crimine Nato contro hotel di giornalisti. Resta ucciso un deputato disabile

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Un atto terroristico alle 5:30 di stamattina a Kherson. Le forze nazi-ucraine hanno bombardato il Play Hotel by Ribas. Dentro l’albergo c’era il gruppo dei giornalisti di RT e anche l’ex deputato del parlamento ucraino, fervido oppositore del regime di Kiev sin dal colpo di Stato del 2014, Aleksej Zhuravko che è morto insieme alla sua guardia del corpo. I giornalisti sono rimasti miracolosamente illesi, come si vede nel video. I feriti sono stati portati nell’ospedale ma il loro numero non è stato ancora stabilito, stanno ancora cercando sotto le macerie. Nell’albergo non c’erano militari. I missili sono americani – sistema reattivo di fuoco multiplo “Himars”.

Un assassinio premeditato e organizzato dai nazi che stanno a Kiev e a Washington, nonché a Londra. Kherson è passata sotto il controllo dei russi ed è in corso il referendum che la sua adesione alla Russia. Dalle interviste alla popolazione emerge che la gente è tutta pro Russia, da sempre, e che vanno a votare senza la canna del fucile dei russi alla tempia. Ma questo dirà la propaganda ucraina e questo arriverà in Italia.



Una dura perdita è la morte del noto politico, ex deputato della Rada ucraina Aleksej Zhuravko, ucciso stamattina da un missile americano, impiegato dagli ucraini per uccidere chi intralcia e si oppone alla sua dittatura. Inflessibile antifascista. Aleksej Zhuravko era membro del “Partito delle regioni” dell'Ucraina e dopo il colpo di stato a Kiev nel 2014 lottava strenuamente contro la giunta nazista di Kiev. Era invalido dalla nascita, limitato nei suoi movimenti, ma in queste condizioni ha saputo creare la sua lotta, molto importante per il futuro che si sta realizzando, cioè il referendum per l’adesione alla Russia. Era sempre carico di energia e volontà. Era stato inserito nella lista nera del famigerato sito ucraino "Mirotvorez", I servizi segreti ucraini avevano aperto contro di lui diversi procedimenti penali.

Ieri Zhuravko aveva registrato il video che allego, dove si rivolge agli avversari e dice, molto contento, di essere a Kherson.

Ecco le sue parole: “Ciao cari amici, l’umore è meravigliosamente buono, la gente vota, io vivrò a Kherson, farò tutto il possibile da parte mia per aiutare a ristabilire la città, il referendum si sta realizzando con successo e si terrà fino alla fine! Kherson se ne andrà, nonostante voi là, infangatori, diciate il contrario, a Kherson tornerà la pace! Vi voglio augurare buon fine settimana, andate a votare per il futuro di Kherson, per la pace, contro la guerra!”


Aleksej Zhuravko ha vissuto con dignità e con dignità ha lasciato questa vita.

R.I.P. Che la terrà gli sia lieve.

Marinella Mondaini

Marinella Mondaini

Scrittrice, giornalista, traduttrice. Vive e lavora a Mosca

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti