Korybko - Il Cremlino si oppone alle false affermazioni sulla situazione in Karabakh

Korybko - Il Cremlino si oppone alle false affermazioni sulla situazione in Karabakh

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La posizione del Cremlino si allinea con quella dell'Azerbaigian, a maggioranza musulmana, e non con quella dell'Armenia, a maggioranza cristiana, nonostante i dati demografici della Russia siano più simili a quelli di quest'ultima. Ciò dimostra che l'approccio di Mosca si basa su fatti oggettivamente esistenti e non su politiche identitarie.

 

Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha chiarito la situazione nella regione azera del Karabakh, a seguito della raffica di false affermazioni che si sono susseguite nelle ultime due settimane e che mirano a screditare il Paese, oltre a provocare una rivoluzione cromatica filo-occidentale anti-russa in Armenia. Ha dichiarato che "non c'è una ragione immediata" dietro la decisione di coloro che hanno scelto di lasciare le loro case, ma ha confermato che le forze di pace russe assisteranno coloro che vogliono ancora attraversare l'Armenia.

 

Anche il presidente del Comitato per gli affari esteri del Consiglio della Federazione, Konstantin Kosachev, ha condiviso il suo pensiero su questo tema in un post pubblicato su Telegram e riportato dalla TASS. Secondo l'alto funzionario, che svolge un ruolo diretto nella formulazione della politica estera russa, l'Azerbaigian ha la possibilità "storica" di reintegrare pacificamente la sua regione, un tempo separatista, evitando così gli errori che in passato hanno colpito Georgia, Moldavia e Ucraina.

 

Kosachev ha descritto questo scenario come "un ovvio vantaggio reputazionale" per Baku e ha promesso che Mosca assisterà pienamente in questo processo se richiesto, idealmente attraverso i canali parlamentari da lui proposti. L'aspetto più importante delle dichiarazioni di questi due rappresentanti russi è che contrastano la propaganda malevola dell'Occidente che parla di "pulizia etnica" e "genocidio". Questo non solo protegge la reputazione delle forze di pace del loro Paese, ma anche quella dello Stato azero.

 

Come risulta, la narrazione degli eventi da parte dell'Armenia è in linea con quella dell'Occidente, il che la pone dalla parte opposta rispetto alla Russia in questa delicata situazione. L'ottica è ancora più interessante se si considera che la posizione del Cremlino si allinea con quella dell'Azerbaigian, a maggioranza musulmana, e non con quella dell'Armenia, a maggioranza cristiana, nonostante i dati demografici della Russia siano più simili a quelli di quest'ultima. Ciò dimostra che l'approccio di Mosca si basa su fatti oggettivamente esistenti e non su politiche identitarie.

 

Le identità etno-religiose delle due parti nel conflitto del Karabakh, appena concluso, non hanno alcun ruolo nella formulazione della politica estera russa, contrariamente alle false affermazioni occidentali secondo cui il governo del Presidente Putin sarebbe "di destra" e sosterrebbe segretamente il cosiddetto "Nazionalismo Cristiano" in Occidente. Se fosse davvero così, allora non si sarebbe schierato con l'Azerbaigian a maggioranza musulmana contro l'Armenia a maggioranza cristiana, cosa che invece ha fatto proprio perché i fatti sostengono la posizione di Baku e non quella di Erevan.

 

L'intuizione di cui sopra dà quindi credito alle affermazioni secondo cui l'Armenia e i suoi partner occidentali starebbero mentendo sui crimini che si starebbero verificando nella regione azera del Karabakh. Sembra che siano spinti dal desiderio di sfruttare la percezione popolare del paradigma dello "Clash of Civilizations" ["scontro di civiltà"] di Samuel Huntington per indurre milioni di persone a pensare che i musulmani stiano massacrando i cristiani. Questo non è solo disonesto, ma anche pericoloso perché potrebbe istigare crimini di odio islamofobico in Occidente.


(Articolo pubblicato in inglese sulla newsletter di Andrew Korybko)

 

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti