La 'Belt and Road Initiative' entra nel decimo anno: come la Cina gioca al "Nuovo Grande Gioco"

La 'Belt and Road Initiative' entra nel decimo anno: come la Cina gioca al "Nuovo Grande Gioco"

Mentre la Belt and Road Initiative di Pechino entra nel suo decimo anno, una forte partnership geostrategica sino-russa ha rivitalizzato la BRI in tutto il Sud Globale.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Pepe Escobar - The Cradle

[Traduzione: Nora Hoppe]

 

L'anno 2022 è finito con una chiamata Zoom per porre fine a tutte le chiamate Zoom.

I presidenti Vladimir Putin e Xi Jinping hanno discusso di tutti gli aspetti del partenariato strategico Russia-Cina in una videochiamata esclusiva.

Putin ha raccontato a Xi come "Russia e Cina sono riuscite a garantire tassi di crescita record del commercio reciproco", il che significa che "saremo in grado di raggiungere il nostro obiettivo di 200 miliardi di dollari entro il 2024 prima del previsto".

Riguardo al loro coordinamento per "formare un giusto ordine mondiale basato sul diritto internazionale", Putin ha sottolineato come "condividiamo le stesse opinioni sulle cause, il corso e la logica della trasformazione in corso del panorama geopolitico globale".

Di fronte a "pressioni e provocazioni senza precedenti da parte dell'Occidente", Putin ha sottolineato come Russia-Cina non difendano solo i propri interessi "ma anche tutti coloro che sostengono un ordine mondiale veramente democratico e il diritto dei Paesi di determinare liberamente il proprio destino".

In precedenza, Xi aveva annunciato che Pechino terrà il terzo Belt and Road Forum nel 2023. Questo è stato confermato, in via ufficiosa, da fonti diplomatiche. Inizialmente il forum era stato concepito per essere biennale, prima nel 2017 e poi nel 2019. Il 2021 non si è tenuto a causa della Covid-19.

Il ritorno del forum segna non solo un rinnovato impulso, ma anche un punto di riferimento estremamente significativo, dato che la Belt and Road Initiative (BRI), lanciata ad Astana e poi a Giacarta nel 2013, celebrerà il suo decimo anniversario.

 

BRI versione 2.0

Questo ha dato il tono al 2023 in tutto lo spettro geopolitico e geoeconomico. Parallelamente alla sua ampiezza e portata geoeconomica, la BRI è stata concepita come il concetto di politica estera globale della Cina fino alla metà del secolo. Ora è giunto il momento di ottimizzare le cose. I progetti BRI 2.0, lungo i suoi diversi corridoi di connettività, sono destinati a essere ridimensionati per adattarsi all'ambiente post-Covid, ai riverberi della guerra in Ucraina e a un mondo profondamente indebolito dal debito.

 

E poi c'è l'intreccio tra la spinta alla connettività attraverso la BRI e la spinta alla connettività attraverso il Corridoio Internazionale di Trasporto Nord-Sud (INTSC), i cui attori principali sono Russia, Iran e India.

Espandendo la spinta geoeconomica del partenariato Russia-Cina, come discusso da Putin e Xi, il fatto che Russia, Cina, Iran e India stiano sviluppando partenariati commerciali interconnessi dovrebbe stabilire che i membri dei BRICS, Russia, India e Cina, più l'Iran come uno dei prossimi membri del BRICS+ allargato, sono il "Quartetto" che conta davvero in Eurasia.

Il nuovo Comitato Permanente del Politburo di Pechino, totalmente allineato alle priorità di Xi, sarà fortemente concentrato sulla solidificazione di sfere concentriche di influenza geoeconomica nel Sud Globale.

 

Come la Cina gioca l'"ambiguità strategica"

Tutto ciò non ha nulla a che vedere con l'equilibrio di potenza, un concetto occidentale che non ha nulla a che vedere con i cinque millenni di storia della Cina. Non si tratta nemmeno di un'altra inflessione dell'"unità del centro" – la rappresentazione geopolitica secondo cui nessuna nazione è in grado di minacciare il centro, la Cina, finché è in grado di mantenere l'ordine.

Questi fattori culturali, che in passato potevano impedire alla Cina di accettare un'alleanza secondo il concetto di parità, sono ora svaniti quando si tratta del partenariato strategico Russia-Cina.

Già nel febbraio del 2022, pochi giorni prima degli eventi che hanno portato all'Operazione Militare Speciale (OMS) della Russia in Ucraina, Putin e Xi, di persona, avevano annunciato che la loro partnership non aveva "limiti" –  anche se hanno approcci diversi su come Mosca dovrebbe affrontare una Kiev letalmente strumentalizzata dall'Occidente per minacciare la Russia.

In poche parole: Pechino non "abbandonerà" Mosca a causa dell'Ucraina –  anche se non mostrerà apertamente il suo sostegno. I cinesi stanno giocando la loro sottile interpretazione di ciò che i russi definiscono "ambiguità strategica".


Connettività in Asia occidentale

In Asia occidentale, i progetti BRI progrediranno con particolare rapidità in Iran, come parte dell'accordo di 25 anni firmato tra Pechino e Teheran e della definitiva scomparsa del Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA) – o accordo sul nucleare iraniano – che si tradurrà in nessun investimento europeo nell'economia iraniana.

L'Iran non è solo un partner della BRI, ma anche un membro a pieno titolo dell'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO). Ha concluso un accordo di libero scambio con l'Unione Economica Eurasiatica (UEE), che comprende gli Stati post-sovietici Russia, Armenia, Bielorussia, Kazakistan e Kirghizistan.

L'Iran è oggi senza dubbio il principale interconnettore dell'INSTC, che si apre sull'Oceano Indiano e oltre, collegandosi non solo con la Russia e l'India, ma anche con la Cina, il Sud-Est asiatico e persino, potenzialmente, con l'Europa – sempre che la leadership dell'UE si accorga un giorno da che parte soffia il vento.

 

Ecco quindi che l'Iran, pesantemente sanzionato dagli Stati Uniti, trae vantaggio contemporaneamente dalla BRI, dall'INSTC e dall'accordo di libero scambio con l'Unione Europea. I tre membri critici dei BRICS – India, Cina e Russia – saranno particolarmente interessati allo sviluppo del corridoio di transito transiraniano, che si dà il caso sia la via più breve tra la maggior parte dell'UE e l'Asia meridionale e sudorientale, e fornirà trasporti più rapidi ed economici.

A questo si aggiunge l'innovativo corridoio elettrico Russia-Transcaucasia-Iran, che potrebbe diventare il collegamento definitivo in grado di abbattere l'antagonismo tra Azerbaigian e Armenia.

Nel mondo arabo, Xi ha già riorganizzato la scacchiera. Il viaggio di dicembre di Xi in Arabia Saudita dovrebbe essere il progetto diplomatico su come stabilire rapidamente un quid pro quo postmoderno tra due antiche e orgogliose civiltà per facilitare la rinascita della Nuova Via della Seta.

 

L'ascesa del Petro-yuan

Pechino potrebbe aver perso enormi mercati di esportazione all'interno dell'Occidente collettivo – per cui era necessaria una sostituzione. I leader arabi che si sono schierati a Riyadh per incontrare Xi hanno visto avvicinarsi improvvisamente diecimila coltelli affilati (occidentali) e hanno calcolato che era giunto il momento di trovare un nuovo equilibrio.

Ciò significa, tra l'altro, che il principe ereditario saudita Mohammad bin Salman (MbS) ha adottato un'agenda più multipolare: basta con l'armamento del salafismo-jihadismo in Eurasia e porta spalancata al partenariato strategico Russia-Cina. L'arroganza colpisce duramente il cuore dell'egemone.

Lo stratega del Credit Suisse Zoltan Pozsar, in due newsletter successive di grande impatto, War and Commodity Encumbrance (27 dicembre) e War and War and Currency Statecraft (29 dicembre), ha evidenziato la scritta sul muro.

Pozsar ha compreso appieno ciò che Xi intendeva quando ha detto che la Cina è "pronta a lavorare con il CCG" per creare un "nuovo paradigma di cooperazione energetica a tutte le dimensioni" in un arco di tempo di "tre-cinque anni".

La Cina continuerà a importare molto greggio, a lungo termine, dai Paesi del CCG, e molto più gas naturale liquefatto (GNL). Pechino "rafforzerà la nostra cooperazione nel settore a monte, nei servizi di ingegneria, nonché nello stoccaggio, nel trasporto e nella raffinazione [a valle]". La piattaforma della Borsa del petrolio e del gas naturale di Shanghai sarà pienamente utilizzata per il regolamento in renminbi nel commercio di petrolio e gas... e potremmo avviare una cooperazione per lo scambio di valuta."

Pozsar ha riassunto il tutto in questo modo: "Petrolio del CCG che scorre verso est + fatturazione in renminbi = l'alba del petroyuan."

E non solo. Parallelamente, la BRI riceve una nuova spinta, perché il modello precedente – petrolio in cambio di armi – sarà sostituito dal petrolio per lo sviluppo sostenibile (costruzione di fabbriche, nuove opportunità di lavoro).

Ed è così che la BRI risponde alla Visione 2030 di MbS.

Oltre a Michael Hudson, Poszar è forse l'unico analista economico occidentale a comprendere il cambiamento di potere globale: "L'ordine mondiale multipolare", dice, "non è costruito dai capi di Stato del G7, ma dal 'G7 dell'Est' (i capi di Stato del BRICS), che è in realtà un G5." A causa del movimento verso un BRICS+ allargato, si è preso la libertà di arrotondare il numero.

Anche le potenze globali in ascesa sanno come bilanciare le loro relazioni. In Asia Occidentale, la Cina sta giocando su filoni leggermente diversi della stessa strategia di commercio/connettività BRI, uno per l'Iran e l'altro per le monarchie del Golfo Persico.

Il Partenariato Strategico Globale della Cina con l'Iran è un accordo di 25 anni in base al quale la Cina investe 400 miliardi di dollari nell'economia iraniana in cambio di una fornitura costante di petrolio iraniano a forte sconto. Durante il vertice con il CCG, Xi ha sottolineato gli "investimenti in progetti petrolchimici a valle, nella produzione e nelle infrastrutture" in cambio del pagamento dell'energia in yuan.

Come giocare al "Nuovo Grande Gioco"

Il BRI 2.0 stava già andando alla grande durante una serie di vertici del Sud-Est asiatico a novembre. Quando Xi ha incontrato il primo ministro thailandese Prayut Chan-o-cha al vertice APEC (Asia-Pacific Economic Cooperation) di Bangkok, si sono impegnati a collegare finalmente la ferrovia ad alta velocità Cina-Laos, già in funzione, al sistema ferroviario thailandese. Si tratta di un progetto di 600 km che collega Bangkok a Nong Khai, al confine con il Laos, e che sarà completato entro il 2028.

Inoltre, in un'ulteriore spinta BRI, Pechino e Bangkok hanno concordato di coordinare lo sviluppo della Greater Bay Area cinese di Shenzhen-Zhuhai-Hong Kong e del Delta del fiume Yangtze con il Corridoio Economico Orientale (EEC) della Thailandia.

Nel lungo periodo, la Cina mira essenzialmente a replicare in Asia occidentale la sua strategia nel Sud-est asiatico. Pechino commercia più con l'ASEAN che con l'Europa o gli Stati Uniti. L'attuale, doloroso crollo al rallentatore dell'Occidente collettivo potrebbe far storcere il naso a una civiltà che ha visto, da lontano, l'ascesa e la caduta di Greci, Romani, Parti, Arabi, Ottomani, Spagnoli, Olandesi, Britannici. L'Egemone, dopo tutto, è solo l'ultimo di una lunga lista.

In termini pratici, i progetti BRI 2.0 saranno ora sottoposti a un maggiore controllo: Sarà la fine delle proposte irrealizzabili e dei costi irrecuperabili, con l'estensione di linee di salvataggio a una serie di nazioni in difficoltà per il debito. Il BRI sarà posto al centro dell'espansione del BRICS+ – sulla base di un panel di consultazione del maggio 2022 a cui hanno partecipato ministri degli Esteri e rappresentanti di Sud America, Africa e Asia che ha mostrato, in pratica, la gamma globale di possibili Paesi candidati.

 

Implicazioni per il Sud globale

Il nuovo mandato di Xi dal 20° Congresso del Partito Comunista ha segnalato l'istituzionalizzazione irreversibile della BRI, che si dà il caso sia la sua politica più importante. Il Sud Globale sta rapidamente traendo conclusioni serie, soprattutto in contrasto con l'evidente politicizzazione del G20, visibile al vertice di novembre a Bali.

Poszar è quindi una gemma rara: un analista occidentale che capisce che i BRICS sono i nuovi G5 che contano e che stanno guidando la strada verso il BRICS+. Ha anche capito che il Quartetto che conta davvero è quello dei tre principali BRICS-più-l'Iran.

L'acuto disaccoppiamento della catena di approvvigionamento, il crescendo dell'isteria occidentale per la posizione di Pechino sulla guerra in Ucraina e le gravi battute d'arresto degli investimenti cinesi in Occidente sono tutti fattori che giocano a favore dello sviluppo della BRI 2.0. Pechino si concentrerà contemporaneamente su diversi nodi del Sud Globale, in particolare sui vicini dell'ASEAN e dell'Eurasia.

Si pensi, ad esempio, alla ferrovia ad alta velocità Jakarta-Bandung, finanziata da Pechino, la prima del Sud-Est asiatico: un progetto BRI che si inaugura quest'anno, mentre l'Indonesia ospita la presidenza di turno dell'ASEAN. La Cina sta inoltre costruendo l'East Coast Rail Link in Malesia e ha rinnovato i negoziati con le Filippine per tre progetti ferroviari.

Ci sono poi le interconnessioni sovrapposte. L'UEE concluderà un accordo per una zona di libero scambio con la Thailandia. A margine dell'epico ritorno al potere di Luiz Inácio Lula da Silva in Brasile, domenica scorsa, i funzionari di Iran e Arabia Saudita si sono incontrati tra i sorrisi per discutere – che altro – di BRICS+. Ottima la scelta della sede: Il Brasile è considerato da quasi tutti gli attori geopolitici un territorio neutrale di prim'ordine.

Dal punto di vista di Pechino, la posta in gioco non potrebbe essere più alta, poiché l'obiettivo della BRI 2.0 nel Sud Globale è di non permettere alla Cina di dipendere dai mercati occidentali. Ne è prova l'approccio combinato nei confronti dell'Iran e del mondo arabo.

La Cina che perde contemporaneamente la domanda di mercato degli Stati Uniti e dell'Unione Europea potrebbe finire per essere solo un piccolo intoppo sulla strada (multipolare), anche se il crollo dell'Occidente collettivo potrebbe sembrare sospettosamente programmato per affossare la Cina.

L'anno 2023 procederà con una Cina che gioca il "Nuovo Grande Gioco" nel profondo, creando una globalizzazione 2.0 sostenuta istituzionalmente da una rete che comprende la BRI, i BRICS+, la SCO e, con l'aiuto del partner strategico russo, anche l'EEU e l'OPEC+. Non c'è da stupirsi che i soliti sospetti siano storditi e confusi.

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti