World Affairs/La Cina denuncia la "malattia cronica" del razzismo negli Stati U...

La Cina denuncia la "malattia cronica" del razzismo negli Stati Uniti

 

La Cina ha denunciato la "malattia cronica" del razzismo negli Stati Uniti, in seguito alla morte di George Floyd, che ha innescato una serie di proteste in tutto il paese nordamericano


I disordini in diverse città americane sono un segno della "gravità del problema del razzismo e della violenza della polizia negli Stati Uniti", ha dichiarato ai giornalisti il ??portavoce del ministro degli Esteri cinese Zhao Lijian. 
 
 
"Mentalità della guerra fredda"
 
Il portavoce del ministero degli Esteri cinese paragona la violenza negli Stati Uniti con quella di Hong Kong lo scorso anno in risposta all'influenza di Pechino ex colonia britannica. 
 
Secondo il portavoce, la risposta degli Stati Uniti alle manifestazioni contro la violenza della polizia sul suo territorio è "un caso da manuale dei loro doppi standard - due misure di fama mondiale". "Perché gli Stati Uniti trattano i sostenitori della violenza di Hong Kong e della cosiddetta indipendenza come eroi, mentre chiamano coloro che denunciano il razzismo "rivoltosi?", è la domanda che ha posto il rappresentante di Pechino.  

Inoltre, la Cina oggi ha promesso un "contrattacco" nei confronti degli Stati Uniti dopo gli annunci del presidente americano Donald Trump, che vuole limitare l'ingresso di cittadini cinesi nel suo territorio e imporre sanzioni commerciali a Hong Kong. 
 
Questa è la prima reazione di Pechino da quando sono state annunciate tali le misure dall'inquilino della Casa Bianca. Si verifica in un contesto di forti tensioni bilaterali intorno a Covid-19, la situazione dei musulmani uiguri nella Cina nord-occidentale e il commercio bilaterale. 
 
Con tono minaccioso, Donald Trump ha annunciato che gli Stati Uniti stanno sospendendo l'ingresso di cittadini cinesi che rappresentano un potenziale "rischio" per la sicurezza del paese.  
 
Il miliardario repubblicano ha anche chiesto alla sua amministrazione di porre fine alle misure commerciali preferenziali concesse a Hong Kong, per denunciare la legge sulla sicurezza nazionale che Pechino vuole attuare nel suo territorio autonomo. Donald Trump ha anche chiesto ai suoi collaboratori di indagare sulle società cinesi quotate negli Stati Uniti. 
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa