La costruzione coloniale dell'Afghanistan: Il persiano e lo spirito persistente dell'antica civiltà iraniana

La costruzione coloniale dell'Afghanistan: Il persiano e lo spirito persistente dell'antica civiltà iraniana

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Prosegue il viaggio di ricerca storica alle radici dell'Afghanistan, una modalità per capire gli attuali conflitti, come ha agito e come forse agirà il colonialismo occidentale. Per visonari i capitoli precedenti potete cliccare qui: Primo, Secondo.

da Al Mayadeen English

[questo saggio è stato tradotto dal tedesco e dall'inglese in italiano da Nora Hoppe]

Questa regione ha sempre assistito a sconvolgimenti e cambiamenti radicali fino ad oggi, intervallati da periodi di calma a volte più brevi, altri più lunghi.

PARTE I

Capitolo 3

  • La persistenza della lingua persiana.

Gli sconvolgimenti e i cambiamenti radicali in questa regione continuano fino ad oggi, intervallati da periodi di calma a volte più brevi, altri più lunghi. Nonostante tutte le invasioni, le guerre, le distruzioni e le epoche di dominio straniero, lo spirito dell'antica cultura iraniana è sempre riuscito a sopravvivere nel Khorasan, risorgendo continuamente come una fenice dalle ceneri nel corpo della lingua "dari-persiana".

Tutti i governanti stranieri e locali di altre origini culturali e lingue madri hanno lasciato intatto il persiano dari nel loro dominio come lingua ufficiale - una sorta di "lingua franca" - e anche per la loro letteratura. Alcune di queste dinastie regnanti straniere si fecero addirittura un nome promuovendo e diffondendo la letteratura dell'epoca in dari-persiano.

Il re sasanide Bahram Gor (421-438 d.C.), nella cui provincia natale di Pars la lingua persiana media (nota come "persiano Pahlavi") era ampiamente parlata, elevò il persiano Dari - che si era di fatto evoluto dal persiano medio nel Khorasan - allo status di lingua di corte e lingua ufficiale dell'intero impero sasanide.

Solo due sistemi di governo hanno tentato di sradicare il persiano dari dalla regione: il califfato arabo, quando occupò il Grande Iran (compreso il Khorasan) nel VII e VIII secolo e lo stato pashtun, dall'inizio del XX secolo in quello che oggi è "l'Afghanistan".

Questo assalto alla lingua dari-persiana rimane tuttora in corso.

Dopo la caduta dei Sassanidi nel VII secolo, gli eserciti arabi conquistarono e occuparono l'Iran occidentale. Gli arabi introdussero successivamente un nuovo sistema amministrativo modellato su quello dei Sassanidi e, inizialmente, tutto ciò che veniva scritto dalle autorità amministrative era in lingua persiana.

Ma il sovrano omayyade Abd al-Malik ibn Marwan decise di cambiare la lingua del Diwan (l'amministrazione) dal persiano all'arabo. Questo segnò l'inizio della "arabizzazione" dei territori conquistati. Gli Omayyadi, a tutti gli effetti, praticarono una politica di apartheid sciovinista e razzista in tutte le sfere sociali contro i popoli iraniani sconfitti. L'uso della lingua persiana fu penalizzato e l'arabo fu considerato l'unica lingua ufficiale. Da allora in poi, tutte le questioni nell'amministrazione, nella scienza, nella letteratura e in altri campi che coinvolgevano la corrispondenza dovevano essere condotte esclusivamente in arabo; i trasgressori dovevano essere puniti. Ciononostante, la popolazione si ostinava a parlare persiano in casa, per strada, e nei mercati. Questa repressione della lingua persiana portò infine a crescenti insurrezioni e rivolte.

Fu la rivolta condotta da Behzadan Pure Wandad Hormozd, meglio conosciuto come Abu Moslem Khorassani, che alla fine portò al rovesciamento degli Omayyadi e alla fondazione della dinastia Abbaside da parte dello stesso Abu Moslem (nel 750 d.C.).

La capitale imperiale fu spostata da Damasco a Baghdad. Gli Omayyadi appartenevano alla classe aristocratica della Makka (Mecca), il cui dominio era noto come "Califfato Arabo"; mentre quello degli Abbasidi era chiamato "Califfato Islamico".

Ma non passò molto tempo prima che altri popoli iraniani si sollevassero contro gli Abbasidi e stabilissero i propri stati. I Tahiridi furono la prima dinastia a dichiarare l'autonomia e a stabilire un proprio stato nel Khorasan. Durante il loro governo, la lingua persiana fu gradualmente ravvivata in campo letterario.

Yaqub Layth Saffar, il fondatore della dinastia saffaride (861-1003), alla fine abolì l'uso dell'arabo nella letteratura e nell'amministrazione vietando la lingua in tutto il suo impero. Tuttavia, l'arabo continuò ad essere impiegato nei campi scientifici per qualche tempo.

Fu sotto i Samanidi (819-1005) e i Ghaznavidi (997-1186 - in effetti una dinastia di origine turca), che il persiano dari raggiunse la sua età dell'oro.

La regione in cui il persiano fu usato come lingua franca e come lingua ufficiale e culturale si estendeva fino all'India (grazie ai mongoli che la portarono lì) e alla Cina nord-occidentale, così come nel Caucaso e in Asia Minore.

La diffusione della lingua persiana

Per secoli, il Khorasan ha sostenuto il dominio di greci, indù, arabi, turchi, mongoli e uzbeki.

Per gli abitanti del Khorasan, la questione se la dinastia dominante, il governo o lo stato fossero costituiti dalla loro stessa gente o da stranieri non ha mai giocato un ruolo cruciale come è stato invece spesso sostenuto. Infatti, in questa regione, le dinastie al potere spesso non provenivano dalla popolazione locale. Finché questi governanti garantivano, sostenevano o si spingevano fino a promuovere la lingua e la cultura persiana e garantivano la giustizia sociale e interetnica, erano accettati. Ma non appena questi criteri venivano violati, scoppiava la resistenza popolare che, a seconda delle circostanze, portava anche a combattimenti in piena regola.

Tutti i conquistatori non hanno mai avuto un "piano B" per il tempo successivo alle loro conquiste. Per mantenere e amministrare il Khorasan, erano obbligati ad affidarsi alle popolazioni locali e alle loro élite - iraniani di lingua persiana... e non passò molto tempo prima che gli abitanti del Khorasan diventassero i veri amministratori e, come spesso accade, i veri "governanti" dell'impero.

Dopo l'impero Timurid (1370-1506), il Khorasan cadde gradualmente nel declino culturale e nel malgoverno, circostanze che peggiorarono solo durante l'epoca safavide e migliorarono a mala pena sotto i duecento anni di dominio pashtun fino ad oggi.

Nel corso dei secoli, il Khorasan ha conosciuto una grande varietà di religioni: politeismo, mitraismo, zoroastrismo, zurvanismo, manicheismo, induismo, buddismo, islam.

L'Iran occidentale (l'attuale Repubblica Islamica dell'Iran) fu conquistato e islamizzato relativamente rapidamente dagli arabi, mentre ampie parti dell'Iran orientale (Khorasan) resistettero all'Islam per secoli. Gli ultimi non musulmani della regione, i Kalash, che erano chiamati "Kafaran" o "Kafir" (infedeli) da altri, furono "convertiti" all'Islam solo nel XIX secolo dal despota Amir Abdoll Rahman, e la loro terra "Kafaristan" ("terra degli infedeli") fu ribattezzata "Nurestan" ("terra della luce"). Come i Pashtun, la maggioranza oggi è musulmana devota. Ma una parte minore della loro popolazione (ora in territorio pakistano) conserva ancora le loro credenze animiste.

Di tutte queste religioni, l'Islam rimane oggi la più diffusa e duratura. (Ci sono, naturalmente, ragioni e fattori per questo, ma questo è un argomento per un altro saggio).

La religione e la fede hanno sempre giocato un ruolo importante nel Khorasan. Ma la gente ha sempre gravitato più verso una spiritualità universale che verso una versione dogmatica e fondamentalista della religione e dell'ideologia islamica (come un sistema organizzato, fisso e limitato).

Così, gli abitanti del Khorasan, indipendentemente dalla loro appartenenza etnica e linguistica, possono essersi convertiti all'Islam, ma nel farlo hanno mantenuto aspetti o elementi importanti delle loro precedenti credenze e tradizioni... E per far sì che queste "vestigia" rimanessero vitali, erano delicatamente tinte o vigorosamente mescolate con le "tinte" prevalenti dell'Islam.

Per citare un esempio, nella parte settentrionale del Khorasan, a sud dell'Oxus si trova la città di Mazare Sharif nella provincia di Balkh, sede della Moschea Blu (conosciuta anche come Mazare Hazrat Ali - la "Tomba di Hazrat Ali"). Qui, ogni anno, il 1° di Farwardin (il primo mese del calendario solare Hijri che corrisponde al 21 marzo), si celebra il Capodanno "pagano" - Nauroz con una cerimonia speciale e unica.

(Negli anni '90 questa celebrazione è stata vietata per anni dai Talebani; come la nuova amministrazione talebana - se sarà ancora al potere - risponderà alle prossime feste del Nauroz resta da vedere). L'eccezionale osservanza del Nauroz in questo particolare sito ha portato alcuni storici a speculare su una concreta affiliazione tra la Moschea Blu e gli antichi templi del fuoco zoroastriani. Anche se tale speculazione non ha potuto essere confermata, rimane un chiaro esempio di tradizioni iraniane pre-islamiche che vivono in veste islamica.

Lo spiritismo, che ha le sue radici nelle religioni e culture pre-islamiche, ha dato origine nel tempo a numerose scuole mistiche Sufi, ordini e sette.

Il sufismo e il misticismo islamico (Tasawwuf/Erfân - misticismo/Sufismo) in Iran è un amalgama dell'Islam con le fedi iraniane pre-islamiche che comprendono la religione zoroastriana, il mitraismo, lo Zurvanismo, il manicheismo... con elementi di induismo, buddismo, misticismo e filosofia greca (specialmente stoicismo, neoplatonismo) e nestorianesimo cristiano.

Alcuni studiosi, come Edward G. Browne, sostengono che il sufismo e il misticismo in Iran era una "reazione iraniana alla secca ortodossia dell'Islam semitico". La seguente dichiarazione di Abu Sa'id Abu'l-Khayr, un eminente sufi e mistico del Khorasan (X secolo), sembra sostenere questa idea: "Il Tasawwuf è come un mulino che trasforma il grossolano in qualcosa di fine".

Il sufismo e il misticismo non sono, naturalmente, limitati alla sfera culturale iraniana. Sono nati e si sono sviluppati in tutto il mondo islamico fin dal suo inizio e hanno ancora oggi il loro posto nel mondo islamico - dall'India, Cina, Indonesia all'Asia occidentale, Europa orientale, Spagna, Nord Africa e Africa orientale.

Ma ciò che dà a queste scuole di pensiero uno status speciale nel Khorasan e nell'Iran occidentale, a parte il loro ruolo politico, è il loro legame inseparabile con la lingua e la cultura persiana-iraniana, che rimane al centro dell'identità della gente nell'Iran e nel Khorasan di oggi. Questo è anche il motivo per cui la lingua persiana e le sue tradizioni associate erano così importanti per il popolo di lingua persiana dell'antico Khorasan e rimangono tali per loro in Afghanistan oggi.

Questa identità è sotto attacco in Afghanistan da un centinaio di anni.

 

Tariq Marzbaan

Tariq Marzbaan

 

Nato a Kabul nel 1959, dove ha vissuto fino al 1982 quando si è rifugiato con parte della sua famiglia a Peshawar in Pakistan, poi in Germania dove ha ottenuto la cittadinanza anni dopo. Attualmente risiede nell'Asia sudorientale. Ha conseguito un master in letteratura persiana e filologia tedesca, oltre a continui studi indipendenti sulla geopolitica, la storia e il colonialismo. Ha lavorato come fumettista politico, artista, ricercatore e traduttore di notizie, montatore cinematografico, sceneggiatore. Ha prodotto e diretto il suo film documentario-saggio sull'esilio "The Storm Bird", che è stato presentato nei festival internazionali. Editorialista per Al Mayadeen English.

"Il Waste Land è la terra del non-spazio e del non-tempo, la visione di un luogo di nessuno, che con la sua oscurità infrange ogni speranza, in cui gli abitanti si dibattono in un clima di disperazione e soffocamento."

- Angelo De Sio, nella sua analisi de 'La terra desolata', poema di T.S. Eliot

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci di Francesco Erspamer  Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti