/ La difesa aerea yemenita puņ essere una minaccia per i jet da com...

La difesa aerea yemenita puņ essere una minaccia per i jet da combattimento F-15 e F-16, Eurofighter Typhoon e Tornado dell'Arabia Saudita

 

Lo sviluppo dei sistemi di difesa aerea yemenita č nelle fasi finali e con risultati sorprendenti.


Il sito di notizie arabe Rai Al-Youm in un articolo scritto da Kamel al-Moameri, pone la domanda: "I combattenti di Ansarullah sono in grado di abbattere i bombardieri dalla coalizione e modificare l'equazione militare? Qual è la prossima sorpresa di Ansarullah e dove si svolgerà?".
 
"Secondo  le affermazioni dei leader di Ansarullah che dicono di essere entrati nell'ultima fase di sviluppo e produzione di sistemi antiaerei", i missili della difesa antiaerea saranno in grado di intercettare i bombardieri di sauditi e Emirati ?, e, "Come cambierà il gioco, se le forze di Ansarullah riusciranno anche in parte?".
 
"Questa non è la prima volta che il governo nazionale della salvezza yemenita ha menzionato lo sviluppo del sistema di difesa antiaerea e la sua ridistribuzione. Ma le recenti osservazioni del Ministro della Difesa yemenita sul passaggio all'ultima fase della produzione di questo sistema antiaereo sono piene di significato. È sufficiente, in effetti, schierare questi sistemi di difesa aerea in diverse regioni per proteggere lo Yemen dagli attacchi di aggressione saudita ", ha spiegato Moameri.
 
La domanda è più sorprendente quando si apprende che, nonostante la spesa di circa $ 10.000, i sistemi di difesa aerea in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti non si sono dimostrati in grado di identificare i droni yemeniti che hanno già colpito obiettivi mirati ad Abu Dhabi, Dubai e Riad. Un recente esempio della performance della difesa aerea, DCA, dello Yemen, schierato a Sanaa, Hodeïda anche alcune aree di conflitto a Najrane, la distruzione dell'UAV americano, fiore all'occhiello dell'industria degli armamenti degli Stati Uniti, un paradosso che fa sorgere molti domande, secondo l'analisi di al-Moameri.
 
"L'imminente entrata in vigore del sistema di difesa aerea yemenita arriva in un momento in cui i combattenti hanno preso il sopravvento sui campi di battaglia", ha detto l'autore di questo articolo e ha precisato: "Dalla fase difensiva, i combattenti Ansarullah sono andati sull'offensiva.
I sistemi di difesa aerea devono quindi essere installati per inseguire gli aerei della coalizione pro-Riyad che prendono di mira i combattenti sui campi di battaglia e nelle zone residenziali delle città ".
 
"È arrivato il momento di lanciare operazioni offensive volte a liberare le aree occupate dalle forze yemenite sostenute dalla coalizione di aggressione. Le autorità di Sanaa confermano che gli aerei nemici non sorvoleranno il cielo dello Yemen in modo sicuro ", ha detto.
 
"A causa delle domande altamente segrete sull'abilità difensiva di Ansarullah, molte domande rimangono senza risposta per il momento. Ma sappiamo che lo Yemen aveva a sua disposizione l'ex presidente yemenita Ali Abdallah Saleh, i sistemi missilistici terra-aria di Buk-M1 e Osa, missili che non erano stati usati per ragioni tecniche. Il paese aveva anche missili antiaerei SAM-6 e un numero di missili terra-aria Sam-7 o Igla. Il primo giorno dell'enorme operazione contro lo Yemen, la coalizione di aggressioni saudite ha riportato lo smantellamento totale di tutti questi sistemi. Ma nel gennaio 2018, il portavoce della coalizione saudita ha riconosciuto il rafforzamento della capacità militare di Ansarullah. Questo è considerato un grosso difetto per una coalizione che ha imposto un blocco di terra, aria e mare nello Yemen", ha ricordato l'autore.
 
"Nei prossimi giorni verranno svelati maggiori dettagli sulla capacità di salvataggio nazionale del DCA da parte del governo yemenita contro gli F-15, F-16 dell'Arabia Saudita, Eurofighter Typhoon e Tornado. Resta da vedere, Ansarullah riuscirà a cambiare l'ordine militare a suo favore? ha concluso Moameri.
 
Fonte: Rai Al-Youm
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa