La mattanza non si ferma nemmeno a Natale. Nuovo massacro in Colombia

La mattanza non si ferma nemmeno a Natale. Nuovo massacro in Colombia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Colombia paese di stragi, disuguaglianze, crimini impuniti e assenza di qualsiasi anche solo parvenza di democrazia. Paese che però viene coccolato, protetto e tenuto lontano da ogni critica dal decadente, sempre più ipocrito mondo occidentale, in quanto completamente asservito agli Stati Uniti. Questa è la triste realtà che i giornali nostrani non vi raccontano. 

I crimini non si fermano nemmeno a Natale. Un nuovo massacro è stato registrato in Colombia. La macabra contabilità del 2020 segna 89. Tre persone sono state uccise, tra cui un ex combattente delle FARC-EP, nella zona rurale del distretto di Chapinero, nel comune di Neiva.

Il massacro, i cui autori sono al momento sconosciuti secondo quanto riferisce l’emittente teleSUR, è avvenuto nel villaggio di Bajo Horizonte, nel distretto di Chapinero del dipartimento di Huila, nel sud della Colombia, secondo il rapporto delle autorità.

Una delle vittime è stata identificata come Mesías Pajoy Sabogal, un ex ribelle delle Forze armate rivoluzionarie della Colombia - Esercito popolare (FARC-EP), ma che già da anni aveva abbandonato la lotta armata.

Pajoy Sabogal non era più un guerrigliero dal 2010 e da allora ha lavorato la terra in una fattoria. 

Secondo l'Istituto per lo Sviluppo e la Pace (Indepaz), i massacri perpetrati quest'anno nel paese si dimostrano come un "metodo di sottomissione, attraverso il terrore, nelle aree di interesse per gruppi armati illegali”.

"Nel 2020 raggiungiamo livelli simili a quelli verificatisi nel 2005 (134 massacri), soprattutto in 40 comuni della Bassa Cauca Antioqueño, Cauca nord e sud-occidentale, Nariño Pacifico, Putumayo e Catatumbo”.

Non c’è pace nemmeno a Natale per la martoriata Colombia. 

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra