La minaccia di Netanyahu aspettando la Corte Penale internazionale

La minaccia di Netanyahu aspettando la Corte Penale internazionale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Nel caso in cui la Corte penale internazionale dell'Aja (Cpi) emettesse un mandato di arresto per i leader del paese ebraico, il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu( anche lui compreso nel mandato di arresto), avrebbe minacciato di adottare "misure di ritorsione" contro l'Autorità palestinese che "potrebbero portare al suo collasso."

Tel Aviv, inoltre, ha comunicato agli Stati Uniti di essere in possesso di informazioni secondo le quali funzionari dell'Autorità Palestinese "stanno facendo pressioni" sul procuratore della CPI affinché intraprendesse tale azione. Lo ha riferito Axios il 2 maggio, citando funzionari israeliani e statunitensi a conoscenza della questione.

Secondo il media, una delle fonti ha indicato che la minaccia che grava su Netanyahu in relazione al possibile mandato di arresto è reale e, se si verificasse uno scenario del genere, il governo israeliano annuncerebbe una decisione ufficiale volta a penalizzare l'Autorità Palestinese.

Una delle azioni possibili potrebbe essere quella di "congelare il trasferimento delle entrate fiscali che Israele riscuote per l'Autorità Palestinese". "Senza questi fondi, l'Autorità Palestinese sarebbe in bancarotta", si legge nell'articolo.

Finora né la Casa Bianca, né l'ufficio del primo ministro israeliano, né l'Autorità palestinese hanno risposto alle richieste di commento in merito.

Netanyahu è “nervoso”

La scorsa settimana, il quotidiano Maariv ha riferito che Netanyahu è "estremamente allarmato e nervoso" per la possibilità che la Corte penale internazionale dell'Aja emetta un mandato di arresto nei suoi confronti.

Secondo la testata, negli ultimi giorni il leader del Paese ebraico ha, in pratica, fatto una "maratona di telefonate " nel tentativo di fare pressione sulle parti interessate sulla questione, in primis sul presidente americano Joe Biden, che ha criticato Netanyahu per il suo modo di gestire la guerra nella Striscia di Gaza e le numerose morti civili. 

Il giornale sostiene che l'emissione di un mandato d'arresto contro Netanyahu è “solo questione di tempo”. Anche il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant e forse il capo di stato maggiore delle forze di difesa israeliane Herzi Halevi subirebbero la stessa sorte.

Sarebbe uno “scandalo di proporzioni storiche”

Da parte sua, ieri, lo stesso Netanyahu ha esortato coloro che ha definito "leader del mondo libero" a impedire alla Corte penale internazionale di emettere eventuali mandati di arresto contro funzionari israeliani per crimini di guerra nella Striscia di Gaza.

Definendo la possibile mossa uno "scandalo di proporzioni storiche" e un "crimine d'odio antisemita senza precedenti", Netanyahu ha ricordato che, se i mandati di arresto verranno emessi, "sarà la prima volta che un paese democratico lotta per la propria vita secondo le regole della guerra siano imputate di crimini di guerra. "Speriamo che utilizzino tutti i mezzi a loro disposizione per fermare questa misura pericolosa", ha concluso.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti