La minaccia di una guerra Russia-Turchia-NATO a Idlib è una manna dal cielo per la politica estera degli Stati Uniti

La minaccia di una guerra Russia-Turchia-NATO a Idlib è una manna dal cielo per la politica estera degli Stati Uniti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Segue l'analisi di Darius Shahtahmasebi, analista politico e legale specializzato sulla politica estera degli Stati Uniti in Medio Oriente, Asia e regione del Pacifico. Esercita la posizione di  avvocato in due giurisdizioni internazionali.
 
La Turchia chiede la protezione della NATO dopo che 33 dei suoi soldati sono stati uccisi in un apparente attacco aereo siriano a Idlib, presumibilmente mentre combattevano nei ranghi terroristici. Nel caos regionale che ne consegue, solo un giocatore può guadagnare.
 
Le speculazioni su ciò che verrà dopo hanno visto #article 5 che fa  tendenza su Twitter nelle ore successive agli attacchi, dopo che Omer Celik, portavoce del partito al potere AKP al potere in Turchia, ha indicato ai giornalisti ad Ankara che stava cercando di chiedere protezione formale alla NATO contro Damasco e, per procura, contro l'aeronautica russa.
 
“Chiediamo alla NATO di [avviare] le consultazioni. Questo non è [un attacco] solo alla Turchia, è un attacco alla comunità internazionale. È necessaria una reazione comune. L'attacco è stato anche contro la NATO ", ha precisato Celik ai media turchi.
L'articolo 5 del trattato NATO afferma che un attacco ad un membro è un attacco a tutti loro.
 
Anche il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha condannato l'attacco, affermando che sta dalla parte della "Turchia alleata della NATO". Ha inoltre affermato che continua a "chiedere la fine immediata di questa spregevole offensiva da parte del regime di Assad, della Russia e delle forze sostenute dall'Iran". Mai uno che ci delude, l'inviato americano alla NATO Kay Bailey Hutchinson ha anche detto ai giornalisti che "tutto è sul tavolo".
 
Tuttavia, non è chiaro se la NATO abbia la capacità di sostenere la Turchia in alcun modo significativo in una guerra contro un governo siriano che è sostenuto dall'aeronautica russa. Non è inoltre chiaro se l'articolo 5 si estenda agli alleati della NATO quando hanno effettivamente invaso un'entità straniera. In effetti, anche se nessuna entità dei media corporativi lo ammettesse volentieri, la nazione che si difende in questo specifico insieme di fatti è la Siria, non la Turchia.
 
Detto questo, Ankara ha trovato un modo per garantire che le nazioni europee non ignorino completamente la situazione. Di recente, secondo quanto riferito, la Turchia ha  aperto il confine con Idlib per consentire a un afflusso di rifugiati siriani di fuggire in Europa, il che sicuramente aumenterà in modo significativo le tensioni regionali.
 
Mosca ha risposto alla situazione evidenziando il rapporto di Ankara con le varie entità jihadiste in Siria. Secondo il ministero della Difesa russo, l'attacco aereo è stato compiuto quando l'esercito siriano stava respingendo un'offensiva da parte del gruppo ufficiale siriano di al-Qaeda, Hayat Tahrir al-Sham, all'interno della "zona di de-escalation" di Idlib . Naturalmente, chiunque abbia prestato attenzione alla guerra in Siria può apprezzare che il supporto materiale e finanziario di Ankara per i gruppi terroristici in Siria, incluso e in particolare l'ISIS, è stato documentato da tempo.
 
Se una guerra calda è sul tavolo o meno, la situazione attuale è quasi matura per l'establishment della politica estera degli Stati Uniti, che da un po' sogna di mettere la Russia e la Turchia in rotta di collisione. Se dubitate di questo, è necessario guardare solo a questo paragrafo finale di una recente articolo sul the Guardian  :"Kay Bailey Hutchison, l'ambasciatore degli Stati Uniti presso la NATO, ha detto che gli eventi di giovedì dovrebbero mostrare alla Turchia" chi è il loro partner affidabile e chi non lo è "e spingerlo a rinunciare all'acquisto di un importante sistema di difesa missilistica russa, che Washington afferma minaccia l'occidente alleanza. " [Enfasi aggiunta]
 
Gli Stati Uniti sono stati seriamente turbati dalla mossa della Turchia di procurarsi il sistema missilistico S-400 della Russia. Washington è anche preoccupata dal desiderio della Turchia di unirsi all'Organizzazione di cooperazione di Shanghai (SCO) dominata dalla Cina e dalla Russia, che potrebbe vedere la Turchia in un'alleanza con non solo Russia e Cina, ma anche l' Iran .
 
Gli Stati Uniti sono disposti a sostenere la Turchia in un angolo in cui si trova di fronte alla Russia, con o senza il pieno sostegno dell'alleanza NATO, se ciò significa che quella che sembrava una fruttuosa relazione tra Ankara e Mosca cadrà completamente a pezzi.
D'altra parte, è improbabile che Mosca, un alleato chiave del governo siriano, mentre la Turchia insista sull'invasione del territorio siriano e sulla difesa dei vari gruppi jihadisti che hanno devastato la Siria per quasi un decennio.
 
Forse questo è ciò a cui Donald Trump ha accennato quando ha recentemente affermato che avrebbe superato la lotta contro l'ISIS  in Iraq, Siria, Iran e Russia mentre si concentrava sul mantenimento del controllo del petrolio e delle risorse. Gli Stati Uniti possono sedersi a margine e guardare altre nazioni combattere tra loro, mentre gli Stati Uniti si concentrano sul bottino di guerra.
 
La strategia di divisione e conquista dell'impero americano è ancora viva e vegeta. Dato il rischio di un conflitto accresciuto che coinvolge un membro della NATO che detiene un numero significativo di armi nucleari statunitensi, si può solo sperare che prevalgano teste più fredde e impedire l'accensione di un tale barile di polveri regionale. 
 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti