La "nuova moneta" dei BRICS e la de-dollarizzazione globale

La "nuova moneta" dei BRICS e la de-dollarizzazione globale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Michael Maharrey - Shiffgold


La Cina e il Brasile hanno recentemente concluso un accordo commerciale nelle loro valute, aggirando completamente il dollaro, ma questa non è l'unica notizia negativa per la valuta di riserva mondiale.

La scorsa settimana, un funzionario russo ha annunciato che i Paesi BRICS stanno lavorando per sviluppare una "nuova valuta", un altro segno che il dominio del dollaro sta scomparendo.

Il vicepresidente della Duma (l'assemblea legislativa russa) Alexander Babakov ha dichiarato che il passaggio ai regolamenti in valuta nazionale è il primo passo. Lo abbiamo già visto con i recenti accordi petroliferi tra India e Russia regolati in valute diverse dal dollaro.

“Il passo successivo è quello di prevedere la circolazione di valute digitali o di qualsiasi altra forma di valuta fondamentalmente nuova nel prossimo futuro. Penso che al vertice dei BRICS verrà annunciata la disponibilità a realizzare questo progetto, i cui lavori sono in corso".

Il vertice è previsto per agosto.

Babakov ha detto che i Paesi BRICS stanno sviluppando una strategia che "non difende il dollaro o l'euro" e che "una moneta unica" emergerà probabilmente all'interno dei BRICS, ancorata all'oro o ad "altri gruppi di prodotti, elementi di terre rare o suolo".

Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica costituiscono il blocco BRICS. Rappresentano circa il 40% della popolazione mondiale e un quarto del PIL globale.

L'anno scorso l'Iran ha chiesto ufficialmente di entrare a far parte dei BRICS e, secondo un articolo di The Cradle, diverse nazioni hanno espresso interesse ad aderire al blocco, tra cui Arabia Saudita, Algeria, Emirati Arabi Uniti, Egitto, Argentina, Messico e Nigeria.

L'ex capo economista di Goldman Sachs Jim O'Neill ha coniato l'acronimo BRIC. In un recente articolo pubblicato dal Global Policy Journal, ha sollecitato l'espansione dei BRICS.

"Il dollaro USA gioca un ruolo troppo dominante nella finanza globale", ha scritto.

"Ogni volta che il Federal Reserve Board ha intrapreso periodi di stretta monetaria o, al contrario, di allentamento, le conseguenze sul valore del dollaro e gli effetti a catena sono stati drammatici".

È chiaro che molti Paesi stanno cercando di ridurre al minimo la loro esposizione al dollaro.

La fiducia nel biglietto verde continua ad erodersi a causa dei prestiti, delle spese e delle creazioni di denaro dispendiose da parte del governo statunitense. L'uso del dollaro come arma di politica estera da parte degli Stati Uniti rende inoltre molti Paesi diffidenti nei confronti dell'idea di affidarsi esclusivamente al dollaro.

Secondo il Fondo Monetario Internazionale (FMI), la quota del dollaro nelle riserve valutarie globali è scesa sotto il 59% alla fine del 2021, prolungando un declino di due decenni.

È sorprendente che il calo della quota del dollaro non sia stato accompagnato da un aumento delle quote della sterlina, dello yen e dell'euro, altre valute di riserva di vecchia data...

“Piuttosto, lo spostamento dal dollaro è avvenuto in due direzioni: per un quarto verso il renminbi cinese e per tre quarti verso le valute di Paesi più piccoli che hanno svolto un ruolo più limitato come valute di riserva".

Questo è un grosso problema per il governo degli Stati Uniti.

Lo Zio Sam dipende dalla domanda di dollari per sostenere i suoi prestiti e le sue spese dispendiose. L'unica ragione per cui gli Stati Uniti possono farla franca con massicci deficit di bilancio e un debito nazionale in continua crescita è il ruolo del dollaro come valuta di riserva mondiale. Si crea una domanda globale incorporata di dollari e di titoli di Stato statunitensi che assorbono la creazione di denaro e mantengono la forza del dollaro. Ma cosa succede se questa domanda diminuisce? Cosa succede se i BRICS sviluppano una propria valuta e non hanno più bisogno di dollari per commerciare?

Se la domanda di dollari diminuisce, il valore del biglietto verde si erode rapidamente. Ciò significa un'inflazione dei prezzi ancora peggiore per gli statunitensi. Nel peggiore dei casi, il dollaro potrebbe crollare completamente.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti