La portaerei Queen Elizabeth del Regno Unito è stata davvero seguita da sottomarini cinesi?

La portaerei Queen Elizabeth del Regno Unito è stata davvero seguita da sottomarini cinesi?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

In Inghilterra affermano che una formazione d’attacco di una portaerei britannica in navigazione nel Mar Cinese Meridionale alla fine di luglio ha avvistato sottomarini a propulsione nucleare cinesi al suo seguito. 

Un articolo, pubblicato dal quotidiano Daily Express, dove non sono indicate fonti, afferma che due sottomarini d'attacco a propulsione nucleare Tipo 093 della Marina dell'Esercito Popolare di Liberazione Cinese (PLA) sono stati localizzati da operatori sonar antisommergibile a bordo delle fregate HMS Kent e HMS Richmond, che servivano come scorta per la portaerei HMS Queen Elizabeth nella formazione britannica. Inoltre aggiunge che un sottomarino della classe Astute del Regno Unito ha identificato un terzo sottomarino di tipo 093 mentre pattugliava davanti al gruppo di portaerei. 

I britannici dicono di essere riusciti a identificare i tipi di sottomarino cinesi dai suoni generati dalle eliche che sono unici per ogni sommergibile, scrive il Daily Express. “Questo dimostra che le nostre capacità antisommergibile, declinate durante l'Iraq e l'Afghanistan, sono tornate di ottimo livello”, si legge nell’articolo che cita le parole dell’ex contrammiraglio britannico Chris Parry.

Tuttavia, diversi esperti militari cinesi contattati dal Global Times dubitano della veridicità dell’articolo, poiché ritengono che il Regno Unito con articoli del genere voglia solo mettere in mostre le proprie capacità e attività. 

Insomma, per gli esperti cinesi, si tratta di marketing. 

Molte navi da guerra del Regno Unito non hanno raggiunto la piena capacità operativa e la loro capacità antisommergibile è limitata, ha affermato Song Zhongping, esperto militare e commentatore televisivo. Inoltre, nell’articolo si magnificano le capacità britanniche per sminuire i sottomarini cinesi. 

Quando conduce un'imboscata o un'intercettazione, un sottomarino non ha bisogno di essere vicino a una nave da guerra ostile per lanciare un attacco a lungo raggio, ha detto un altro esperto militare cinese al Global Times. 

Da così lontano, è molto difficile individuare il sottomarino, ha poi aggiunto l'esperto.

Come misura necessaria di difesa, è possibile che il PLA abbia utilizzato il gruppo d'attacco della portaerei HMS Queen Elizabeth come bersaglio immaginario per la pratica, ha dichiarato al Global Times un altro esperto di sottomarini. Inoltre è anche possibile che i sottomarini cinesi si siano rivelati intenzionalmente dopo aver portato a termine le loro missioni, inviando un avvertimento al gruppo di portaerei del Regno Unito, spiegano gli esperti. 

Il gruppo d'attacco della portaerei britannica ha navigato a lungo verso l'Estremo Oriente per mostrare i muscoli, creare problemi e interrompere la pace e la stabilità nella regione. Il Global Times evidenzia infine come i media britannici adesso una bugia infondata per far sembrare il Regno Unito vittima dell’aggressività cinese. Una tattica spesso utilizzata dalle forze occidentali per confondere le acque utilizzando "fatti" inventati per attaccare Pechino e creare teorie sulla "minaccia cinese”. 

Lo stesso identico copione che viene utilizzato dagli occidentali per attaccare la Russia. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO